Salute 25 Maggio 2020

Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni

Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali

di Tommaso Caldarelli

Un nuovo intervento sul New England Journal of Medicine a firma di due dottori di ricerca in Chimica computazionale alla Duke University e in Biochimica all’università di Londra inizia con la domanda delle domande: «Abbiamo bisogno urgente di farmaci che siano efficaci contro la malattia da coronavirus, ma quale è il modo più rapido per trovarli?». I metodi a disposizione della comunità scientifica, in effetti, paiono essere due: il primo è quello diretto, ovvero l’impegno per generare e sintetizzare una molecola autonoma che interrompa il ciclo di vita del virus; l’altro è quello, come è noto, di lavorare per analogia, «sperando che farmaci che hanno funzionato contro virus differenti (come l’Epatite C o l’Ebola) funzionino anche contro il Covid-19». Il virus che ha causato la pandemia a livello globale è composto «approssimativamente da 25 proteine, necessarie a quell’organismo per infettarsi e replicarsi»; e così «trovare dei farmaci che si possano legare a queste proteine virali e fermarne il funzionamento sembra un passo avanti abbastanza logico ed è la priorità di molti laboratori di ricerca». Ma come fare?

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, QUASI 60MILA GLI ARTICOLI SCIENTIFICI PUBBLICATI. JANOSOV (UNIVERSITÀ BUDAPEST): «ECCO LA FOTOGRAFIA DEI TREND DI RICERCA»

Potenti supercomputer sono attualmente in azione: «Simulano la possibilità di agganciamento di composti che stiamo ricercando con le proteine obiettivo. La potenzialità di aggancio dei composti sono calcolate con equazioni basate sulla fisica che quantificano le interazioni fra il farmaco e i suoi obiettivi virali. I composti che si piazzano meglio», spiega il NEJM, «vengono poi testati sperimentalmente per vedere se in effetti si crea il legame e se questo ha i desiderati effetti riduttori sull’azione del virus (ovvero se ferma la carica virale)». La ricerca su farmaci antivirali basata sui modelli per computer sta conoscendo una velocità finora ignota, permessa oggi dalla potenza degli elaboratori informatici «che riescono a simulare le potenzialità leganti di un miliardo di componenti in pochi giorni», prendendo in considerazione anche eventuali cambiamenti di forma o flessibilità nelle azioni delle proteine. «Un modello meno rigido e più realistico che ha avuto grande successo nella scoperta di farmaci anti-HIV a partire dagli anni 2000», mentre negli anni ‘90 i computer potevano simulare gli agganci di massimo 100 composti a volta ed era inoltre consentita solo una simulazione di aggancio “nel vuoto” quando nella dinamica reale «le proteine sperimentano movimenti interni, stimolati dalle temperature, che modificano la loro struttura di aggancio».

Ad una aumentata potenzialità di calcolo e di ricerca non corrisponde però, spiega il Journal, una contemporanea flessibilità ed adattività del quadro legale. Il problema appare cruciale, spiega il NEJM: «La consueta e laboriosa procedura per la scoperta e l’approvazione di nuovi farmaci, che durava anche decenni, difficilmente potrebbe essere meno adatta alla presente pandemia. L’autorizzazione all’utilizzo in parallelo di farmaci già esistenti consente invece un rapido meccanismo di sviluppo, perché i profili di sicurezza sono già noti». La questione è che anche con questa strada “accelerata” nella approvazione delle sperimentazioni sui farmaci si rischia di andare più lenti rispetto a quello che la ricerca scientifica è oggi in grado di fare: «In questo mondo surreale e accelerato del Covid, i progressi sono spesso rapidamente obsoleti. L’intelligenza artificiale è utilizzata per predire i legami farmacologici. Tipi diversi di controlli sperimentali in laboratorio sono stati impostati in tutto il mondo e continuano a crescere. Nel frattempo, per molte proteine del SARS-CoV-2, i sistemi di screening virtuale ad alto rendimento e di dinamiche di agganciamento alle cellule umane producono risultati ad altissima velocità. Nessuna di queste strategie garantisce il risultato, ma una combinazione di razionalità, di approfondimento scientifico e di temerarietà, unito con i più potenti strumenti a nostra disposizione, costituirà il nostro miglior tentativo».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 434.449 (10.874 in più rispetto a ieri). 144.373 i […]
«Pochi o nessun beneficio dagli antivirali sperimentati su pazienti Covid ricoverati». I primi risultati del trial OMS
I risultati intermedi del big-trial Solidarity su Remdesivir, Idrossiclorochina, Lopinavir, Ritonavir e Interferone-B1A
di Peter D'Angelo
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona
Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»
Coronavirus, non solo Trump: tutti i leader “nemici degli scienziati”
Il caso Modi (India), Bolsonaro (Brasile) e Johnson (UK) al centro dell’editoriale del British Medical Journal
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...