Salute 2 Agosto 2019

Farmaci contraffatti, quel business che fa gola alle mafie. Il 70% dei medicinali ‘tarocchi’ è venduto sul web

Un’indagine della rivista Il Salvagente traccia un quadro preoccupante del fenomeno alla luce di recenti fatti di cronaca: secondo l’Oms un farmaco su dieci in commercio è falso. Da febbraio in vigore il nuovo sistema europeo di contrasto alla contraffazione farmaceutica basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale

Immagine articolo

Un farmaco su dieci in commercio, secondo l’Oms, sarebbe falso, contraffatto o illegale. Un giro d’affari di dieci miliardi e mezzo, quello dei farmaci contraffatti, che ha un impatto (negativo) forte sull’economia italiana: 76.408 posti di lavoro persi, il 10,1% delle vendite regolari. Sono i numeri citati in una inchiesta pubblicata sulla rivista Il Salvagente, e firmata Massimo Solani, che inquadrano un fenomeno preoccupante, che danneggia l’economia italiana e mette a repentaglio la salute della popolazione.

«Secondo lo studio Euipo, Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale – si legge nell’articolo – elaborato sull’analisi dei beni sequestrati ai confini doganali, i paesi principali esportatori di prodotti contraffatti sono la Cina, il territorio autonomo di Hong Kong, gli Emirati Arabi Uniti, la Turchia, la città-stato di Singapore, la Tailandia, l’India e la Malaysia».

Per far fronte a questo problema lo scorso 9 febbraio è diventato operativo in 31 Stati dello spazio economico europeo (cioè i 28 paesi membri Ue più Norvegia, Liechtenstein e Islanda) il nuovo sistema europeo di contrasto alla contraffazione farmaceutica basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale.

LEGGI ANCHE: FARMACI CONTRAFFATTI, LUSI (NAS): «LOTTA DURA MA SIAMO ATTREZZATI CON NUOVE TECNOLOGIE COME BLOCKCHAIN»

«Tutti i farmaci con obbligo di ricetta dispensati nella Ue – continua l’inchiesta – sono quindi soggetti al nuovo sistema di tracciatura che consentirà la verifica di autenticità da parte del nuovo sistema europeo di verifica dei medicinali. In questo modo 2mila aziende farmaceutiche, circa 6mila grossisti, 140mila farmacie, 5mila farmacie ospedaliere e tutti i dispensatori di medicinali attivi nello spazio economico europeo sono collegati nel tentativo di proteggere i pazienti europei dal rischio di ingresso di farmaci contraffatti nella catena di approvvigionamento legale».

L’Italia non farà parte della nuova disciplina perché nel nostro Paese è già attivo un sistema preesistente, il cosiddetto bollino autoadesivo. Si tratta di bollini stampati su un supporto a tre strati in cui è riportato il codice che individua la numerazione progressiva, la denominazione del medicinale e il titolare dell’autorizzazione.

L’inchiesta prende spunto anche da recenti fatti di cronaca che hanno preoccupato l’opinione pubblica: a giugno le Fiamme Gialle del secondo gruppo di Genova, assieme agli uomini dell’Agenzia delle Dogane, hanno scoperto in due container in arrivo dalla Tunisia e di passaggio verso il Sudan 10 tonnellate di farmaci contraffatti, quattro delle quali di prodotti destinati ai bambini. «Medicinali comuni di largo consumo che, secondo gli inquirenti, sarebbero stati realizzati riproducendo illegalmente alcuni dei marchi più popolari per poi essere venduti on line attraverso portali e siti di e-commerce», si legge sul Salvagente.

Ed è infatti il web il ‘vaso di pandora’ dei farmaci contraffatti: secondo Federfarma, la Federazione dei farmacisti italiani, il 70% dei medicinali contraffatti venduti in Italia proviene da internet dove, stando ai dati della “European Alliance for Access to Safe Medicine” e della “National Association of Boards of Pharmacist” più del 95% delle farmacie risulta essere irregolare mentre il 50% dei farmaci venduti sarebbe contraffatto o illegale.

LEGGI ANCHE: FARMACI E RICERCHE, NUOVE FRONTIERE DELLA BLOCKCHAIN. LIBERATORE (IQVIA): «ORA SURVEY SANITARIE AD UN LIVELLO SUPERIORE E CONTRASTO ALLA CONTRAFFAZIONE»

I fatti di Genova non sono isolati: a luglio l’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, ha diramato un’allerta rapida internazionale su una serie di farmaci sospetti. In particolare, si chiede a tutti gli operatori del settore di “verificare con particolare attenzione le confezioni di Neupro, Vimpat, Clexane e Spiriva, in quanto la fornitura di questi medicinali potrebbe aver avuto origine da fonti non autorizzate”.

Del resto, il business dei farmaci contraffatti fa gola alle organizzazioni criminali: secondo una stima del Consiglio d’Europa, citata dall’inchiesta di Massimo Solani, il giro delle “false pillole” supera di venticinque volte per volume d’affari il traffico di droga. Secondo l’Iracm, l’Istituto di ricerca anti-contraffazione dei medicinali, mentre il traffico di eroina produce infatti una media di 20mila dollari di guadagno ogni mille investiti, lo stesso investimento nella falsificazione di un farmaco “blockbuster” (viene definito così il medicinale che vende svariate centinaia di migliaia di dollari all’anno) produce un profitto fra i 250mila e i 450mila dollari, fino a 20 volte di più del traffico di eroina. «Anche per questo, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, un farmaco su dieci in commercio risulta essere falso, contraffatto o illegale. Percentuale che nell’area dei paesi africani può raggiungere addirittura il 70%».

Articoli correlati
Cossolo (Federfarma): «Farmacie hanno dimostrato loro potenziale, ora siano più coinvolte nell’organizzazione del Ssn»
L’emergenza Covid-19 ha cambiato profondamente il modo di vivere, di lavorare, di apprendere, di accedere ai servizi, compresi quelli sanitari, di rapportarsi con gli altri. Molti di questi cambiamenti necessariamente si stabilizzeranno nella Fase 2. Vivremo in una società meno mobile, almeno per alcuni mesi: lavoro, scuola, sanità, pubblica amministrazione e organizzazione sociale in genere, […]
di Marco Cossolo, Presidente Federfarma
Corretto smaltimento di guanti e mascherine, il progetto di sensibilizzazione di Federfarma Napoli e Legambiente
Il presidente di Federfarma Napoli Di Iorio: «Prendersi cura del paziente significa anche prendersi cura dell’ambiente in cui vive»
Siglato l’accordo con Arcuri, le mascherine tornano in farmacia. Federfarma: «Aver agito in maniera fattiva e lontani da qualsiasi provocazione, ci ha ripagati»
È stato siglato ieri dopo svariate riunioni tenute negli ultimi giorni, l’accordo tra il Commissario per l’Emergenza, Domenico Arcuri, Federfarma e le associazioni dei distributori di prodotti medicali, per far fronte alla carenza di mascherine chirurgiche sul mercato. Come riportato da Filo Diretto, l’accordo, che va ad implementare quello raggiunto precedentemente tra le parti, prevede […]
Mascherine: necessario fare chiarezza
Federfarma ritiene necessario fare chiarezza in tema di mascherine chirurgiche, tanto più in queste ore in cui il Paese inizia a ripartire, con la Fase 2, e il loro uso è essenziale, insieme al  distanziamento fisico e al lavaggio accurato delle mani, per evitare di ritrovarsi tra qualche settimana costretti a una nuova quarantena. La […]
Firmato il Protocollo di Intesa tra Federfarma e FMI per la consegna dei farmaci a domicilio
In un periodo delicato e difficile per il nostro Paese, Federfarma e Federazione Motociclistica Italiana collaborano mettendo a disposizione delle Istituzioni professionalità, personale e competenze, per andare incontro ai bisogni dei cittadini, soprattutto quelli più fragili, come testimonia il Protocollo di Intesa siglato dalle due Federazioni, a seguito dell’attivazione dei volontari di FMI da parte […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...