Salute 2 Agosto 2019

Farmaci contraffatti, quel business che fa gola alle mafie. Il 70% dei medicinali ‘tarocchi’ è venduto sul web

Un’indagine della rivista Il Salvagente traccia un quadro preoccupante del fenomeno alla luce di recenti fatti di cronaca: secondo l’Oms un farmaco su dieci in commercio è falso. Da febbraio in vigore il nuovo sistema europeo di contrasto alla contraffazione farmaceutica basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale

Immagine articolo

Un farmaco su dieci in commercio, secondo l’Oms, sarebbe falso, contraffatto o illegale. Un giro d’affari di dieci miliardi e mezzo, quello dei farmaci contraffatti, che ha un impatto (negativo) forte sull’economia italiana: 76.408 posti di lavoro persi, il 10,1% delle vendite regolari. Sono i numeri citati in una inchiesta pubblicata sulla rivista Il Salvagente, e firmata Massimo Solani, che inquadrano un fenomeno preoccupante, che danneggia l’economia italiana e mette a repentaglio la salute della popolazione.

«Secondo lo studio Euipo, Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale – si legge nell’articolo – elaborato sull’analisi dei beni sequestrati ai confini doganali, i paesi principali esportatori di prodotti contraffatti sono la Cina, il territorio autonomo di Hong Kong, gli Emirati Arabi Uniti, la Turchia, la città-stato di Singapore, la Tailandia, l’India e la Malaysia».

Per far fronte a questo problema lo scorso 9 febbraio è diventato operativo in 31 Stati dello spazio economico europeo (cioè i 28 paesi membri Ue più Norvegia, Liechtenstein e Islanda) il nuovo sistema europeo di contrasto alla contraffazione farmaceutica basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale.

LEGGI ANCHE: FARMACI CONTRAFFATTI, LUSI (NAS): «LOTTA DURA MA SIAMO ATTREZZATI CON NUOVE TECNOLOGIE COME BLOCKCHAIN»

«Tutti i farmaci con obbligo di ricetta dispensati nella Ue – continua l’inchiesta – sono quindi soggetti al nuovo sistema di tracciatura che consentirà la verifica di autenticità da parte del nuovo sistema europeo di verifica dei medicinali. In questo modo 2mila aziende farmaceutiche, circa 6mila grossisti, 140mila farmacie, 5mila farmacie ospedaliere e tutti i dispensatori di medicinali attivi nello spazio economico europeo sono collegati nel tentativo di proteggere i pazienti europei dal rischio di ingresso di farmaci contraffatti nella catena di approvvigionamento legale».

L’Italia non farà parte della nuova disciplina perché nel nostro Paese è già attivo un sistema preesistente, il cosiddetto bollino autoadesivo. Si tratta di bollini stampati su un supporto a tre strati in cui è riportato il codice che individua la numerazione progressiva, la denominazione del medicinale e il titolare dell’autorizzazione.

L’inchiesta prende spunto anche da recenti fatti di cronaca che hanno preoccupato l’opinione pubblica: a giugno le Fiamme Gialle del secondo gruppo di Genova, assieme agli uomini dell’Agenzia delle Dogane, hanno scoperto in due container in arrivo dalla Tunisia e di passaggio verso il Sudan 10 tonnellate di farmaci contraffatti, quattro delle quali di prodotti destinati ai bambini. «Medicinali comuni di largo consumo che, secondo gli inquirenti, sarebbero stati realizzati riproducendo illegalmente alcuni dei marchi più popolari per poi essere venduti on line attraverso portali e siti di e-commerce», si legge sul Salvagente.

Ed è infatti il web il ‘vaso di pandora’ dei farmaci contraffatti: secondo Federfarma, la Federazione dei farmacisti italiani, il 70% dei medicinali contraffatti venduti in Italia proviene da internet dove, stando ai dati della “European Alliance for Access to Safe Medicine” e della “National Association of Boards of Pharmacist” più del 95% delle farmacie risulta essere irregolare mentre il 50% dei farmaci venduti sarebbe contraffatto o illegale.

LEGGI ANCHE: FARMACI E RICERCHE, NUOVE FRONTIERE DELLA BLOCKCHAIN. LIBERATORE (IQVIA): «ORA SURVEY SANITARIE AD UN LIVELLO SUPERIORE E CONTRASTO ALLA CONTRAFFAZIONE»

I fatti di Genova non sono isolati: a luglio l’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, ha diramato un’allerta rapida internazionale su una serie di farmaci sospetti. In particolare, si chiede a tutti gli operatori del settore di “verificare con particolare attenzione le confezioni di Neupro, Vimpat, Clexane e Spiriva, in quanto la fornitura di questi medicinali potrebbe aver avuto origine da fonti non autorizzate”.

Del resto, il business dei farmaci contraffatti fa gola alle organizzazioni criminali: secondo una stima del Consiglio d’Europa, citata dall’inchiesta di Massimo Solani, il giro delle “false pillole” supera di venticinque volte per volume d’affari il traffico di droga. Secondo l’Iracm, l’Istituto di ricerca anti-contraffazione dei medicinali, mentre il traffico di eroina produce infatti una media di 20mila dollari di guadagno ogni mille investiti, lo stesso investimento nella falsificazione di un farmaco “blockbuster” (viene definito così il medicinale che vende svariate centinaia di migliaia di dollari all’anno) produce un profitto fra i 250mila e i 450mila dollari, fino a 20 volte di più del traffico di eroina. «Anche per questo, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, un farmaco su dieci in commercio risulta essere falso, contraffatto o illegale. Percentuale che nell’area dei paesi africani può raggiungere addirittura il 70%».

Articoli correlati
Federfarma-Sunifar e Uncem al lavoro per i nuovi servizi nelle farmacie rurali
L’associazione delle Farmacie rurali (Federfarma Sunifar) e Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani) hanno avviato il lavoro per costruire nuovi servizi e opportunità da portare nelle farmacie, a beneficio di tutti i cittadini. Del tavolo, costituito ai sensi del protocollo firmato dalle due Associazioni, fanno parte i presidenti Silvia Pagliacci e Marco Bussone, insieme […]
Salute, le reazioni del mondo della sanità alle nomine di Sileri e Zampa
Le nomine sono arrivate al termine di un Consiglio dei Ministri lampo, dopo però una settimana di intense trattative. Immediate le reazioni del mondo medico tra cui FNOMCeO, Federfarma e SUMAI
Auguri al neoministro Speranza e al nuovo Governo
“Al neoministro della Salute Roberto Speranza le mie più vive congratulazioni e auguri di buon lavoro. Le sfide da affrontare per salvaguardare la sostenibilità e l’efficienza del Servizio sanitario nazionale, da una parte, e il ruolo svolto dalle farmacie sul territorio, dall’altra, sono molte: dal rinnovo della Convenzione – che deve essere portato a compimento, […]
di Marco Cossolo - Presidente Federfarma
“Farmacia Aperta”, la App di Federfarma Lombardia per trovare e raggiungere la farmacia più vicina
Racca (Federfarma Lombardia): «Presto, attraverso la stessa App, sarà possibile individuare tutti i servizi disponibili presso le varie farmacie nelle nostre vicinanze. Auspico che questa tecnologia possa essere usata anche in altre Regioni d’Italia, ponendo le basi per un’applicazione su scala nazionale»
di Isabella Faggiano
Farmacie rurali e Comunità montane, una nuova alleanza per dare più servizi ai cittadini
Salvaguardare le aree montane dallo spopolamento e assicurare ai residenti i servizi essenziali, a partire da quelli sanitari. Questi i principali obiettivi del protocollo d’intesa siglato ieri a Roma da Federfarma-Sunifar, che rappresenta le 6.700 farmacie dislocate nei comuni con meno di 5.000 abitanti, e UNCEM, l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani. Il protocollo impegna […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...