Salute 20 Novembre 2017

L’esercizio fisico come medicina per i diabetici. Assanelli (SIMSE): «Necessario formare i medici e fare rete»

«Se il SSN finanziasse l’attività fisica dei pazienti cronici, risparmierebbe molti soldi». L’intervista a Deodato Assanelli, Presidente della Società Italiana di Medicina dello Sport e dell’Esercizio

«Per i pazienti che soffrono di determinate malattie croniche l’esercizio fisico è una medicina e in quanto tale deve essere prescritto dal medico». È quanto dichiarato a Sanità Informazione dal Professor Deodato Assanelli, Presidente della Società Italiana di Medicina dello Sport e dell’Esercizio (SIMSE) e coordinatore dell’incontro dedicato a ‘Diabete mellito, tipo 1 e tipo 2, sport ed esercizio fisico’ che si svolgerà il prossimo 25 novembre presso l’Università degli Studi di Brescia (consulta qui il programma).  

Professore, quali sono gli obiettivi che il convegno intende raggiungere sul rapporto tra diabete ed esercizio fisico?

«Vogliamo innanzitutto far sapere che l’esercizio fisico è una medicina che va prescritta dal medico. Il focus dell’incontro sarà sul diabete e intendiamo proprio trasmettere l’idea che per un medico interfacciarsi con un paziente diabetico che intende fare sport o esercizio fisico è un po’ più complicato rispetto ad uno sportivo sano che il medico è più abituato a vedere. Ricordiamoci che i pazienti sani sono una cosa, e i pazienti malati un’altra, così come da un lato abbiamo lo sport e dall’altro l’esercizio fisico. Sono aspetti diversi che presuppongono competenze che vanno acquisite in modo differente. Altrimenti si pensa che chi si occupa di sportivi olimpici possa gestire anche degli ottantenni con tre malattie. Non è così. Quindi adesso la prossima sfida che dovremo affrontare e il convegno del 25 novembre sarà il primo passo in questo senso, è di fornire una formazione adeguata e professionale al maggior numero di medici possibile, in modo che sappiano come prescrivere l’esercizio fisico per certe tipologie di pazienti con malattie croniche. E, altro aspetto da non sottovalutare, è di cercare, nel tempo, di far rimborsare, almeno in parte, questi programmi al Servizio Sanitario Nazionale che, comunque, se incentiverà l’esercizio fisico per i pazienti cronici, potrà risparmiare e reinvestire molti soldi».

Qual è la situazione attuale in Italia per i pazienti con malattie croniche che vogliono fare sport o esercizio fisico?  

«Per ora solo alcune Regioni hanno definito quali sono le palestre sicure, cioè riconosciute dalle Asl, che hanno un personale e altri requisiti adeguati per far fare attività fisica a queste tipologie di pazienti. Però sono poche e distribuite, nel nostro Paese, a macchia di leopardo. Non c’è un modello univoco né a livello regionale né tanto meno a livello nazionale. Si tratta di strutture che lavorano o con fondi di ricerca o sono nell’ambito di un progetto pilota della Regione, della Asl o di altri enti. Oppure sono remunerate in buona parte dai pazienti stessi. Non c’è un sistema, non c’è una rete per gestire in modo sistematico questa problematica. E parliamo di una problematica enorme, perché pensi che solo a Brescia l’associazione diabetici della provincia, molto attiva, ha 6.500 iscritti su 70mila diabetici accertati e altri 20mila che non sanno di averlo. Senza dimenticare tutti coloro con ridotta tolleranza glucidica, che sono quasi tutti i familiari di primo grado dei diabetici e sono quindi almeno altrettanti. Si immagini quale sarebbe il lavoro da fare e quanto si potrebbe risparmiare…».

Lei diceva che lo sport è una medicina; ma quanto ne sanno i medici italiani dello sport come medicina?

«Io insegno medicina dello sport e dell’esercizio in diversi corsi di laurea. Le ore previste per questa disciplina sono 24 a scienze motorie, 16 a fisioterapia, 12 a dietistica e 8 a medicina. Vuol dire che, in sei anni di corso di laurea, i futuri medici frequentano solo 8 ore di sport ed esercizio fisico. Corso che, tra l’altro, esiste solo da pochi anni, perché prima non si facevano nemmeno queste poche ore. I medici sanno sicuramente prescrivere i farmaci, conoscono bene tutta la parte chirurgica, ma non sanno quasi niente degli stili di vita. Ecco perché e lo ribadisco, è fondamentale puntare sulla formazione degli operatori sanitari anche in quest’ ambito, iniziando a formare quelli di domani, che opereranno e interagiranno in vari ambiti professionali, soprattutto in funzione delle competenze che hanno acquisito».

Articoli correlati
Terapie per il diabete sempre più personalizzate. Effetti benefici anche per le complicanze renali
Il diabete è una patologia che necessita di attenzione: colpisce circa il 6% della popolazione italiana a cui si aggiunge un altro 2% circa di sommerso; i progressi scientifici e i nuovi farmaci stanno però dando nuove speranze a chi è affetto da questa patologia. Il convegno “Le gliflozine nel diabete mellito: una visione sul […]
Milano-Sanremo, alla classica del ciclismo italiano protagonisti gli atleti della Novo Nordisk: «Anche con il diabete si può raggiungere ogni traguardo»
Alla corsa vinta dal transalpino Julian Alaphilippe tutti i ciclisti affetti da diabete tipo 1 della squadra danese. Il medico Mario Pasquali: «Anche chi non è un professionista e fa esercizio fisico per diletto e per passione non deve aver paura di cimentarsi nelle varie discipline come il ciclismo»
di Federica Bosco
Medicina di famiglia e prescrizione di farmaci antidiabetici, FIMMG: «Incontro in Aifa con fumata grigia»
L’obiettivo era quello di portare al direttore dell’Agenzia Italiana del Farmaco la preoccupazione per il permanere del divieto di far prescrivere ai medici di famiglia farmaci efficaci nel ridurre le complicanze della malattia diabetica e gli effetti collaterali dei farmaci prescrivibili
Emergenza diabete, il 65% dei pazienti è over 65. La sfida è la gestione precoce
Secondo gli ultimi dati ISTAT sono oltre 3 milioni 200 mila in Italia le persone che dichiarano di essere affette da diabete, il 5,3% dell’intera popolazione (16,5% fra le persone over 65). Dato approssimato, visto che la diagnosi di diabete di tipo 2 arriva mediamente tra i 5 e i 7 anni dopo la sua […]
Diabete, anche Milano entra nella rete Cities Changing Diabets. Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Indirizzare cittadini verso corretti stili di vita»
Dopo Roma, anche il capoluogo meneghino entra nelle 19 città a livello globale che aderiscono al progetto. Il programma, che si articolerà su un triennio, prevede diverse fasi: dalla mappatura dei dati epidemiologici alla fotografia dello stato attuale. In Lombardia 550mila diabetici e 150mila malati cronici. Carruba (Comitato esecutivo): «Questo ingresso consentirà all’Italia di contribuire con un significativo volume di dati, avendo le due aree metropolitane quasi 8 milioni di abitanti»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...