Salute 9 Maggio 2019

Epatite C, la storia di Rossella: «All’inizio temevo di contagiare gli altri, ma con la nuova terapia ho eradicato il virus»

La storia di una insegnante affetta dalla malattia da 14 anni. Grazie alle nuove cure in 12 settimane ha sconfitto il ‘mostro silenzioso’. «Si cade in crisi quando si sa di avere una malattia cronica e non esiste ancora la cura». Poi le nuove terapie l’hanno salvata: «Devo fare un controllo ogni 6 mesi con ecografie del fegato e analisi delle transaminasi, però la mia vita è cambiata completamente»

Ha la voce rotta dall’emozione Rossella Romani, insegnante, nel raccontare la sua vicenda. La sua è la storia di una persona che ce l’ha fatta, che è riuscita a sconfiggere il ‘mostro silenzioso’, l’epatite C, grazie alla terapia antivirale ad azione diretta (DAA) che ha rivoluzionato l’approccio al trattamento. Ma non è stata una passeggiata: all’inizio il crollo psicologico, la paura di contagiare gli altri, poi la luce dopo un incontro a Villa Maraini.

Oggi sconfiggere l’epatite C è possibile: le terapie con farmaci ad azione diretta anti-Hcv eliminano completamente il virus dell’epatite C in oltre il 96% dei pazienti trattati. Con oltre 180mila trattamenti l’Italia può vantare una delle più vaste esperienze in questo ambito. Il virus però è silente, si manifesta in modo subdolo e spesso solo dopo le analisi si diventa consapevoli del contagio. Si stima che 71 milioni di persone nel mondo siano affette da infezione cronica da virus dell’epatite C, di cui un numero significativo progredisce sino a giungere alla cirrosi o al cancro del fegato in assenza di un effettivo trattamento antivirale. Ma l’OMS conta di eradicare del tutto questa patologia nei prossimi anni.

LEGGI ANCHE: EPATITE C, GALLI (SIMIT): «OGGI TERAPIE HANNO SUCCESSO NEL 97-98% DEI CASI. MA MALATTIA È SUBDOLA, SERVE PIANO PER FAR EMERGERE IL SOMMERSO»

Signora Romani, lei oggi si può dichiarare una ‘ex paziente di epatite C’. Ci può raccontare la sua esperienza? Quando ha scoperto di avere l’epatite C?

«Circa 14 anni fa ho scoperto di avere l’epatite C attraverso delle analisi casuali richieste dal mio medico di famiglia. Risultavano le transaminasi molto alte. Il mio medico ha presupposto un’epatite C. Mi ha fatto fare ulteriori analisi approfondite, ho fatto l’RNA quantitativo e risultavano delle analisi con valori molto elevati. Diagnosticata l’epatite C sono caduta in crisi, anche dal punto di vista psicologico perché veramente si cade in crisi quando si sa di avere una malattia cronica e non esiste ancora la cura. Dopo, pian piano per fortuna si è fatta questa grande scoperta. Io insegno, avevo il terrore di attaccarla agli alunni solamente con l’emissione delle goccioline di saliva o parlando con loro. Ero terrorizzata da questo contatto con i miei alunni. Un giorno o l’altro temevo l’arrivo di un genitore che mi dicesse: “Lei ha attaccato a mio figlio l’epatite C”, mi facevo dei film allucinanti. A casa ho cambiato le spazzole, i pettini, gli spazzolini per paura di attaccarla a mia figlia e di contagiare i miei familiari. Per fortuna nulla è accaduto. Un giorno una mia amica mi ha consigliato di andare a Villa Maraini perché c’era la giornata di prevenzione per l’epatite C. Io ero un po’ contraria, perché mi sono detta ‘Ce l’ho, che vado a fare?’. La mia amica mi ha spinto, sono andata lì e ho conosciuto la dottoressa Elisabetta Teti, di Tor Vergata, molto preparata e in gamba che mi ha salvato la vita perché mi ha proposto di fare questa cura. Io non conoscevo minimamente questo nuovo programma. Ho fatto la cura e in 12 settimane la mia malattia è stata debellata, ho eradicato il virus. Devo fare un controllo ogni 6 mesi con ecografie del fegato e analisi delle transaminasi, oltre a costanti contatti con la mia dottoressa. Però la mia vita è cambiata completamente».

Che consiglio si sente di dare a chi scopre oggi di avere l’epatite C?

«Innanzitutto di fare tutte le analisi perché io non sapevo minimamente, non ho mai capito dove potessi essermela attaccata. Forse mia madre aveva l’epatite C e l’ho curata fino in fondo senza guanti, forse ho avuto un contagio di sangue con lei. Non bisogna mollare perché la ricerca medica va avanti sempre e costantemente».

LEGGI ANCHE: EPATITE C, IN ITALIA 150MILA PAZIENTI SOMMERSI: SONO MALATI MA NON LO SANNO

Articoli correlati
Caregiver sempre più centrale nell’assistenza al paziente. Grigioni (ISS): «Con welfare technology alcune attività diventano semplici»
«La tecnologia può supportare il malato e chi lo assiste. Necessario renderne effettivo l’uso e la sua accettazione anche in contesti sociali e organizzativi» così l’ingegner Mauro Grigioni, direttore del centro TISP all’ISS, in occasione del Convegno ‘La figura del caregiver: tecnologie e ausili per migliorare la qualità della vita’ tenutosi all’Istituto Superiore di Sanità
di Lucia Oggianu
Giuramento d’Ippocrate per 600 medici, Magi (OMCeO Roma): «Un faro per il cammino lavorativo con la speranza che restino qui in Italia»
Centinaia di neoiscritti si sono riuniti per la cerimonia del Giuramento di Ippocrate organizzata dall’OMCeO Roma. Un momento di festa, con famiglie e amici, per sottolineare l’appartenenza alla categoria e stimolare la consapevolezza della responsabilità sociale che ne deriva. Anelli (FNOMCeO): «Auguro ai colleghi di guidare il processo di risanamento etico di questo paese»
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
21 giugno 2019: Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma
La parola Leucemia oggi fa meno paura. Grazie alle nuove terapie su misura è possibile selezionare la cura più adatta alle caratteristiche del paziente e della sua malattia, e grazie alla ricerca le leucemie acute, le mielodisplasie e molti tumori del sangue sono malattie sempre più curabili. È all’insegna della speranza per i pazienti e […]
Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»
«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...