Salute 9 Maggio 2019 12:02

Epatite C, la storia di Rossella: «All’inizio temevo di contagiare gli altri, ma con la nuova terapia ho eradicato il virus»

La storia di una insegnante affetta dalla malattia da 14 anni. Grazie alle nuove cure in 12 settimane ha sconfitto il ‘mostro silenzioso’. «Si cade in crisi quando si sa di avere una malattia cronica e non esiste ancora la cura». Poi le nuove terapie l’hanno salvata: «Devo fare un controllo ogni 6 mesi con ecografie del fegato e analisi delle transaminasi, però la mia vita è cambiata completamente»

Ha la voce rotta dall’emozione Rossella Romani, insegnante, nel raccontare la sua vicenda. La sua è la storia di una persona che ce l’ha fatta, che è riuscita a sconfiggere il ‘mostro silenzioso’, l’epatite C, grazie alla terapia antivirale ad azione diretta (DAA) che ha rivoluzionato l’approccio al trattamento. Ma non è stata una passeggiata: all’inizio il crollo psicologico, la paura di contagiare gli altri, poi la luce dopo un incontro a Villa Maraini.

Oggi sconfiggere l’epatite C è possibile: le terapie con farmaci ad azione diretta anti-Hcv eliminano completamente il virus dell’epatite C in oltre il 96% dei pazienti trattati. Con oltre 180mila trattamenti l’Italia può vantare una delle più vaste esperienze in questo ambito. Il virus però è silente, si manifesta in modo subdolo e spesso solo dopo le analisi si diventa consapevoli del contagio. Si stima che 71 milioni di persone nel mondo siano affette da infezione cronica da virus dell’epatite C, di cui un numero significativo progredisce sino a giungere alla cirrosi o al cancro del fegato in assenza di un effettivo trattamento antivirale. Ma l’OMS conta di eradicare del tutto questa patologia nei prossimi anni.

LEGGI ANCHE: EPATITE C, GALLI (SIMIT): «OGGI TERAPIE HANNO SUCCESSO NEL 97-98% DEI CASI. MA MALATTIA È SUBDOLA, SERVE PIANO PER FAR EMERGERE IL SOMMERSO»

Signora Romani, lei oggi si può dichiarare una ‘ex paziente di epatite C’. Ci può raccontare la sua esperienza? Quando ha scoperto di avere l’epatite C?

«Circa 14 anni fa ho scoperto di avere l’epatite C attraverso delle analisi casuali richieste dal mio medico di famiglia. Risultavano le transaminasi molto alte. Il mio medico ha presupposto un’epatite C. Mi ha fatto fare ulteriori analisi approfondite, ho fatto l’RNA quantitativo e risultavano delle analisi con valori molto elevati. Diagnosticata l’epatite C sono caduta in crisi, anche dal punto di vista psicologico perché veramente si cade in crisi quando si sa di avere una malattia cronica e non esiste ancora la cura. Dopo, pian piano per fortuna si è fatta questa grande scoperta. Io insegno, avevo il terrore di attaccarla agli alunni solamente con l’emissione delle goccioline di saliva o parlando con loro. Ero terrorizzata da questo contatto con i miei alunni. Un giorno o l’altro temevo l’arrivo di un genitore che mi dicesse: “Lei ha attaccato a mio figlio l’epatite C”, mi facevo dei film allucinanti. A casa ho cambiato le spazzole, i pettini, gli spazzolini per paura di attaccarla a mia figlia e di contagiare i miei familiari. Per fortuna nulla è accaduto. Un giorno una mia amica mi ha consigliato di andare a Villa Maraini perché c’era la giornata di prevenzione per l’epatite C. Io ero un po’ contraria, perché mi sono detta ‘Ce l’ho, che vado a fare?’. La mia amica mi ha spinto, sono andata lì e ho conosciuto la dottoressa Elisabetta Teti, di Tor Vergata, molto preparata e in gamba che mi ha salvato la vita perché mi ha proposto di fare questa cura. Io non conoscevo minimamente questo nuovo programma. Ho fatto la cura e in 12 settimane la mia malattia è stata debellata, ho eradicato il virus. Devo fare un controllo ogni 6 mesi con ecografie del fegato e analisi delle transaminasi, oltre a costanti contatti con la mia dottoressa. Però la mia vita è cambiata completamente».

Che consiglio si sente di dare a chi scopre oggi di avere l’epatite C?

«Innanzitutto di fare tutte le analisi perché io non sapevo minimamente, non ho mai capito dove potessi essermela attaccata. Forse mia madre aveva l’epatite C e l’ho curata fino in fondo senza guanti, forse ho avuto un contagio di sangue con lei. Non bisogna mollare perché la ricerca medica va avanti sempre e costantemente».

LEGGI ANCHE: EPATITE C, IN ITALIA 150MILA PAZIENTI SOMMERSI: SONO MALATI MA NON LO SANNO

Articoli correlati
Le associazioni dei pazienti contro il Piano oncologico: «Si rischia di sprecare occasione PNRR»
Il Piano oncologico, appena varato dal Ministero della Salute, non convince le associazioni dei pazienti. Per Elisabetta Iannelli (FAVO) «manca una visione strategica a monte», mentre per Francesca Traclò (AIMAC) «il sistema è intrappolato sui numeri e le prestazioni e non si guarda alla qualità delle cure». Polemiche per la scomparsa dell’esenzione 048 temporanea e per l’assenza di riferimenti all’assistenza psicologica
di Francesco Torre
Non voler visitare un paziente può essere reato
Una recente sentenza sancisce che il non voler visitare un paziente può portare ad una richiesta di risarcimento danni o peggio
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
«Inserite la fibromialgia nei Lea», l’appello dei 2 milioni di pazienti
Il Comitato Fibromialgici Uniti chiede che la fibromialgia venga finalmente inclusa nei Lea. Per il 12 maggio, in occasione della Giornata mondiale della Fibromialgia, sono previste varie iniziative
«Da infermiere dico: proteggiamo i nostri ammalati da un sistema che non li riconosce come persone nella loro interezza»
Di Sergio Calzari, infermiere terapia intensiva Istituto Cardiocentro di Lugano, Svizzera, e creatore di postintensiva.it
di Sergio Calzari, infermiere terapia intensiva Istituto Cardiocentro di Lugano, Svizzera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...