Salute 28 Novembre 2018

Epatite C. In Italia 150mila pazienti sommersi: sono malati ma non lo sanno

Obiettivo Oms: eradicare il virus entro il 2030. Petta (AISF): «Trattati con i nuovi farmaci poco più di 157 mila pazienti, su un totale di 400 mila»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Un piercing, un tatuaggio, una trasfusione di sangue fatta quando i controlli sui donatori non erano così serrati, rapporti sessuali non protetti. Che siano comportamenti isolati o abitudinari, sono tutti considerati fattori di rischio per la contrazione dell’Hcv, il virus responsabile dell’epatite C. E tra coloro che di recente, o anche 20-30 anni fa, hanno avuto almeno uno di questi atteggiamenti rischiosi c’è chi si è ammalato senza saperlo. Si chiamano pazienti sommersi, individui che pur non avendo alcun sintomo, sono positivi al test per l’epatite.

«Si stima che circa il 20% delle infezioni da Hcv sia sommerso»,  ha spiegato Salvatore Petta, segretario AISF, l’Associazione italiana per lo studio del fegato. Una percentuale che tradotta in cifre oscilla tra le 100 e le 150 mila unità. Un numero che allontana il Belpaese dal raggiungimento dagli obiettivi fissati dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità sull’eradicazione del virus: «L’Oms –  ha aggiunto Petta –  ha fissato il 2030 come data limite per l’eliminazione dell’Hcv. Quando si parla di “eliminazione” si intende una riduzione di circa il 90% delle nuove infezioni e del 65% dei decessi. Ovviamente, per raggiungere questi risultati è necessario che il virus sia diagnosticato nel 90% dei casi e trattato in almeno 80 pazienti su 100».

In Italia, siamo quasi a metà strada: secondo i dati riportati dal Registro di Monitoraggio per il Trattamento, aggiornati ad ottobre 2018,  i pazienti trattati con i nuovi farmaci sono poco più di 157 mila, su un totale di circa 400 mila soggetti affetti da epatite C. «Siamo nel mezzo della battaglia – ha specificato il segretario AISF  – ma la guerra non è ancora vinta». Ed è per promuovere delle strategie vincenti che clinici, pazienti e Istituzioni si sono incontrati al ministero della Salute in occasione di “Epatite C: clinici, pazienti e istituzioni alleati per l’ultimo miglio”, un’iniziativa promossa da Aisf , Simit – la Società Italiana di Malatiie Infettive e tropicali – e l’Associazione dei pazienti EpaC Onlus.

Un momento di confronto che arriva a tre anni dall’approvazione del Piano Nazionale per la prevenzione delle Epatiti virali da virus B e C, ad un anno e mezzo dall’allargamento dei criteri di reclutamento dei pazienti da trattare con i nuovi farmaci ed a quasi 12 mesi dallo stanziamento di 500 milioni di euro per alimentare il fondo per i farmaci innovativi prevista dalla Legge di Bilancio 2017.

«Con una continua disponibilità di risorse economiche – ha aggiunto Petta – sempre più pazienti avranno accesso ai nuovi farmaci. In questo modo l’Italia potrà sicuramente avviarsi verso l’eradicazione dell’Hcv ancor prima del 2030». Ma senza diagnosi non può esistere cura, «per questo – ha detto il segretario AISF – è necessario avviare screening standardizzati su tutto il territorio nazionale, coinvolgendo i gruppi di popolazione più a rischio. Facendo così emergere tutti quei pazienti finora sommersi, rendendoli consapevoli del proprio stato di salute e – ha concluso  l’esperto –  offrendogli una possibilità di guarigione».

 

Articoli correlati
Giornata mondiale epatite, Andreoni (SIMIT): «Italia in linea con obiettivi OMS, ma servono fondi per farmaci»
Nel mondo 325 milioni di individui soffrono di epatite B e C e, ogni anno, 1 milione 400 mila persone perdono la vita. Il direttore scientifico SIMIT: «Il virus dell’epatite C può essere curato con farmaci che garantiscono il 95% di successo. Le terapie per l’epatite B sono in grado solo di bloccare la malattia»
di Isabella Faggiano
Epatice C, 1 paziente su 3 arriva alle cure con malattia in stato avanzato. Petta (AISF): «Manca Piano Nazionale»
Ad oggi, sono stati affrontati con successo 196mila casi, ma i pazienti ancora da trattare, secondo le ultime stime, sarebbero almeno 200mila, di cui molti ancora da diagnosticare. I dati sono stati presentati al convegno “Alleanza contro l’Epatite: “Uniti, insieme: pazienti, clinici e istituzioni, per la concreta eradicazione del virus”
Integratori a base di curcuma, sono nove i casi di epatite colestatica acuta. Ecco gli ultimi prodotti segnalati
Il ministero della Salute informa che l’Istituto Superiore di Sanità ha segnalato nove casi di epatite colestatica acuta, non infettiva e non contagiosa, riconducibili al consumo di curcuma e che sono in corso verifiche sul territorio da parte delle autorità sanitarie. Gli ultimi prodotti segnalati sono: Curcuma complex B.A.I. aromatici per conto di Vitamin shop; […]
Catania, al via il congresso: “I progressi della terapia antiinfettiva”
Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale. È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare