Salute 12 Luglio 2019

Emergenza-urgenza, quella specialità che tutti evitano. Fera (Simeu e Cisl): «Riconoscere il disagio lavorativo nel contratto»

Il segretario della Società italiana Medicina di emergenza urgenza sottolinea: «È uno dei più bei lavori che ci siano perché tra i più completi però è anche uno dei più pesanti». Poi aggiunge: «Al Pronto soccorso servono medici specialisti, non può andare un medico qualsiasi»

Immagine articolo

Ormai non è più un fenomeno isolato: sempre più concorsi per medici vanno deserti in tante parti d’Italia. E in molti casi sono i concorsi per l’emergenza-urgenza ad andare deserti: ha fatto scalpore il caso del concorso per il Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore di Parma di un anno fa. Questo perché la vita di un medico in un Pronto soccorso non è affatto facile: turni massacranti, rischio aggressioni, intasamento delle strutture e sovraccarico di lavoro. Per questo il mondo medico si interroga su come rendere più attrattiva questa branca della sanità italiana. Secondo Giuseppina Fera, Segretario del Simeu, Società italiana Medicina di emergenza urgenza, e segretario della Cisl medici, c’è un solo modo: modificare il contratto rendendolo più attrattivo. «Il lavoro nell’emergenza-urgenza è uno dei più bei lavori che ci siano perché tra i più completi però è anche uno dei più pesanti tanto è vero che il medico competente ti esonera subito dall’emergenza se hai un piccolo problema di salute – sottolinea Fera a Sanità Informazione – È riconosciuto in questo. Non è però riconosciuto a livello contrattuale, non viene tenuto conto del disagio lavorativo in nessun modo e quindi i giovani neolaureati cercano di evitare accuratamente i Pronto soccorso». Altro tema, in qualche modo connesso, è quello dei medici a gettone: camici bianchi chiamati a sopperire per brevi periodi a carenze di organico e spesso impiegati nei Pronto soccorso senza avere la specializzazione appropriata: «Bisogna riconoscere che il medico dell’emergenza è uno specialista a tutti gli effetti. Mettere un altro tipo di medico potrebbe intasare il sistema. Il medico dell’emergenza è quello che dimette l’80% dei pazienti, non li ricovera tutti» sottolinea Fera.

Segretario, oggi parliamo del 118. Il Presidente Balzanelli del Sis chiede una revisione della carenza di medici nei mezzi di soccorso. Lei come segretario della Simeu registra anche la carenza di medici nei Pronto soccorso. Cosa si può fare a livello pratico?

«L’unico modo è rendere più attrattivo il lavoro nell’emergenza urgenza. Il lavoro nell’emergenza-urgenza è uno dei più bei lavori che ci siano perché tra i più completi però è anche uno dei più pesanti tanto è vero che il medico competente ti esonera subito dall’emergenza se hai un piccolo problema di salute. È riconosciuto in questo. Non è però riconosciuto a livello contrattuale, non viene tenuto conto del disagio lavorativo in nessun modo e quindi i giovani neolaureati cercano di evitare accuratamente i Pronto soccorso. Poi c’è anche un altro problema: colleghi che sono nel 118 con il contratto dell’emergenza sanitaria, perché noi abbiamo possibilità di avere due tipi di contratto, e che a volte vengono utilizzati per tappare il buco, non sono specialisti ma hanno frequentato il corso di formazione del 118, restano precari e non possono accedere ai concorsi perché non hanno la specialità. Tanto è vero che sia come Cisl medici, sia come Simeu abbiamo proposto che questi colleghi, che così restano precari a vita, abbiano una specie di canale preferenziale per entrare a fare la specialità nella medicina di emergenza urgenza, pagati dalle aziende dove lavorano, però con il percorso formativo in modo da poter fare una specializzazione in medicina di emergenza urgenza».

LEGGI ANCHE: «LAVORO IN PRONTO SOCCORSO MA NON SONO PREPARATA», LA STORIA DEL MEDICO A GETTONE CHE SCUOTE LA SANITA’

C’è anche il problema dei medici a gettone, che vengono chiamati anche nei Pronto Soccorso e magari spesso non hanno magari le competenze necessarie. Sono loro stessi i primi a essere in difficoltà…

«Oggi il medico di Pronto soccorso è un lavoro da specialista. Non può più farlo chiunque come succedeva quando ho iniziato io oltre 20 anni fa perché il medico che lavora nell’emergenza deve avere quell’allenamento al colpo d’occhio a riconoscere la gravità e avere la tempestività che non tutti gli specialisti hanno. E quindi non possiamo mettere un medico qualunque. Come se io andassi a lavorare nel reparto: i tempi sono diversi, la modalità di lavoro, l’approccio al malato sono completamente diverse. Bisogna riconoscere che il medico dell’emergenza è uno specialista a tutti gli effetti. Mettere un altro tipo di medico potrebbe intasare il sistema. Il medico dell’emergenza è quello che dimette l’80% dei pazienti, non li ricovera tutti e con questi tagli ai posti letto che c’è stata sarebbe difficoltoso tornare indietro. Il medico dell’emergenza usa un po’ meno la medicina difensiva, un po’ più l’allenamento, ha anche un rapporto diverso col malato, a volte anche di aggressività. Teniamo conto che anche un paziente che arriva in codice bianco non sa cosa ha, è comunque spaventato, è in un momento di difficoltà. È anche compito del medico dell’emergenza tranquillizzarlo, non a caso la maggior parte dei codici sono codici verdi».

Articoli correlati
Cisl Medici sigla il primo CCNL della Dirigenza Medica di ICS Maugeri
Il 28 luglio 2020 la Cisl Medici ha sottoscritto insieme alle altre sigle sindacali il primo contratto Collettivo Nazionale di Lavoro della Dirigenza di ICS Maugeri, valevole per il triennio 2020-2022
Cisl medici Lazio, Cifaldi: «Bene il coinvolgimento dei sindacati nel Piano sanitario della Regione Lazio»
«Apprendiamo con soddisfazione la pubblicazione del DCA n. 81 del Commissario ad Acta avente ad oggetto il Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio Sanitario Regionale 2019-2021». Lo rende noto Luciano Cifaldi segretario generale della Cisl Medici Lazio in un comunicato. Piano Sanitario Regione Lazio «Nel riservarci un doveroso approfondimento tecnico è innegabile che […]
Cisl medici Lazio: «Garantire l’assistenza e la cura per le patologie acute e croniche è la priorità»
La Cisl Medici Lazio «continuerà a fare la propria parte nella difesa del Sistema Sanitario pubblico soprattutto in questo momento così difficile per la salute degli italiani».  Così il sindacato in una nota. «Siamo sempre pronti al dialogo con l’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio – spiegano il dottor Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici […]
«Nei 4 mesi di Covid bruciati tutti i risparmi prodotti dai tagli dissennati in sanità. Ora investire e assumere»
L’intervista a Benedetto Magliozzi, segretario Cisl Medici Roma Capitale/Rieti
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Cisl Medici Lazio: «C’è un’occasione unica per rilanciare la medicina del territorio. Non perdiamola»
«La Cisl Medici Lazio, considerato che sono molte migliaia le prestazioni di diagnostica strumentale e le visite mediche specialistiche che devono essere smaltite con la ripresa delle attività ambulatoriali, chiede che le Asl definiscano con la massima chiarezza i tempi necessari alle nuove procedure per i controlli amministrativi, ambientali, organizzativi procedurali e tecnici in primaria […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...