Lavoro 1 Luglio 2019

«Lavoro in Pronto soccorso ma non sono preparata», la storia del medico a gettone che scuote la sanità

L’Ansa ha raccolto la testimonianza di un camice bianco che lavora a chiamata in un Ps del Veneto. Anaao insorge e diffida Asl: «No ai neolaureati nei Ps. Va impedita perchè mette a rischio la vita dei pazienti e riduce la sicurezza delle cure» 

Immagine articolo

Questa è la storia di un medico, come tanti altri, ma dalla storia particolare. Una storia di precariato sempre più spinto che, applicato alla professione medica, deve far riflettere sul funzionamento del nostro Sistema sanitario.

La protagonista è Anna, nome di finzione usato per tutelare l’identità della dottoressa, medico a gettone che lavora nei Pronto soccorso degli ospedali su chiamata. «Sono un medico a gettone, gli ospedali mi chiamano quando hanno bisogno – racconta la dottoressa all’agenzia Ansa – Il mio contratto prevede che mi occupi di urgenze minori in Pronto soccorso ma di notte siamo in due, e se il medico strutturato deve uscire per accompagnare un paziente grave in un altro ospedale, io resto da sola ad affrontare anche emergenze gravi. E non sono preparata adeguatamente, non sono specializzata, è pericoloso sia per i pazienti che per me».

LEGGI LA RUBRICA VITA DA MEDICO

Anna ha raccontato l’angoscia che prova ogni volta che esce di casa per andare a lavorare in un pronto soccorso del Veneto dove ha avuto un contratto a chiamata. «Con poche richieste al mese praticamente guadagno più di un medico con contratto. Mi danno 500 euro lordi per un turno di 12 ore. Ma non ho copertura previdenziale, non sono previsti ferie o malattia e pago da me una polizza assicurativa calibrata sul rischio professionale del mio contratto», racconta.

Una vita da precaria, quella di Anna, che non riesce neppure a immaginare il suo futuro: «Non mi posso lamentare, allo stipendio ci arrivo perché mi cercano anche per fare guardie mediche e sostituzioni di medici di base. Ma quando esco per andare in Pronto soccorso mi spaventa quello che mi aspetta e sento il peso del rischio che corro. Vivo la precarietà e l’insicurezza, non riesco neppure a immaginare il mio futuro».

La presenza di neolaureati non specializzati non piace ai sindacati. «La fotografia dei medici dei Pronto soccorso italiani è quella di un campo di battaglia», sottolinea l’Ansa. Da Nord a Sud sono rimasti talmente in pochi che le Asl ricorrono agli appalti a cooperative e società per coprire i turni. Arrivano camici bianchi che le aziende ospedaliere non hanno modo di valutare, spesso senza nessuna specializzazione, o che non hanno mai messo piede in un reparto d’emergenza. Il problema sta diventando talmente grave da indurre il maggiore dei sindacati medici italiani, l’Anaao Assomed, a ricorrere alle diffide ad Asl e regioni di tutto il Paese per fermare i contratti a chiamata.

LEGGI LA RUBRICA VERO O FALSO

«La presenza di neolaureati senza pratica clinica in Pronto soccorso e sulle ambulanze è un fatto gravissimo, illegale e va impedito perchè mette a rischio la vita dei pazienti e riduce la sicurezza delle cure» sottolinea il segretario regionale dell’Anaao Veneto dell’Anaao Assomed Adriano Benazzato. «A partire è stato il Veneto nel 2016, ma ora si è diffusa in tutte le regioni la pratica dei camici bianchi con contratti libero professionali», spiega Benazzato, «è una pratica incostituzionale, illegale, che le Asl non possono continuare a seguire perchè viola la legge dello Stato che obbliga ai concorsi per l’impiego nel pubblico. Il ricorso a quel tipo di contratto è stato dichiarato illegittimo anche dal Consiglio di Stato». Intanto se il Veneto è nei guai, il Lazio certo non ride e specialmente nei Pronto soccorso fuori Roma la situazione è diventata insostenibile.

Situazioni analoghe nel Lazio, dove Anaao ha diffidato la direzione amministrativa dell’Asl Roma 5 Tivoli in seguito alla delibera, «al fine di scongiurare l’interruzione di pubblico servizio», per l’appalto di affidamento del servizio di turni di pronto soccorso. Particolarmente critica anche la situazione in Piemonte, il segretario regionale Anaao Chiara Rivetti racconta: «Come sindacato siamo stati chiamati da alcuni neolaureati (solo abilitati) molto allarmati perchè nonostante fossero stati reclutati per urgenze minori (codici bianchi e verdi) si sono ritrovati a dover affrontare emergenze più gravi, anche codici rossi».

Articoli correlati
Pronto soccorso, Manca: «File più lunghe di prima. Siamo la risposta alle inefficienze del territorio e dei reparti Covid»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Da noi anche pazienti per tamponi o test sierologici e casi sospetti Covid che non trovano posto nei reparti dedicati. Ma in alcune aree d’Italia è stato dismesso il percorso differenziato, quindi in presenza di un solo positivo rischiamo di chiudere tutto il pronto soccorso»
di Isabella Faggiano
Covid-19, Palermo (Anaao): «Carico di lavoro medici aumenterà. Servono nuove risorse e assunzioni»
Il segretario del sindacato: «L’epidemia è ora, i soldi del Recovery Fund arriverebbero troppo tardi. Intanto prendiamo i 36 miliardi del Mes»
ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»
Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema ECM: «Accostare a sanzioni sistema premiante, come uno sconto sui premi assicurativi»
ECM, i provider scrivono a Speranza: «Ci rassicuri su Consulta e futuro della formazione in Italia»
«Convocare al più presto la Consulta nazionale a supporto della Commissione ECM e discutere quanto prima il futuro del comparto professionale»
Campus Bio-Medico, inaugurato DEA all’avanguardia. Zingaretti: «Presto altri fondi per edilizia sanitaria»
La struttura che sorge nella periferia sud-ovest di Roma si rivolge a un bacino potenziale di circa 300mila residenti per un afflusso stimato in 45mila accessi annui. La sindaca Raggi: «Aprire un Pronto soccorso in periferia è segnale importante». Previsto un percorso febbre creato per gestire in sicurezza gli accessi e un altro costituito dal Box rosa dedicato alle donne vittime di violenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...