Salute 29 Luglio 2022 09:57

Ecco perché non ci si tuffa “di pancia”

Balzanelli (SIS 118): «Se ci si tuffa in acque fredde, quando il nostro corpo è eccessivamente cado, l’impatto tra l’addome o i genitali e l’acqua può causare la sindrome da idrocuzione, capace di ridurre drasticamente la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa, fino ad esiti letali»

Ecco perché non ci si tuffa “di pancia”

Chi, almeno una volta nella vita, non ha provato l’ebbrezza di un tuffo, sperimentando altezze proibite o posizioni stravaganti? Ebbene, anche un semplice tuffo, se non eseguito correttamente e in presenza di acqua troppo fredda e temperatura esterna troppo calda, può essere letale. Più precisamente a mettere a repentaglio la nostra vita è la sindrome da idrocuzione.

Cos’è e come avviene

«L’idrocuzione si verifica quando il nostro corpo subisce una stimolazione violenta dovuta all’impatto della cute con acqua fredda, ad esempio durante un tuffo. Questo urto improvviso è capace di ridurre drasticamente la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa – dice Mario Balzanelli, presidente della Società Italiana Sistema (SIS) 118 -.È la marcata differenza tra la temperatura corporea e quella dell’acqua in cui ci si immerge a scatenare questa sindrome ed in particolare ad attivare il riflesso neurovegetativo che predispone allo svenimento. La perdita di coscienza può essere catastrofico soprattutto se si verifica mentre ci si trova in mare o in piscina, poiché il soggetto svenuto, inalando acqua, può andare in arresto cardio-circolatorio».

Non ci si tuffa “di pancia”

Se la sindrome da idrocuzione si verifica a seguito di un tuffo è molto probabile che lo slancio non sia stato eseguito correttamente. «Se l’impatto con l’acqua fredda avviene all’altezza dell’addome o dei genitali, ovvero con un tuffo comunemente definito “a spanciata”, è più probabile che l’individuo vada incontro alla sindrome da idrocuzione – dice Balzanelli -. L’urto violento della pancia contro la superficie dell’acqua può determinare l’attivazione del riflesso vagale e causare anche un arresto cardiaco immediato».

Come abbassare la temperatura corporea

Ma se è la differenza di temperatura tra il corpo e l’acqua a determinare l’idrocuzione, allora saranno sufficienti pochi accorgimenti ad evitare anche le conseguenze peggiori. «Innanzitutto – consiglia lo specialista -, entrare gradualmente in acqua, cercando di abbassare pian piano la temperatura del proprio corpo, soprattutto se si è trascorso molto tempo sotto il sole. Immergere prima i piedi, poi i polsi, per poi procedere a bagnare, utilizzando le mani, la nuca, il capo e le braccia, fino a calarsi con tutto il corpo».

La congestione

La precauzione deve essere doppia se ci si tuffa in acqua dopo aver mangiato. «Dopo aver consumato un pasto non è vietato fare il bagno, piuttosto è preferibile evitare di farsi una nuotata – sottolinea il presidente SIS 118 -. Dopo mangiato, per almeno una o due ore, è in generale sconsigliato praticare qualsiasi forma di attività fisica. Questo perché quando si attiva la digestione il corpo dirotta il sangue verso l’apparato gastrointestinale. Tuffandoci in acqua fredda questo processo, ovvero la digestione, viene drasticamente interrotto, poiché la massa ematica viene dirottata dai visceri ai muscoli, causando una congestione. Tale congestione, in alcuni soggetti, può provocare anche un’ischemia, oltre all’attivazione del riflesso vagale e quindi la perdita di coscienza, tipiche – conclude Balzanelli – della sindrome da idrocuzione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Asma grave, una proposta di legge punta a riconoscerla come patologia cronica e invalidante
La proposta di legge di Vito De Filippo (Pd) punta ad istituire un Registro nazionale e a percorsi terapeutici dedicati. Si parla di asma grave quando il trattamento prescritto, seppur assunto in maniera corretta e costante, non è sufficiente a controllare la malattia sia per gravità che frequenza dei sintomi
di Francesco Torre
Sintomi di gravidanza, come riconoscerli sin dalle primissime settimane
Bifulco (Federico II): «Lo status emotivo della donna influenza il livello delle sensazioni. Non accorgersi di essere incinte? Da un certo punto in poi è impossibile»
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Perché d’estate la coppia scoppia. Tutta “colpa” del sole
Recine (psicoterapeuta): «Durante la stagione estiva il nostro corpo, complice la luce del sole presente in modo più intenso e per molte più ore, produce più serotonina, l’ormone della felicità. Al contrario, d’inverno, in presenza di meno luce naturale, il nostro corpo è portato a generare più melatonina, associata a tranquillità, stabilità e serenità»
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...