Salute 29 Luglio 2020 13:17

Infortuni estivi, è il tuffo l’attività sportiva più pericolosa. Come comportarsi al mare e in montagna

Claudio Seddio, medico radiologo, ortopedico e medico dello sport, elenca i traumi tipici degli sport estivi, tra rimedi e precauzioni: «Questi incidenti possono capitare a chiunque. Tra i bambini è l’insolazione quello più diffuso»

di Isabella Faggiano
Infortuni estivi, è il tuffo l’attività sportiva più pericolosa. Come comportarsi al mare e in montagna

Nonostante l’inesperienza sfidano l’altezza e il pericolo, tuffandosi da ripide rocce senza conoscere il fondale sottostante, né la sua profondità. «È tuffarsi l’attività sportiva tipicamente estiva che espone ai rischi più gravi, mettendo a repentaglio anche la vita di chi la pratica», dice Claudio Seddio, medico radiologo, ortopedico, medico dello sport e membro della Società italiana di Radiologia medica (SIRM). Durante l’estate, infatti, non è raro che ci si improvvisi atleti anche quando di sportivo si ha solo l’abbigliamento. E, purtroppo, da dilettanti allo sbaraglio è facile che si finisca per farsi male.

INFORTUNI ESTIVI AL MARE

«Windsurf e beach volley – aggiunge lo specialista – sono gli sport tipicamente praticati al mare. Nel caso del windsurf i principali incidenti sono dovuti a cambiamenti improvvisi delle condizioni atmosferiche che, per la loro natura, possono capitare sia a persone preparate che alle prime armi. Le parti del corpo che maggiormente risentono di questa pratica sportiva sono la schiena e le spalle, molto sollecitate dalla postura necessaria a tenere l’attrezzo in posizione corretta. Per quanto riguarda il beach volley, invece – aggiunge Seddio – è il terreno di gioco a causare la maggior parte dei traumi, soprattutto distorsioni della caviglia».

IN MONTAGNA

È probabile che chi va in vacanza in alta quota sia appassionato di trekking: «Come nel windsurf la prima condizione da considerare è quella atmosferica – suggerisce l’ortopedico -. Poi, indossare scarpe che proteggano le caviglie, prevenendo traumi distorsivi. La seconda articolazione più colpita è il ginocchio: in salita aiutarsi con il quadricipite per non sovraccaricare l’articolazione e in discesa evitare di essere troppo rigidi, per traumatizzare al minimo le strutture interne come i menischi. Anche l’anca e, più in generale, gli arti inferiori sono a rischio trauma durante il trekking».

ETÀ PIÙ A RISCHIO

Sebbene si pensi che l’infortunio estivo sia collegato all’imprudenza, non è una prerogativa di adolescenti e giovani. «Ormai – sottolinea il medico radiologo – lo sport si esegue nell’arco di tutta la vita, quindi questi incidenti possono capitare a chiunque. Non esiste una fascia di età particolarmente esposta a questo tipo di traumi». Il discorso cambia se si tratta di bambini: per loro più che di incidenti da sport bisognerebbe parlare di danni da incuria. «L’insolazione, al mare o in montagna – dice Seddio – è il peggior nemico dei più piccoli. Per questo è necessario proteggere pelle e testa dal sole, utilizzando creme ad alta protezione e cappelli. Evitare anche l’eccessiva permanenza in acqua».

COSA FARE DOPO GLI INFORTUNI

Immobilizzare la parte e applicare il ghiaccio sono i primi due suggerimenti. «Soprattutto l’applicazione di freddo – dice Seddio – aiuta a diminuire l’infiammazione ed eventualmente ridurre al massimo anche l’ematoma che potrebbe comparire a seguito di un trauma». Ma prevenire sarebbe meglio che curare: «Utilizzando il buon senso si eviterebbero la maggior parte degli infortuni. Lo sport va praticato solo se si è preparati a farlo e se proprio non si può rinunciare all’esperienza, allora – conclude – sarà meglio farsi affiancare da un istruttore».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Qualità della vita nelle pazienti oncologiche, l’esperta: «Salvaguardare benessere sociale, fisico ed emotivo»
Esther Natalie Oliva, ematologa del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, spiega quali sono le ripercussioni del cancro sulla qualità della vita delle pazienti
Un giro d’Italia a nuoto, l’impresa di Salvatore Cimmino per accendere un faro sulla disabilità
L’atleta del Circolo Canottieri Roma, senza una gamba dall’età di 15 anni, percorrerà quasi 300 chilometri da Ventimiglia a Trieste in 14 tappe. «Le persone con disabilità e le loro famiglie sono sempre più invisibili. La politica ha deciso che non è conveniente vedere la loro realtà»
«Chi ha stabilito che la Sars-Cov-2 non è infortunio indennizzabile in Polizza Privata Infortuni?»
di Enrico Pedoja, Specialista Medico legale, Segretario Nazionale SISMLA
di di Enrico Pedoja, Segretario Nazionale SISMLA
AIFI: «Dopo il caso Zaniolo la tutela degli atleti passa da una nuova alleanza»
Dall’Associazione Italiana Fisioterapisti una lettera aperta ai media, agli sportivi ed alle società
Boom allergie, i consigli degli esperti per non rovinarsi le vacanze
Pollini, insetti e alimenti: fondamentale proteggere i bambini e non confondere i sintomi allergici con quelli del Covid-19 o di banali dermatiti. Il corso di formazione di Consulcesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»