Salute 29 Luglio 2020 13:17

Infortuni estivi, è il tuffo l’attività sportiva più pericolosa. Come comportarsi al mare e in montagna

Claudio Seddio, medico radiologo, ortopedico e medico dello sport, elenca i traumi tipici degli sport estivi, tra rimedi e precauzioni: «Questi incidenti possono capitare a chiunque. Tra i bambini è l’insolazione quello più diffuso»

di Isabella Faggiano
Infortuni estivi, è il tuffo l’attività sportiva più pericolosa. Come comportarsi al mare e in montagna

Nonostante l’inesperienza sfidano l’altezza e il pericolo, tuffandosi da ripide rocce senza conoscere il fondale sottostante, né la sua profondità. «È tuffarsi l’attività sportiva tipicamente estiva che espone ai rischi più gravi, mettendo a repentaglio anche la vita di chi la pratica», dice Claudio Seddio, medico radiologo, ortopedico, medico dello sport e membro della Società italiana di Radiologia medica (SIRM). Durante l’estate, infatti, non è raro che ci si improvvisi atleti anche quando di sportivo si ha solo l’abbigliamento. E, purtroppo, da dilettanti allo sbaraglio è facile che si finisca per farsi male.

INFORTUNI ESTIVI AL MARE

«Windsurf e beach volley – aggiunge lo specialista – sono gli sport tipicamente praticati al mare. Nel caso del windsurf i principali incidenti sono dovuti a cambiamenti improvvisi delle condizioni atmosferiche che, per la loro natura, possono capitare sia a persone preparate che alle prime armi. Le parti del corpo che maggiormente risentono di questa pratica sportiva sono la schiena e le spalle, molto sollecitate dalla postura necessaria a tenere l’attrezzo in posizione corretta. Per quanto riguarda il beach volley, invece – aggiunge Seddio – è il terreno di gioco a causare la maggior parte dei traumi, soprattutto distorsioni della caviglia».

IN MONTAGNA

È probabile che chi va in vacanza in alta quota sia appassionato di trekking: «Come nel windsurf la prima condizione da considerare è quella atmosferica – suggerisce l’ortopedico -. Poi, indossare scarpe che proteggano le caviglie, prevenendo traumi distorsivi. La seconda articolazione più colpita è il ginocchio: in salita aiutarsi con il quadricipite per non sovraccaricare l’articolazione e in discesa evitare di essere troppo rigidi, per traumatizzare al minimo le strutture interne come i menischi. Anche l’anca e, più in generale, gli arti inferiori sono a rischio trauma durante il trekking».

ETÀ PIÙ A RISCHIO

Sebbene si pensi che l’infortunio estivo sia collegato all’imprudenza, non è una prerogativa di adolescenti e giovani. «Ormai – sottolinea il medico radiologo – lo sport si esegue nell’arco di tutta la vita, quindi questi incidenti possono capitare a chiunque. Non esiste una fascia di età particolarmente esposta a questo tipo di traumi». Il discorso cambia se si tratta di bambini: per loro più che di incidenti da sport bisognerebbe parlare di danni da incuria. «L’insolazione, al mare o in montagna – dice Seddio – è il peggior nemico dei più piccoli. Per questo è necessario proteggere pelle e testa dal sole, utilizzando creme ad alta protezione e cappelli. Evitare anche l’eccessiva permanenza in acqua».

COSA FARE DOPO GLI INFORTUNI

Immobilizzare la parte e applicare il ghiaccio sono i primi due suggerimenti. «Soprattutto l’applicazione di freddo – dice Seddio – aiuta a diminuire l’infiammazione ed eventualmente ridurre al massimo anche l’ematoma che potrebbe comparire a seguito di un trauma». Ma prevenire sarebbe meglio che curare: «Utilizzando il buon senso si eviterebbero la maggior parte degli infortuni. Lo sport va praticato solo se si è preparati a farlo e se proprio non si può rinunciare all’esperienza, allora – conclude – sarà meglio farsi affiancare da un istruttore».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infortuni, Inail: in 8 mesi oltre il 141% denunce in più in sanità
Tra gennaio e agosto gli infortuni sul lavoro sono aumentati di oltre il 38%. Rispetto allo stesso periodo nel 2021, i decessi sono diminuiti del 12%. Il settore della sanità resta quello più colpito
Attività sportiva panacea contro le “devianze”? Ecco perché non è così
La psicologa Morgilli (OdP Lazio): «Lo sport non è un medicinale che può essere prescritto. Attenzione alle attitudini individuali e al contesto, per intercettare fattori di rischio»
In estate più malati che in inverno. Colpa del Covid o del caldo?
Questa estate sembra essersi verificato un aumento delle infezioni. Nel Regno Unito ipotizzano un legame con le restrizioni anti-Covid. Per Cricelli (Simg) ad essere determinante è il troppo caldo
Perché d’estate la coppia scoppia. Tutta “colpa” del sole
Recine (psicoterapeuta): «Durante la stagione estiva il nostro corpo, complice la luce del sole presente in modo più intenso e per molte più ore, produce più serotonina, l’ormone della felicità. Al contrario, d’inverno, in presenza di meno luce naturale, il nostro corpo è portato a generare più melatonina, associata a tranquillità, stabilità e serenità»
L’estate italiana 2022 è la più calda di sempre. Bollino rosso in 16 città
L’ondata di calore sarà molto intensa, ma di durata inferiore rispetto alle precedenti. Coldiretti: «La tendenza al surriscaldamento in Italia è evidente e la classifica degli anni più caldi negli ultimi due secoli si concentra nell’ultimo decennio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola