Salute 8 Marzo 2016 17:58

Sanità italiana è donna e vive nel ricordo di Luana

Le donne sono il 70% del personale sanitario. Tra turni, demansionamenti e disparità, la storia-simbolo di Luana Ricca.
Interviste alla senatrice De Biasi, Presidente Commissione Sanità, e a Beatrice Mazzoleni, Segretario Nazionale IPASVI

Sanità italiana è donna e vive nel ricordo di Luana

Ci sono i numeri e c’è una storia. I numeri mostrano, in Italia, una sanità sempre più declinata al femminile. Nel nostro Paese ben due terzi del personale SSN è donna, il 75% quello infermieristico, il 70% quello amministrativo. Nonostante ciò, sono ancora troppo poche quelle che ricoprono incarichi dirigenziali all’interno delle strutture.


La storia, invece, è quella Luana Ricca, morta suicida a 38 anni lo scorso dicembre. Luana era un giovane chirurgo catanese, uno dei tanti cervelli in fuga, costretta ad andare all’estero per mettere a frutto le proprie competenze. Il peso della scelta, tra il vivere lontana dalla sua famiglia oppure tornare pur sapendo che i suoi studi e il suo talento non le sarebbero stati riconosciuti – come ha dichiarato suo fratello – l’avrebbero portata all’estremo gesto. Ma come Luana, ogni giorno migliaia di donne vivono il dramma, personale e professionale, di non riuscire a conciliare il lavoro e la famiglia, e di ricevere un trattamento economico inferiore ai colleghi uomini a parità di meriti e mansioni.

In questi giorni in cui ci si sofferma a riflettere sul ruolo femminile nella società italiana, sono due donne a prendere la parola ai microfoni di Sanità informazione, durante il convegno organizzato da Gimbe a Bologna nei giorni scorsi«Le donne sono la componente predominante in ambito assistenziale – afferma Beatrice Mazzoleni, Segretario nazionale IPASVI -. Ciononostante, i ruoli apicali all’interno delle strutture continuano ad essere per lo più appannaggio maschile. Questo è probabilmente dovuto anche agli impegni multitasking che caratterizzano il ruolo femminile all’interno della società».
Impegni multitasking la cui gestione non è certo facilitata dai turni di lavoro, e da una norma europea sugli orari e i riposi difficile da applicare nella realtà. «Il lavoro per turni è l’unico che garantisce al paziente una copertura h24 – continua Mazzoleni -. D’altro canto però i professionisti devono poterla gestire nel miglior modo possibile. Purtroppo i tagli, e quindi la carenza di personale sanitario rendono difficile applicare concretamente questa direttiva europea che tutela non solo i professionisti, ma anche i pazienti e la sicurezza delle cure».

Sulla necessità di ripensare il ruolo femminile, alla luce delle nuove esigenze della realtà sociale e professionale, è incentrato l’accorato appello della senatrice Emilia Grazia De Biasi, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato: «Le donne devono fare squadra, appellarsi alla famosa solidarietà femminile. La società italiana è stata, per molto tempo, una società castale e molto centrata sulla figura maschile, ma pian piano le cose stanno cambiando, le donne iniziano a ricoprire incarichi dirigenziali nelle organizzazioni sanitarie. Oggi non viene più chiesto loro, per fortuna, di scegliere tra la maternità e la carriera per arrivare ai ruoli apicali, ma per le donne è comunque più faticoso. Credo fermamente che il potere oggi debba essere scisso dal genere ed improntato unicamente alla meritocrazia, sia essa maschile o femminile». E aggiunge: «C’è bisogno di un patto tra uomini e donne. Se le attività lavorative, domestiche e non, venissero equamente suddivise, il raggiungimento di ruoli di potere sarebbe più semplice».

Articoli correlati
Qualità della vita nelle pazienti oncologiche, l’esperta: «Salvaguardare benessere sociale, fisico ed emotivo»
Esther Natalie Oliva, ematologa del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, spiega quali sono le ripercussioni del cancro sulla qualità della vita delle pazienti
“Salute, donne e screening”, il workshop al Politecnico di Milano
Una visione della salute e della sanità basata sulla prevenzione è oggi requisito fondamentale per qualsiasi attività seria e lungimirante di politica sanitaria. Sulla prevenzione e sugli screening si trovano oggi a rapportarsi in modo nuovo i cittadini e i medici, le strutture di cura e le istituzioni, i media e le associazioni di pazienti, […]
Salute donne, il ministro Grillo presenta l’app “Mamma in salute”
Il ministro della Salute Giulia Grillo ha presentato il 12 maggio, in occasione della Festa della mamma, l’App per smartphone “Mamma in salute” disponibile gratuitamente negli store. «E’ mia prima Festa della mamma – ha commentato – ed è la prima volta che la festeggio in quanto ministro e madre allo stesso tempo. Proprio durante la […]
Tumore al seno, con “Impronte” ricercatrici sfilano per la prevenzione oncologica
”Ciascun abito è una donna, ciascuna donna una storia …” recita lo slogan della collezione, lanciando un forte messaggio: dal cancro si può guarire
di Federica Bosco
Pordenone, arriva l’ecografo ad alta definizione per il Centro di Medicina
Il Centro di Medicina Pordenone di via della Ferriera si è dotato, per primo in città, di un’apparecchiatura all’avanguardia per lo screening prenatale, fondamentale per la diagnosi precoce nello studio dei tumori ginecologici. Si tratta del nuovo ecografo Voluson E10, un’apparecchiatura di ultima generazione che sarà a disposizione di una equipe di ginecologi di grande professionalità ed esperienza. “Tra […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco