Salute 23 agosto 2017

Dolore acuto e cronico: boom in Italia, in 10 milioni al pronto soccorso per questo disturbo

Tra le cause del dolore acuto troviamo i disturbi di 3 macro-aree: mal di schiena (78% di accessi al pronto soccorso), cefalea (16%) e coliche renali (5%), il focus al Meeting Salute di Rimini

Immagine articolo

L’Italia è tra le pochissime nazioni ad essersi dotata di un impianto normativo sulla terapia del dolore, dato significativo e distintivo. La legge 38/2010, infatti, tutela chi ne soffre in maniera cronica, sancendo per tutti i cittadini il diritto all’accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative.

«La legge 38/2010 pone delle basi importanti, ma è necessario studiarne le applicazioni: le persone debbono sapere che esiste il diritto a non soffrire e il personale sanitario deve saper trattare il dolore nel modo più appropriato» spiega Raffaella Pannuti, Presidente Fondazione ANT, la Fondazione che da quarant’anni è impegnata nelle cure palliative a domicilio. «Il dolore non è solo fisico, ma è anche sociale e morale. L’umanizzazione delle cure, la comunicazione tra medico e paziente, trattare la “Persona” e non solo la malattia: tutto diventa parte della terapia per combattere il dolore in tutte le sue forme. La nostra fondazione si rivolge ai pazienti colpiti da patologie tumorali in fase avanzata e avanzatissima e considera una priorità la lotta al dolore, sia quello continuativo che quello episodico».

Dal 1978 ad oggi, l’Ant ha assistito oltre 120mila pazienti di tumore in 10 regioni italiane in modo completamente gratuito. «Da uno studio che stiamo facendo con l’università di Padova – prosegue la dott.ssa Pannuti – abbiamo potuto capire che il dolore può essere trattato non solo dal punto di vista farmacologico, ma anche attraverso le innovazioni tecnologiche».

Il Meeting Salute di Rimini (20-26 agosto 2017) ospita alcune tra le società scientifiche e le realtà e associazioni impegnate in quest’area. Ai tre grandi incontri in programma si affiancheranno appuntamenti think-tank quotidiani. «In tema di terapia del dolore durante l’appuntamento di Rimini sono previsti tre momenti – afferma il Prof. Gian Franco Gensini Presidente Cesmav Centro Studi Medicina Avanzata -. Il primo approfondirà la legge italiana sul dolore nei suoi diversi aspetti; un secondo verterà su come questa normativa viene accolta nel nostro sistema di innovazione e sui meccanismi  che consentono ai cittadini di avere a disposizione i rimedi più avanzati; nel terzo, infine, parleremo della medicina del dolore applicata alla nostra quotidianità e delle conoscenze in merito dei cittadini e dei pazienti”. Ancora pochi italiani, infatti, conoscono questo settore della medicina».

«Il dolore è generalmente sintomo di qualcosa che non va bene, un effetto di una patologia in corso. Quando il dolore diventa cronico, la terapia del dolore assume rilevanza assoluta allo scopo di limitare il disagio, la sofferenza, la compromissione spesso grave della qualità della vita. La terapia del dolore comprende tutti quegli atti farmacologici, interventistici, chirurgici e cognitivo-comportamentali che hanno lo scopo  di ridurre il dolore inutile. In altre parole, si parla di terapia del dolore quando dobbiamo trattare sia il dolore come sintomo che come malattia. Una patologia che affligge il 20% della popolazione italiana, mentre nei Paesi dell’Europa gli interessati oscillano tra il 12 e il 25%. Il dolore colpisce dunque un italiano su cinque e rappresenta un’emergenza sociale a cui bisogna dare grande attenzione». Da notare che l’impiego della telemedicina, ancora poco diffusa in Italia ma in forte sviluppo in alcun Regioni come «la Lombardia, il Veneto, l’Emilia Romagna e il Trentino, può offrire un significativo supporto al controllo del dolore attraverso la sua valutazione e trasmissione a un centro di riferimento, attraverso la possibilità di consultazione del proprio medico, ma anche con la possibilità per il medico di medicina generale di consultare i centri specialistici per suggerimenti riguardo a dolori difficilmente controllabili o alla possibilità di integrazione con trattamenti di medicina complementare» aggiunge il prof. Gensini.

Dieci milioni di persone in Italia nel 2015 si sono recate al pronto soccorso per dolore acuto; il 60% delle richieste di intervento con i medici di base avvengono per la stessa ragione. Tra i fattori di rischio per l’insorgenza del dolore acuto, i prevalenti sono incidenti stradali, infortuni sul lavoro, incidenti in ambiente domestico, patologie cardiovascolari acute e tumori. Tra le cause del dolore acuto, in evidenza  3 macro-aree: mal di schiena (78% di accessi al pronto soccorso per dolore), cefalea (16%) e coliche renali (5%). A tutto questo va aggiunto il dolore iatrogeno, quale quello dovuto a interventi chirurgici, che in un anno in Italia sono quasi cinque milioni, e in cui il dolore può essere previsto e controllato.

«La prevalenza del dolore cronico nella popolazione generale è elevata» dichiara Giuseppe Civardi, Rappresentante FADOI, società scientifica che raccoglie gli specialisti ospedalieri di medicina interna impegnandosi nella lotta al dolore. «Tra le persone al di sopra dei 65 anni, la percentuale media delle persone con dolore supera il 50%. Inoltre, i pazienti con un numero di condizioni morbose elevato, obesi, a basso livello di scolarità, di sesso femminile sono colpiti con frequenza ancora maggiore. Partendo da indagini capillari tra i propri associati, FADOI ha realizzato azioni di formazione e di aggiornamento in questo settore già da diversi anni, coinvolgendo nella lotta al dolore anche altre figure professionali con un ruolo fondamentale come il personale infermieristico».

Articoli correlati
Emergenza-urgenza, l’allarme della Simeu: «Nei Pronto soccorso italiani mancano oltre mille medici»
Il dato emerge da una raccolta dati. Ogni anno i medici dell’emergenza effettuano 4 milioni e mezzo di visite in più rispetto agli standard nazionali, definiti dalle società scientifiche
Regione Lazio, D’Amato: «400mila euro per nuova camera calda ospedale Velletri»
La Regione Lazio ha approvato in Giunta una delibera per assegnare alla Asl Roma 6 un finanziamento di 400 mila euro per la realizzazione della Camera Calda dell’ospedale “Paolo Colombo” di Velletri. Si tratta del locale collegato con il Pronto Soccorso e la Medicina d’urgenza nel quale arrivano i mezzi di soccorso e in cui […]
Subiaco, Alessio D’Amato (Lazio): «Con elisoccorso e nuovo PS miglioriamo la rete dell’emergenza»
«Con il via libera alla realizzazione della nuova elisuperficie e l’adeguamento del Pronto Soccorso dell’Ospedale Angelucci a Subiaco manteniamo fede alle promesse, migliorando e potenziando la rete dell’emergenza anche nelle aree più interne. Ora l’auspicio è che i lavori vengano conclusi in tempi rapidi e che i nuovi servizi entrino in piena operatività per aumentare […]
Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qualità di vita e delle condizioni di lavoro, firmano anzitempo la risoluzione del rapporto di lavoro». Tra le cause anche blocco del turnover e giovani disincentivati
Ipoacusia, 8 milioni gli italiani con disturbi uditivi. Paludetti (Gemelli): «Inibizione socio-culturale principale ostacolo»
Ogni anno 1.200 impianti cocleari e 390mila apparecchi. Il dato emerge in occasione del recente Meeting Salute di Rimini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...