Salute 23 Agosto 2017 12:58

Dolore acuto e cronico: boom in Italia, in 10 milioni al pronto soccorso per questo disturbo

Tra le cause del dolore acuto troviamo i disturbi di 3 macro-aree: mal di schiena (78% di accessi al pronto soccorso), cefalea (16%) e coliche renali (5%), il focus al Meeting Salute di Rimini

Dolore acuto e cronico: boom in Italia, in 10 milioni al pronto soccorso per questo disturbo

L’Italia è tra le pochissime nazioni ad essersi dotata di un impianto normativo sulla terapia del dolore, dato significativo e distintivo. La legge 38/2010, infatti, tutela chi ne soffre in maniera cronica, sancendo per tutti i cittadini il diritto all’accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative.

«La legge 38/2010 pone delle basi importanti, ma è necessario studiarne le applicazioni: le persone debbono sapere che esiste il diritto a non soffrire e il personale sanitario deve saper trattare il dolore nel modo più appropriato» spiega Raffaella Pannuti, Presidente Fondazione ANT, la Fondazione che da quarant’anni è impegnata nelle cure palliative a domicilio. «Il dolore non è solo fisico, ma è anche sociale e morale. L’umanizzazione delle cure, la comunicazione tra medico e paziente, trattare la “Persona” e non solo la malattia: tutto diventa parte della terapia per combattere il dolore in tutte le sue forme. La nostra fondazione si rivolge ai pazienti colpiti da patologie tumorali in fase avanzata e avanzatissima e considera una priorità la lotta al dolore, sia quello continuativo che quello episodico».

Dal 1978 ad oggi, l’Ant ha assistito oltre 120mila pazienti di tumore in 10 regioni italiane in modo completamente gratuito. «Da uno studio che stiamo facendo con l’università di Padova – prosegue la dott.ssa Pannuti – abbiamo potuto capire che il dolore può essere trattato non solo dal punto di vista farmacologico, ma anche attraverso le innovazioni tecnologiche».

Il Meeting Salute di Rimini (20-26 agosto 2017) ospita alcune tra le società scientifiche e le realtà e associazioni impegnate in quest’area. Ai tre grandi incontri in programma si affiancheranno appuntamenti think-tank quotidiani. «In tema di terapia del dolore durante l’appuntamento di Rimini sono previsti tre momenti – afferma il Prof. Gian Franco Gensini Presidente Cesmav Centro Studi Medicina Avanzata -. Il primo approfondirà la legge italiana sul dolore nei suoi diversi aspetti; un secondo verterà su come questa normativa viene accolta nel nostro sistema di innovazione e sui meccanismi  che consentono ai cittadini di avere a disposizione i rimedi più avanzati; nel terzo, infine, parleremo della medicina del dolore applicata alla nostra quotidianità e delle conoscenze in merito dei cittadini e dei pazienti”. Ancora pochi italiani, infatti, conoscono questo settore della medicina».

«Il dolore è generalmente sintomo di qualcosa che non va bene, un effetto di una patologia in corso. Quando il dolore diventa cronico, la terapia del dolore assume rilevanza assoluta allo scopo di limitare il disagio, la sofferenza, la compromissione spesso grave della qualità della vita. La terapia del dolore comprende tutti quegli atti farmacologici, interventistici, chirurgici e cognitivo-comportamentali che hanno lo scopo  di ridurre il dolore inutile. In altre parole, si parla di terapia del dolore quando dobbiamo trattare sia il dolore come sintomo che come malattia. Una patologia che affligge il 20% della popolazione italiana, mentre nei Paesi dell’Europa gli interessati oscillano tra il 12 e il 25%. Il dolore colpisce dunque un italiano su cinque e rappresenta un’emergenza sociale a cui bisogna dare grande attenzione». Da notare che l’impiego della telemedicina, ancora poco diffusa in Italia ma in forte sviluppo in alcun Regioni come «la Lombardia, il Veneto, l’Emilia Romagna e il Trentino, può offrire un significativo supporto al controllo del dolore attraverso la sua valutazione e trasmissione a un centro di riferimento, attraverso la possibilità di consultazione del proprio medico, ma anche con la possibilità per il medico di medicina generale di consultare i centri specialistici per suggerimenti riguardo a dolori difficilmente controllabili o alla possibilità di integrazione con trattamenti di medicina complementare» aggiunge il prof. Gensini.

Dieci milioni di persone in Italia nel 2015 si sono recate al pronto soccorso per dolore acuto; il 60% delle richieste di intervento con i medici di base avvengono per la stessa ragione. Tra i fattori di rischio per l’insorgenza del dolore acuto, i prevalenti sono incidenti stradali, infortuni sul lavoro, incidenti in ambiente domestico, patologie cardiovascolari acute e tumori. Tra le cause del dolore acuto, in evidenza  3 macro-aree: mal di schiena (78% di accessi al pronto soccorso per dolore), cefalea (16%) e coliche renali (5%). A tutto questo va aggiunto il dolore iatrogeno, quale quello dovuto a interventi chirurgici, che in un anno in Italia sono quasi cinque milioni, e in cui il dolore può essere previsto e controllato.

«La prevalenza del dolore cronico nella popolazione generale è elevata» dichiara Giuseppe Civardi, Rappresentante FADOI, società scientifica che raccoglie gli specialisti ospedalieri di medicina interna impegnandosi nella lotta al dolore. «Tra le persone al di sopra dei 65 anni, la percentuale media delle persone con dolore supera il 50%. Inoltre, i pazienti con un numero di condizioni morbose elevato, obesi, a basso livello di scolarità, di sesso femminile sono colpiti con frequenza ancora maggiore. Partendo da indagini capillari tra i propri associati, FADOI ha realizzato azioni di formazione e di aggiornamento in questo settore già da diversi anni, coinvolgendo nella lotta al dolore anche altre figure professionali con un ruolo fondamentale come il personale infermieristico».

Articoli correlati
Fimeuc: «Manca il 40% dei medici del PS e del Preospedaliero, il servizio di emergenza urgenza va riformato»
Secondo il presidente Alessandro Caminiti è necessaria una revisione. Quattro i punti cardini su cui lavorare: Più sinergia tra 118 e pronto soccorso, qualifica di dirigente medico per gli specialisti di emergenza urgenza, valorizzazione del ruolo dell’infermiere nell’equipe con medici e tecnici di soccorso, e definizione del ruolo dei volontari
Ultimo appello per salvare i Pronto Soccorso. Poi il SSN chiude.
di Sandro Petrolati, coordinatore Commissione Emergenza Urgenza ANAAO Assomed
di Sandro Petrolati, coordinatore Commissione Emergenza Urgenza ANAAO Assomed
Cardarelli nel caos, dimissioni di massa e sovraffollamento. «Conseguenza di un’esasperazione dilagante»
Cappiello (Anaao): «Il problema è nazionale, ed è il fallimento del modello unico di medico del Pronto Soccorso»
Ambulanze di nuovo in fila davanti ai pronto soccorso. Balzanelli (SIS 118): «Ne servirebbero almeno 360 in più»
A mandare in tilt i reparti di emergenza-urgenza non è solo il Covid-19, ma anche l’influenza stagionale. Il presidente SIS 118: «Per ogni ambulanza bloccata, c’è un paziente a bordo in attesa di cure e un altro che aspetta ancora il primo soccorso»
Medicina di emergenza-urgenza, il flash mob silenzioso contro il silenzio delle Istituzioni
Appuntamento a Roma il 17 novembre alle 12.30 in piazza Santi Apostoli. I motivi della protesta, Manca (Simeu): «Fermare la fuga di medici e specializzandi, ottenere il riconoscimento di lavoro usurante e maggiore protezione contro le aggressioni»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali