Salute 23 Luglio 2018

Disturbi alimentari, quando l’amore per la danza diventa malattia. Il racconto di Sara Mardegan di ‘Ballando con le stelle’

«Ho visto troppe danzatrici ammalarsi per inseguire una magrezza impossibile. La danza è tra le professioni artistiche più a rischio» l’intervista alla coreografa, ballerina e protagonista del varietà della Rai

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Il linguaggio non verbale conta più delle parole. I movimenti del corpo, come dimostrato anche da uno studio degli anni ’70 condotto dallo psicologo statunitense Albert Mehrabian, influenzano il 55% di un intero discorso. Ma cosa accade quando si comunica solo attraverso il linguaggio non verbale? È il corpo ad occupare il 100% della scena?

«La danza è la massima espressione della comunicazione non verbale. Ma il corpo non è tutto». Parola di ballerina. A parlare è Sara Mardegan, artista della trasmissione “Ballando con le Stelle”: «È la tua anima, la tua passione a guidare il tuo corpo. Se il tuo desiderio è quello di ballare, fallo. Ma non mettere a rischio la tua salute».

LEGGI ANCHE: ADOLESCENTI E DISTURBI ALIMENTARI, BUSATO BARBAGLIO (PSICOANALISTA): «QUANDO LO SGUARDO DELL’ALTRO È UNO SPECCHIO DEFORME»

Il messaggio di Sara Mardegan nasconde tra le righe una tragica realtà, quella dei disturbi alimentari, sempre più diffusi tra atleti, artisti e star di cinema e tv.

«Alcuni sport – ha sottolineato la ballerina – sono sicuramente più a rischio di altri. Gli atleti che devono sopportare grandi sforzi fisici, utilizzando la propria muscolatura, hanno sicuramente meno problemi di chi, come una ballerina, deve usare il proprio corpo in maniera leggiadra. Chi balla ha bisogno di una corporatura esile. Ed è per questo che nel mondo della danza esiste da sempre il dramma dell’anoressia. Per mantenere il proprio fisico leggero ci si sottopone a diete forzate».

Ma per Sara la libertà di scelta c’è. E viene sempre prima di tutto, anche del proprio lavoro. «È il singolo artista, ovviamente, a decidere con la propria testa se seguire oppure no le diete suggerite. Io consiglio sempre di non farle, magari dedicando un po’ più di tempo all’attività fisica. In alternativa, se proprio non se ne può fare a meno, allora è indispensabile consultare un medico specialista. Ho visto con i miei occhi casi estremi, situazioni tragiche: corpi magrissimi, ai limiti della sopravvivenza».

Per Sara, almeno nell’ambito della danza sportiva, la situazione è decisamente precipitata negli anni ’90: «Fino ad una trentina di anni fa, almeno per la mia disciplina, non era richiesta una magrezza eccessiva. Il modello di riferimento ha subìto un radicale cambiamento con l’arrivo sulla scena delle ballerine russe, costituzionalmente molto più esili delle altre. Sono convinta, infatti, che i casi di anoressia si siano moltiplicati di recente».

LEGGI ANCHE: DISTURBI ALIMENTARI, IN ITALIA 3MILA VITTIME L’ANNO. PARLA LO PSICHIATRA LUCIO RINALDI: «COLPA DELLA SOLITUDINE E DELLA MANCANZA DI AUTOSTIMA»

Ed è proprio per evitare di assistere ad altre tragedie come quelle che troppe volte ha vissuto così da vicino che Sara promuove con forza e decisone messaggi di prevenzione, partecipando attivamente alle campagne informative e di sensibilizzazione.

A chi ama ballare, ma non si sente troppo a suo agio nel proprio corpo, dice: «La tua forma fisica non è importante. Se ballerai con la tua anima, il pubblico non si fermerà ad osservare la tua esteriorità. Trasmetterai molto di più. E non sarà certo quel chilo di troppo ad ostacolare la comunicazione di sentimenti, sensazioni ed emozioni, tra te e i tuoi spettatori».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Disturbi dell’alimentazione, all’Ini controlli gratuiti. Ecco i sintomi che devono allarmare
Colloqui gratuiti a Roma per coloro che hanno disturbi dell’alimentazione. In occasione della Giornata del Fiocchetto Lilla, il 15 Marzo, per sensibilizzare sui disturbi dell’alimentazione, gli esperti del Gruppo INI saranno a disposizione delle persone che abbiano deciso di affrontare un percorso per risolvere il proprio disturbo alimentare. In Italia circa 3 milioni di persone sono costrette a convivere […]
Disturbi alimentari, la rete Ananke cura la famiglia per guarire il paziente. Zaffiro (psicoterapeuta): «Malattia che si nutre dell’angoscia altrui»
Il progetto, nato un anno fa attraverso una rete territoriale di circa 20 ambulatori, interviene sul paziente e sui familiari con percorsi clinici individualizzati. L’esperto: «Fondamentale la prossimità con il paziente: più si è vicini, più è facile intercettare le richieste di aiuto ed evitare - ha concluso Zaffiro - che il disturbo diventi troppo grave»
di Isabella Faggiano
Disturbi alimentari, Caterina Bini (Pd): «Sono seconda causa di morte fra i giovani. Serve introdurre reato d’istigazione al suicidio»
Due proposte di legge bipartisan sui DCA sono in corso di esame in Commissione igiene e Sanità del Senato. «Inneggiate pratiche pericolose, è necessario intervenire», così Caterina Bini, senatrice Pd e Vicepresidente della Commissione parlamentare dell’infanzia e dell’adolescenza
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Instagram: dagli hashtag pro-anoressia al ruolo degli influencer, la guida dello psicologo a genitori e figli
Il dottor Stefano Lagona, psicologo e psicoterapeuta, lancia un vademecum sul controverso rapporto tra il popolare social network e idisturbi alimentari attraverso il corso ECM “I disturbi del comportamento alimentare: inquadramento diagnostico e trattamento”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti