Salute 23 Luglio 2018 09:50

Disturbi alimentari, quando l’amore per la danza diventa malattia. Il racconto di Sara Mardegan di ‘Ballando con le stelle’

«Ho visto troppe danzatrici ammalarsi per inseguire una magrezza impossibile. La danza è tra le professioni artistiche più a rischio» l’intervista alla coreografa, ballerina e protagonista del varietà della Rai

di Isabella Faggiano
Disturbi alimentari, quando l’amore per la danza diventa malattia. Il racconto di Sara Mardegan di ‘Ballando con le stelle’

Il linguaggio non verbale conta più delle parole. I movimenti del corpo, come dimostrato anche da uno studio degli anni ’70 condotto dallo psicologo statunitense Albert Mehrabian, influenzano il 55% di un intero discorso. Ma cosa accade quando si comunica solo attraverso il linguaggio non verbale? È il corpo ad occupare il 100% della scena?

«La danza è la massima espressione della comunicazione non verbale. Ma il corpo non è tutto». Parola di ballerina. A parlare è Sara Mardegan, artista della trasmissione “Ballando con le Stelle”: «È la tua anima, la tua passione a guidare il tuo corpo. Se il tuo desiderio è quello di ballare, fallo. Ma non mettere a rischio la tua salute».

LEGGI ANCHE: ADOLESCENTI E DISTURBI ALIMENTARI, BUSATO BARBAGLIO (PSICOANALISTA): «QUANDO LO SGUARDO DELL’ALTRO È UNO SPECCHIO DEFORME»

Il messaggio di Sara Mardegan nasconde tra le righe una tragica realtà, quella dei disturbi alimentari, sempre più diffusi tra atleti, artisti e star di cinema e tv.

«Alcuni sport – ha sottolineato la ballerina – sono sicuramente più a rischio di altri. Gli atleti che devono sopportare grandi sforzi fisici, utilizzando la propria muscolatura, hanno sicuramente meno problemi di chi, come una ballerina, deve usare il proprio corpo in maniera leggiadra. Chi balla ha bisogno di una corporatura esile. Ed è per questo che nel mondo della danza esiste da sempre il dramma dell’anoressia. Per mantenere il proprio fisico leggero ci si sottopone a diete forzate».

Ma per Sara la libertà di scelta c’è. E viene sempre prima di tutto, anche del proprio lavoro. «È il singolo artista, ovviamente, a decidere con la propria testa se seguire oppure no le diete suggerite. Io consiglio sempre di non farle, magari dedicando un po’ più di tempo all’attività fisica. In alternativa, se proprio non se ne può fare a meno, allora è indispensabile consultare un medico specialista. Ho visto con i miei occhi casi estremi, situazioni tragiche: corpi magrissimi, ai limiti della sopravvivenza».

Per Sara, almeno nell’ambito della danza sportiva, la situazione è decisamente precipitata negli anni ’90: «Fino ad una trentina di anni fa, almeno per la mia disciplina, non era richiesta una magrezza eccessiva. Il modello di riferimento ha subìto un radicale cambiamento con l’arrivo sulla scena delle ballerine russe, costituzionalmente molto più esili delle altre. Sono convinta, infatti, che i casi di anoressia si siano moltiplicati di recente».

LEGGI ANCHE: DISTURBI ALIMENTARI, IN ITALIA 3MILA VITTIME L’ANNO. PARLA LO PSICHIATRA LUCIO RINALDI: «COLPA DELLA SOLITUDINE E DELLA MANCANZA DI AUTOSTIMA»

Ed è proprio per evitare di assistere ad altre tragedie come quelle che troppe volte ha vissuto così da vicino che Sara promuove con forza e decisone messaggi di prevenzione, partecipando attivamente alle campagne informative e di sensibilizzazione.

A chi ama ballare, ma non si sente troppo a suo agio nel proprio corpo, dice: «La tua forma fisica non è importante. Se ballerai con la tua anima, il pubblico non si fermerà ad osservare la tua esteriorità. Trasmetterai molto di più. E non sarà certo quel chilo di troppo ad ostacolare la comunicazione di sentimenti, sensazioni ed emozioni, tra te e i tuoi spettatori».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Non chiamatela disturbo è una malattia»: mamma Francesca racconta la storia di Lorenzo, morto per anoressia
Il 15 marzo si celebra la Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla, una ricorrenza che, da oltre un decennio, propone una riflessione sui disturbi del comportamento alimentare. Mamma Francesca: «Non si ammalano solo le donne, fate attenzione anche ai maschi»
Disturbi alimentari: è allarme tra i giovani. La storia di Maria Vittoria Strappafelci
I disturbi alimentari (DCA) sono in preoccupante aumento tra gli adolescenti. Un’emergenza in crescita esponenziale a causa dello stress dovuto alla pandemia. Maria Vittoria Strappafelci ci racconta la sua esperienza nel tunnel dell’anoressia e della bulimia ed il suo percorso di rinascita
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
“Nata due volte” il libro di Giorgia Bellini per salvare i coetanei dai disturbi del comportamento alimentare
È la storia autobiografica di una giovane che all’età di 13 anni scivola nel tunnel della bulimia. Dieci anni dopo trova la forza di raccontare la sua esperienza in un libro e crea una community di oltre 25 mila persone su Instagram e TikTok. «La mia missione? Cambiare la vita delle persone che soffrono di DCA, aiutare i giovani a chiedere aiuto e i genitori a capire»
di Federica Bosco
I disturbi del comportamento alimentare sono aumentati del 30% tra i giovanissimi
Le cause secondo la psicologa: «Equilibri familiari saltati, esposizione costante al cibo, instabilità continua tra chiusure e riaperture. La DAD? Un trigger pericoloso per i soggetti a rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...