Salute 14 Dicembre 2020 07:36

Dieta vegetariana e mediterranea a confronto: quali sono i pro e i contro dei due regimi alimentari?

In un corso Fad definizione, differenze e benefici. Migliaccio (Resp. Scientifico): «Gli alimenti di origine animale – carne, uova, latte e pesce – hanno tutte le proteine nobili, gli amminoacidi essenziali, a differenza di quelli vegetali»

Mediterranea, vegetariana o vegana. Negli ultimi anni, gli ultimi due modelli alimentari hanno preso piede, per motivi etici, religiosi, ambientali e di salute. Ma quali sono i vantaggi, gli svantaggi e gli aspetti nutrizionali dei due tipi di alimentazione?

Lo abbiamo chiesto a Silvia Migliaccio, segretario generale della SISA (Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione) professore associato in Scienze tecniche mediche applicate all’Università di Roma “Foro italico” e Responsabile Scientifico del corso Fad del provider Sanità in-Formazione “Veg & Med. Dieta vegetariana e dieta mediterranea a confronto”.

«La dieta vegetariana esclude carne e pesce, si basa totalmente su alimenti di origine vegetale; la dieta mediterranea – spiega la dottoressa a Sanità Informazione – rappresenta uno stile alimentare con una netta prevalenza di alimenti di origine vegetale completata da quelli di origine animale».

Dieta vegetariana e mediterranea: analogie e differenze. Il ruolo delle proteine animali

«In entrambe – spiega la dottoressa Migliaccio – prevalgono cereali, legumi, frutta e verdura: hanno in comune la quantità di fibra e gli antiossidanti. Chiaramente hanno basso contenuto di grassi e possono indurre vantaggi in termini di riduzione di glicemia e colesterolo».

Dieta vegetariana e mediterranea a confronto: quali sono i pro e i contro dei due regimi alimentari?

«Il punto che le distingue sono gli alimenti di origine animale. Nella dieta mediterranea carne, pesce, uova latte e formaggi sono assunti ma con moderazione, in quantità controllata. C’è da dire, però, che gli alimenti di origine animale – anche latte, uova e pesce – hanno tutte le proteine nobili, tutti gli amminoacidi essenziali, a differenza di quelli vegetali. Se il soggetto che decide di seguire una dieta vegetariana o vegana non integra in maniera ottimale gli alimenti, può andare incontro a carenze proteiche. L’ottimizzazione della quantità proteica si ha soltanto se il vegetariano abbina i cereali con i legumi».

L’importanza di una dieta varia ed equilibrata

Ma c’è un’altra differenza: la dieta mediterranea permette di variare l’alimentazione, fornire al nostro corpo i cibi giusti e soprattutto associati nel modo più adeguato a ciascuno di noi. «La dieta più è varia e meglio è – ricorda la Migliaccio – perché riusciamo ad assumere con facilità tutti i nutrienti necessari al nostro organismo. Il ferro, ad esempio, è nella carne e nei legumi, il calcio nei latticini. Le donne vegetariane possono avere un ridotto introito di ferro che può portarle all’anemia, soprattutto in età adulta, con il ciclo mestruale».

La dieta su misura: «Rispettare le scelte ma fornire ai pazienti informazioni precise su ogni modello nutrizionale»

L’obiettivo del corso Fad è fornire gli strumenti ai professionisti per stilare diete personalizzate e consigliare ai pazienti il profilo nutrizionale più idoneo: «La dieta deve essere sempre individualizzata – continua la dottoressa Migliaccio -. Noi medici dobbiamo rispettare le scelte etiche delle persone, ma allo stesso tempo dobbiamo informarle sugli svantaggi di un regime nutrizionale piuttosto che un altro. Tutti parlano di dieta mediterranea ma pochi la seguono correttamente, con attenzione e convinzione. È la più studiata, conosciuta e completa – conclude l’esperta -. Esistono numerose pubblicazioni scientifiche che dimostrano come l’aderenza a questo regime alimentare possa ridurre l’incidenza di malattie cardiovascolari, tumori, patologie neurologiche».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Food delivery: sette regole per mangiare bene e in sicurezza durante le feste
L'Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti digestivi ospedalieri (Aigo) suggerisce come comportarsi nell'ordinare cibo da asporto, per un corretto regime alimentare
Andid, al via il 32º Congresso nazionale. L’impegno dei dietisti tra i nuovi ordini professionali e la tutela della salute pubblica
La professione in epoca Covid: dalla malnutrizione dei pazienti gravi alla nutrizione per eccesso causata dall’isolamento. L’intervista a Marco Tonelli, presidente della Commissione d’albo Dietisti
di Isabella Faggiano
La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’
L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo
Psoriasi e stili di vita: la battaglia per una pelle sana inizia a tavola
L’APIAFCO presenta la collana di libri sulla corretta alimentazione per chi soffre di malattie infiammatorie della pelle: otto volumi e oltre 900 pagine di consigli e articoli scientifici con ricette dei migliori chef
Settimana della tiroide, Toscano (AME): «È legata allo stress e condiziona la fertilità»
Si celebra, quest’anno, dal 25 al 31 maggio. Vincenzo Toscano (Past President dell'Associazione Medici Endocrinologi) «La gestione dello stress è importante per la salute della tiroide. Dobbiamo tornare a sensibilizzare le persone sulle patologie tiroidee»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 gennaio, sono 100.886.015 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.174.486 i decessi. Ad oggi, oltre 80,29 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...