Salute 8 Marzo 2023 13:49

Dieta chetogenica raddoppia i rischi per il cuore. Cardiologi: “Necessario un consulto medico”

Brutte notizie per chi ha deciso di affidarsi alla dieta chetogenica, un regime alimentare oggi diventato popolarissimo tra le persone che vogliono perdere peso. Uno studio dell’Università della British Columbia, a Vancouver, indica che questo regime alimentare può aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache e altre condizioni cardiovascolari potenzialmente letali. A spiegarci come, Pasquale Perrone Filardi, presidente della Società italiana di cardiologia

Dieta chetogenica raddoppia i rischi per il cuore. Cardiologi: “Necessario un consulto medico”

Brutte notizie per chi ha deciso di affidarsi alla dieta chetogenica, un regime alimentare oggi diventato popolarissimo tra le persone che vogliono perdere peso. Uno studio dell’Università della British Columbia, a Vancouver, indica che questo regime alimentare può aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache e altre condizioni cardiovascolari potenzialmente letali. I risultati, presentati in occasione del congresso dell’American College of Cardiology a New Orleans, suggeriscono la necessità di rivolgersi a un medico prima di iniziare a seguire una dieta così specifica come la chetogenica. Lo studio canadese ha monitorato 1.500 persone per oltre un decennio e ha scoperto che la dieta può aumentare i livelli di colesterolo «cattivo» e, a cascata, innescare una serie di reazioni che possono rivelarsi mortali.

Con la dieta chetogenica meno carboidrati e più grassi e proteine

La dieta chetogenica prevede l’assunzione dal 60% all’80% delle calorie giornaliere dai grassi e dal 20% al 30% dalle proteine. Coloro che seguono questo regime alimentare cercano di consumare meno carboidrati possibili, il che significa ridurre ad esempio il consumo di pane, riso e patate. I carboidrati sono la principale fonte di energia che il corpo utilizza durante l’esercizio o il movimento quotidiano. Ma la mancanza di carboidrati nel corpo spinge le persone in uno stato chiamato «chetosi», in cui inizia a scomporre i grassi per produrre energia. L’idea è di attingere, si spera, alle riserve di grasso e accelerare la perdita di peso. Anche se non è ancora molto chiaro la reale efficacia di questo tipo di dieta, è comunque diventata molto popolare soprattutto fra le celebrità. La nota attrice Halle Berry, ad esempio, è una sua sostenitrice.

Perrone Filardi (Sic): «Diete ricche di grassi saturi e trans aumentano il colesterolo LDL»

Ora lo studio canadese alimenta nuovi dubbi. In particolare, i ricercatori hanno scoperto che coloro che seguivano una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati ha il doppio delle probabilità di sviluppare eventi cardiovascolari, come infarti e ictus rispetto ai loro coetanei. Questo perché, secondo gli studiosi, gli alti livelli di colesterolo «cattivo» causano l’accumulo di depositi di grasso nelle pareti delle arterie che possono restringerle o bloccarle. «Il nostro organismo produce colesterolo LDL naturalmente, ma seguire diete ricche di grassi saturi e trans induce il nostro corpo a produrne di più», spiega a Sanità Informazione Pasquale Perrone Filardi, presidente della Società italiana di cardiologia (Sic). «In questo modo il colesterolo LDL contribuisce all’accumulo di depositi di grasso noti come placche arteriose, che aumentano il rischio di infarto o ictus», aggiunge.

Servono altri studi su effetti della dieta chetogenica

«Questo studio – continua – è certamente interessante, ma si tratta di una ricerca osservazione che ha trovato un’associazione e non una relazione causale. Tuttavia, i risultati suggeriscono l’importanza di consultare un medico prima di iniziare questo regime dietetico e suggeriscono la necessità di ulteriori studi vista la straordinaria popolarità di questa dieta». Aggiunge Iulia Iatan, scienziata che ha guidato lo studio: «I nostri risultati suggeriscono che le persone che stanno pensando di seguire una dieta LCHF (un tipo di dieta chetogenica, ndr) dovrebbero essere consapevoli che farlo potrebbe portare a un aumento dei loro livelli di colesterolo LDL». Gli scienziati raccomandano, quindi, di monitorare i livelli di colesterolo e di cercare di affrontare altri fattori di rischio di malattie cardiache o ictus, come il diabete, l’ipertensione, l’inattività fisica e il fumo, durante la dieta.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cure cardiovascolari a prova di pandemia e clima. Italia in prima linea nel progetto europeo RESIL-Card
La Società Italiana di Cardiologia interventistica (GISE) prende parte al consorzio europeo RESIL-Card che punta a rendere il sistema di assistenza e cure cardiovascolari più resilienti nelle crisi
di V.A.
Dolore toracico, con tecnologie di precisione meno morti e infarti
L’impiego selettivo della Tac coronarica integrata con la FFRct (fractional flow reserve CTderived) riduce il rischio di morte e di infarto del 65%, evitando esami invasivi non necessari. Questo, in estrema sintesi, è quanto emerso da due analisi dello studio clinico internazionale PRECISE, pubblicato sulla rivista Jama Cardiology
di V.A.
Il cioccolato fondente riduce il rischio di ipertensione arteriosa
Il cioccolato fondente potrebbe essere un "dolce" alleato contro l'ipertensione arteriosa, cosiddetta "essenziale" perché la causa è sconosciuta. A scoprirlo è stato uno studio dello Shaoxing People's Hospital, in Cina, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Scientific Reports
Addio ECG? Creato “auricolare” che rileva l’attività cardiaca h24
Un dispositivo indossabile all’interno dell’orecchio, appena più grande di un auricolare è in grado di rilevare e analizzare il battito cardiaco 24 ore su 24. Sviluppato dai ricercatori dell’Imperial College di Londra ha dimostrato di avere le stesse prestazioni di un ECG convenzionale in due misurazioni su tre
Cuore in pericolo per i nottambuli, rischio raddoppiato di calcificazione delle arterie
Le persone che tendono ad andare a letto più tardi, i cosiddetti nottambuli o "gufi", hanno un rischio quasi due volte maggiore di soffrire di calcificazione delle arterie, una complicazione che aumenta le probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari. Questi sono i risultati di uno studio dell’Università di Göteborg, in Svezia, pubblicato sulla rivista Sleep Medicine
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...