Salute 5 dicembre 2018

Diabete, 12mila gli under 14 colpiti. Cabras (FDG): «Occorre una legge che prepari la scuola ad assistenza»

La Federazione Diabete Giovanile promuove formazione per famiglie e insegnanti per gestire la malattia. Il presidente: «La consapevolezza aiuta la gestione»

di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Immagine articolo

Insieme alla medicina anche la consapevolezza è un’arma efficace per combattere il diabete. Lo sostiene Antonio Cabras, presidente della Federazione Diabete Giovanile (FDG), l’organizzazione di volontariato che promuove corsi rivolti alle scuole e alle famiglie per diffondere la «cultura diabetologica», così come la definisce Cabras , e imparare a gestire nel migliore dei modi questa patologia.

«Il diabete è una pandemia nazionale e mondiale – spiega il presidente FDG – . Non bisogna dimenticare che nel nostro Paese ci sono 12mila soggetti con diabete tra 0 e 14 anni e che c’è un’incidenza di circa 800 nuovi casi l’anno». Questi numeri si ripercuotono inevitabilmente sul tessuto sociale del Paese «ponendo diversi problemi sia alla famiglia, sia all’assistenza sanitaria anche perché molti pazienti sono bambini, visto che la diagnosi avviene sempre più precocemente».

LEGGI ANCHE: DIABETE, QUANTO CONTA PROGRAMMARE LA GRAVIDANZA?

Ad essere coinvolti nella gestione del diabete non sono solo i genitori e il Sistema sanitario ma anche la scuola che in questo contesto ricopre un ruolo fondamentale. Avere un bambino diabetico in classe comporta una serie di accortezze che è bene conoscere. «Oggi ci sono nuovi farmaci, nuove terapie e bisogna conoscere tutto per imparare a gestire la patologia. In ogni sezione delle scuole primarie e secondarie ci sono almeno cinque ragazzini che hanno bisogno di assistenza sanitaria di vario genere, non solo di diabete. Fra loro ci sono i bambini con diabete a cui occorre somministrare l’insulina, stare molto attenti, vigilare che non vadano in ipoglicemia».

«Purtroppo – continua Cabras -, non esiste ancora una norma che garantisca dentro la scuola un controllo di questi bambini, per esempio la somministrazione d’insulina o il monitoraggio della glicemia, cosa che darebbe maggior tranquillità sia al bambino che alla famiglia».

Proprio per sopperire a queste mancanze la Federazione Diabete Giovanile «organizza una serie d’incontri con tutto il personale scolastico per informare ed educare a conoscere questa patologia perché le insegnanti, come altri componenti della scuola, hanno un compito di vigilanza e devono capire se il bambino diabetico ha bisogno di intervento oppure no».

«I corsi di formazione ‘delle conoscenze’, così li chiamiamo, pensiamo possano essere utile strumento sociale – conclude -. In molte Regioni le insegnanti intervengono anche con la somministrazione dei farmaci dell’insulina, ma bisogna parlare chiaro: gli interventi di carattere sanitario li può fare solo un medico o un infermiere qualificato. Gli insegnanti rischiano di incorrere nel codice penale. Noi facciamo informazione perché chiunque di noi si renda responsabile davanti a un bambino che sta poco bene. Per questo chiediamo che sia fatta la normativa affinché il SSN, attraverso le Regioni, si occupi di questo problema, non solo del diabete ma di tutte le patologie croniche che riguardano i bambini».

Articoli correlati
Diabete, anche Milano entra nella rete Cities Changing Diabets. Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Indirizzare cittadini verso corretti stili di vita»
Dopo Roma, anche il capoluogo meneghino entra nelle 19 città a livello globale che aderiscono al progetto. Il programma, che si articolerà su un triennio, prevede diverse fasi: dalla mappatura dei dati epidemiologici alla fotografia dello stato attuale. In Lombardia 550mila diabetici e 150mila malati cronici. Carruba (Comitato esecutivo): «Questo ingresso consentirà all’Italia di contribuire con un significativo volume di dati, avendo le due aree metropolitane quasi 8 milioni di abitanti»
di Federica Bosco
Diabete, colpito 1 milione di italiani in età lavorativa. La prima cura? Un corretto stile di vita
«Molte diagnosi arrivano tardi e spesso ci si arriva tramite altre patologie. Il 2% della popolazione ha il diabete e non lo sa. L'Italia è fanalino di coda nell’utilizzo dei più moderni farmaci per il diabete a causa delle difficoltà nel prescriverli» ha dichiarato il professor Andrea Giaccari, diabetologo
Retinopatia diabetica, oltre un milione di italiani rischiano la vista. Febbraio mese della prevenzione
Mediamente il 30-50% della popolazione diabetica è affetto da retinopatia in forma di varia gravità. Dal 4 al 28 febbraio visite oculistiche gratuite con attrezzature all’avanguardia come l’EyeAr
di Isabella Faggiano
Diabete, Raffaella Buzzetti (endocrinologa) : «Nuovi farmaci: ecco come l’innovazione migliora la qualità di vita dei pazienti»
Il Rettore della Sapienza Eugenio Gaudio: «L’università ha il dovere di formare e aggiornare gli specialisti su tutte le novità diagnostiche e terapeutiche. Patologie complesse come il diabete di tipo 1 richiedono competenza e preparazione»
di Isabella Faggiano
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...