Salute 28 Ottobre 2019 15:15

Aggressioni, Speranza apre a presìdi di polizia nei Ps: «Discussione aperta. Migliorare e approvare Ddl prima possibile»

«Dovere dello Stato è “prendersi cura di chi ci cura” ha detto il ministro in vista all’OMCeO Napoli. Il Presidente dell’Ordine dei medici di Napoli Scotti: «Avere qui con noi il Ministro in un momento così delicato è per noi fondamentale. Il messaggio è chiaro: fate presto»

Un ospite d’eccezione all’Ordine dei Medici di Napoli per fare il punto sulla problematica delle aggressioni al personale sanitario: il ministro della Salute Roberto Speranza è infatti intervenuto al convegno organizzato sul tema che ha visto la partecipazione, oltre che dei vertici OMCeO Silvestro Scotti e Bruno Zuccarelli, dei parlamentari Paolo Siani, Michela Rostan, Maria Domenica Castellone e Federico Conte. Presenti anche i Direttori Generali delle Aziende Sanitarie della Provincia di Napoli e i rappresentanti di medici, infermieri, ostetriche e professioni sanitarie.

L’incontro è stato l’occasione per ribadire l’importanza di un’azione legislativa condivisa per contrastare le aggressioni al personale sanitario, ma anche per discutere su questioni riguardanti la legge di Bilancio, il Patto per la Salute, e in generale le risorse da mettere in campo per garantire la sicurezza degli operatori della sanità. «Lo Stato ha il dovere di prendersi cura di chi a sua volta si prende cura di noi, di chi ogni giorno lavora negli ospedali e nei luoghi in cui si soffre – afferma ai nostri microfoni Speranza. – Un testo è già stato approvato in Senato ed è ora in discussione alla Camera, lavoreremo per accelerarlo e migliorarlo il più possibile». Il ministro dà segnali di apertura anche sulla presenza della polizia all’interno degli ospedali. «È un punto su cui la discussione è aperta. Io non escludo alcuna misura al momento, e a tal proposito ho istituito un Osservatorio composto da tutti gli Ordini». E sulla carenza di personale aggiunge: «Si tratta di aumentare l’attrattività di questa professione. Il mio impegno è per garantire, nel giro di poco, un aumento del personale».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, L’ALLARME DI FIMMG-EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE: «OPERATORI DEL 118 TRA I PIU COLPITI»

«Avere qui con noi il Ministro in un momento così delicato è per noi fondamentale – osserva il presidente dell’Omceo Napoli Silvestro Scotti – soprattutto alla luce delle risposte soddisfacenti che abbiamo ricevuto in merito alla questione. Il messaggio è chiaro: fate presto, come ribadito anche da Speranza».

Così l’on. Michela Rostan, autrice della proposta sull’attribuzione della qualifica di pubblico ufficiale per il personale sanitario in servizio: «Abbiamo avuto modo di sottolineare che ormai si tratta di una vera e propria emergenza nazionale, la prossima settimana inizieremo la discussione non soltanto del disegno di legge che è già stato approvato al Senato ma anche di tutte le proposte, tra cui la mia, che ci sono alla Camera. Il mio auspicio, visto che non si tratta solo della sicurezza di una categoria di lavoratori ma di un miglioramento complessivo di un servizio pubblico essenziale, è che si arrivi nel più breve tempo possibile alla stesura di un testo unanime».

Una delle aree più colpite dai fenomeni di violenza è quella dell’emergenza urgenza: «Questo è un momento in cui le persone devono essere sensibilizzate, portate a conoscere il nostro impegno – sottolinea il dott. Giuseppe Galano, Responsabile Centrale Operativa 118. – È fondamentale educare il cittadino a ricevere aiuto, ma questo deve passare per una conoscenza di quelle che sono, ad oggi, le nostre condizioni di lavoro».

L’obiettivo dichiarato da Speranza nel suo intervento a chiusura dei lavori è quello di «avvicinare sempre più la realtà ai principi contenuti nell’articolo 32 della nostra Costituzione». Un lavoro che passa da una riforma sostanziale del sistema sanitario: «I due miliardi in più stanziati nella manovra finanziaria per il fondo sanitario nazionale ci consentiranno investimenti importanti per migliorarare quelle criticità che ad oggi allontanano dal cittadino dal percepire positivamente l’assistenza sanitaria pubblica. Uno fra tutti, la carenza di medici».

Ancora il ministro sulle più importanti novità per il settore: «Dal 1 settembre 2020 il superticket non esisterà più. Un provvedimento che è vicino alle classi più deboli della nostra società, che parla soprattutto al Mezzogiorno, dove i costi delle visite specialistiche sono più alti che al Nord».

Speranza propone inoltre un maggior utilizzo dei presidi territoriali come intermediari diretti tra la popolazione e il sistema sanitario: «I medici di medicina generale possono aiutare a ridurre e a filtrare gli accessi negli ospedali anche attraverso i loro studi maggiormente attrezzati per diagnosi di primo livello. O anche far sì che una parte di funzioni che ad oggi ricadono sull’ospedale possano essere sviluppate nella farmacia dei servizi».

 

Articoli correlati
Covid, OMCeO Napoli vicino ai suoi iscritti. Scotti e Zuccarelli: «Psicoterapeuti e avvocati per sostenere chi da un anno combatte in trincea»
Dopo aver siglato un protocollo d’intesa con Federlab Italia e Unione Industriali per assicurare ai medici partenopei, ai loro familiari e collaboratori l’accesso a test sierologici e tamponi molecolari ad un costo simbolico, l’Ordine dei Medici di Napoli continua a introdurre iniziative a sostegno dei propri iscritti, ancor più in questo momento di grande difficoltà […]
Territorio, telemedicina e vaccini: il programma di Draghi ricalca quello di Speranza. E lo supera
La sanità secondo Draghi somiglia a quella immaginata nella bozza di Recovery Plan dello scorso governo. Ma il neo presidente del Consiglio ha aggiunto il suo tocco: piano vaccini e velocità d'esecuzione all'ordine del giorno come Israele
Nasce il Governo Draghi, alla Salute confermato Roberto Speranza
Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha comunicato la lista dei Ministri dopo un colloquio con il Capo dello Stato Sergio Mattarella. La conferma di Speranza era stata caldeggiata da numerosi addetti ai lavori per dare continuità alla lotta al Covid
Governo, Speranza favorito per la conferma alla Salute. Tutti i nomi del totoministri
Il presidente incaricato Mario Draghi non ha ancora sciolto la riserva ma già circolano i primi nomi per Lungotevere Ripa. Oltre al ministro uscente, in corsa anche Brusaferro, Locatelli e Rezza. Tra i virologi si parla di Ilaria Capua e Andrea Crisanti
Campagna vaccinale, primo bilancio della fase 1: bene il dato sui MMG, ma mancano ancora i liberi professionisti
Anelli (FNOMCeO): «La prima fase non può considerarsi conclusa se non verrà garantito il vaccino a tutti gli operatori sanitari». Scotti (FIMMG): «Solo il 3% dei MMG non è stato contattato per la vaccinazione. Adesione pressoché totale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 marzo, sono 114.461.199 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.539.235 i decessi. Ad oggi, oltre 244,27 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...