Salute 18 Gennaio 2021 08:19

Dall’esperienza del portale “Covid e cuore” nasce “Cuore e…”

Gianfranco Gensini, direttore scientifico IRCCS Multimedica Milano, spiega le motivazioni dell’evoluzione e i driver che hanno portato a questa scelta

Il portale “Covid e cuore” è nato a marzo allo scoppio della pandemia di coronavirus. Dopo quasi nove mesi, la scelta di trasformarlo in “Cuore e…”. «Siamo partiti con la gestione del sito convinti che fosse appropriato parlare delle ripercussioni della malattia sul cuore – ricorda il professor Gianfranco Gensini, direttore scientifico IRCCS Multimedica Milano e coordinatore del comitato scientifico del progetto -. Abbiamo organizzato più di 30 webinar, ci è sembrato giusto offrire ai colleghi una visione di dettaglio di quanto stava cambiando in termini di conoscenze, indicazioni diagnostiche e terapeutiche del Covid-19».

Poi, la piattaforma si è evoluta: «Abbiamo deciso che “Covid e cuore” diventasse una delle sezioni di svolgimento di “Cuore e…” che si apre a vari argomenti, uno fra tutti il digitale. Siamo consapevoli infatti – conclude Gensini – di poter sfruttare lo stesso sistema di intelligenza collettiva per interagire e approfondire altri argomenti, in uno scambio di idee e di sinergie tra addetti al settore».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Caldo choc, Indolfi (SIC): «Attenzione ai farmaci per cuore e ipertensione»
Prudenza e continuo controllo con il proprio medico di fiducia. Questi i consigli, per questi giorni di afa estrema che vengono dal Prof. Ciro Indolfi, Presidente della Società Italiana di Cardiologia (SIC). «In situazioni così particolari, non bastano gli accorgimenti di buon senso. Chi soffre di patologia legate a cuori, polmoni, reni, pressione, nonché gli anziani devono aumentare il livello di guardia, consultando il proprio specialista e, nel caso, rimodulando le terapie farmacologiche in ragione del caldo»
Con cellule staminali e vettori virali a RNA e DNA anche il cuore si potrà riparare
La ricerca cardiovascolare guarda alla medicina rigenerativa per vincere la sfida contro le malattie cardiache, oggi prima causa di morte nel mondo occidentale. Silvia Priori (SIMCRI): «L’obiettivo è creare le condizioni per rigenerare il tessuto cardiaco e ristabilire le normali funzioni del cuore»
Rischio cardiovascolare, anche in pandemia resta il killer più pericoloso
Indolfi (Sic) sul rischio cardiovascolare: «Grave gap nella formazione specialistica dei cardiologi, impatto su nuove generazioni»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
CNAO: dopo i tumori inoperabili curerà anche le lesioni del cuore
Il centro di adroterapia oncologica di Pavia, unico in Italia per il trattamento di tumori radioresistenti, nei prossimi tre anni raddoppierà le macchine, mentre ha avviato nuove sperimentazioni su pancreas, esofago, melanomi e per utilizzare i protoni nel trattare le aritmie refrattarie ai farmaci
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...