Salute 18 Giugno 2021 17:44

Dalla farmacologia alla formazione, l’importanza della medicina di genere

Al Senato convegno organizzato dalla dem Paola Boldrini dal titolo “Idee in pratica: per una sanità attenta alle differenze di sesso e genere”. Brusaferro: «La pandemia ci ha mostrato come ci siano differenze significative tra uomo e donna in termini di salute e malattia». Speranza: «Spazio per investimento strategico»

Tutti sanno che l’osteoporosi colpisce ad una certa età in prevalenza le donne. Ma non tutti sanno, ad esempio, che il Long Covid, ovvero la persistenza di sintomatologie che lascia l’infezione da Sars-Cov-2, interessi prevalentemente il genere femminile. Sono due esempi che mostrano in maniera lampante come il diffondersi della medicina di genere sia ormai una necessità non più prorogabile. Se ne è parlato al convegno “Idee in pratica: per una sanità attenta alle differenze di sesso e genere”, organizzato nella Sala Nassirya del Senato dalla senatrice del Pd Paola Boldrini, Vice Presidente della Commissione Sanità.

La medicina genere-specifica si occupa delle differenze biologiche tra i due sessi nonché delle differenze più propriamente di genere legate a condizioni socio-economiche e culturali e della loro influenza sullo stato di salute e di malattia, rappresentando un punto d’interesse fondamentale per il Servizio Sanitario Nazionale.

Speranza: «Visione di genere deve permeare tutto SSN»

Al Convegno ha preso parte, in videocollegamento, il Ministro della Salute Roberto Speranza che ha aperto l’evento: «Vorrei che una visione di genere permeasse tutta la riforma del Servizio sanitario nazionale. Dobbiamo immaginare che una chiave di lettura di genere sia permeante rispetto a tutte le azioni che mettiamo in campo. Questo è il tenore della sfida che dobbiamo provare a realizzare. Credo ci sia spazio enorme per un investimento strategico sulla medicina di genere, in modo particolare».

Nel corso dell’evento è stato presentato il libro Look into the future: the sex and gender in Pharmacology alla presenza delle autrici Flavia Franconi, farmacologa di fama internazionale, e Delia Colombo, esperta di medicina di genere.

Presente anche Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità che ospita il centro di riferimento della medicina di genere diviso in due settori: Fisiopatologia genere-specifica e Prevenzione e salute di genere, che hanno il compito di svolgere attività istituzionali, attività di ricerca e attività educazionali e formative nell’ambito della medicina di genere.

«La pandemia – spiega il Presidente ISS – ci ha mostrato come ci siano differenze significative tra uomo e donna in termini di salute e malattia. Ad esempio, lo vediamo nel fenomeno del Long Covid, ovvero la persistenza di sintomatologie che lascia l’infezione da Sars-Cov-2 dopo la fase acuta e che sembra interessare maggiormente le donne rispetto agli uomini. Invece gli uomini sono più colpiti dalla malattia in fase acuta, come mostrano i dati dei ricoveri in terapia intensiva e quelli della mortalità».

L’applicazione della legge 3 del 2018

Sul tavolo della discussione anche l’applicazione della legge del 2018 sul tema: «La legge 3/2018 (Applicazione e diffusione della Medicina di Genere nel Servizio Sanitario Nazionale) con il suo art.3, al quale ho lavorato e che ho fortemente voluto – ha spiegato la senatrice Paola Boldrini – è una legge innovativa a livello europeo, pietra miliare per fare in modo che il Sistema sanitario sia in grado di garantire le cure più appropriate a donne e uomini, che sono diversi non solo dal punto di vista biologico ma anche psico-socio-culturale».

«L’attuazione della legge sta andando avanti, con l’istituzione dell’Osservatorio sulla medicina di genere presso l’ISS, con i decreti attuativi e con le linee guida in arrivo per la ricerca farmacologica. Ma molto ancora dobbiamo fare, per far sì che farmaci, vaccini, servizi di diagnosi e cura non siano antropocentrici ma siano a misura di uomo e di donna. Questo approccio è in grado di rendere la politica sanitaria più equa nel diritto alla salute, in un momento in cui con il PNRR ci apprestiamo a investire ingenti risorse».

Tra i relatori anche l’ex Rettore della Sapienza e ora consigliere del ministro dell’Università e ricerca Eugenio Gaudio, che ha ricordato come anche nella formazione dei medici dovrà avere un ruolo sempre più importante l’approccio di genere: «Ogni essere umano è unico e irripetibile, ignorare questo è un errore scientifico e culturale. Garantisco l’impegno del Ministro Messa nel potenziare la ricerca sulla medicina di genere e nel formare le nuove generazioni di medici su questo tema».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dl Sostegni bis, Boldrini (Pd): «Importanti emendamenti su sostegno psicologico e servizi neuropsichiatria infantile»
«Nel decreto Sostegni bis che il Senato sta per approvare in via definitiva, come Pd siamo riusciti a ottenere importanti interventi di miglioramento per la sanità, che valgono svariati milioni di euro. Un buon inizio». Lo ha detto in Aula la senatrice del Pd Paola Boldrini, vicepresidente della Commissione Sanità. «Abbiamo lavorato molto – spiega […]
La FNO TSRM PSTRP presenta la Costituzione Etica. Speranza: «Contributo alla creazione di un orizzonte comune»
I 48 articoli del testo creano una base valoriale comune per le 19 professioni sanitarie afferenti alla FNO TSRM PSTRP. Il Ministro della Salute annuncia: «La Consulta delle professioni sanitarie avrà un ruolo nella definizione della sanità del futuro». Da Persona a Privacy, ecco il decalogo
Conferenza sulla Salute Mentale, Speranza: «Pronti ad investire. Stop alla contenzione meccanica dei pazienti psichiatrici»
Presentato il Documento del tavolo tecnico che analizza lo stato di attuazione del “Piano di Azioni Nazionale per la Salute Mentale” ad otto anni dalla sua approvazione
di Isabella Faggiano
I cantieri per la sanità del futuro, ecco i 5 pilastri su cui fondare il cambiamento
Valerii (Censis): «Collaborazione pubblico-privato, centralità del fattore umano, medicina di prossimità, diffusione del digitale, risorse economiche adeguate». Il report Censis-Janssen offre un contributo concreto per una sanità post-Covid, in risposta alle reali esigenze di cittadini e operatori sanitari
di Isabella Faggiano
2° Congresso Simedet, il messaggio di Speranza: «Occasione preziosa per condividere buone pratiche»
Il Presidente Nazionale della Simedet, Fernando Capuano, nel suo intervento ha ricordato che occorre pianificare sin d'ora la risposta ai bisogni di salute e alle future pandemie o maxiemergenze sanitarie,
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva