Salute 5 luglio 2016

Dagli OPG alle REMS: «Ecco cosa è cambiato e cosa ancora non funziona»

Intervista a Giuseppe Ortano, Direttore Unità Operativa di Igiene Mentale di Mondragone: «Le risorse sono limitatissime. Serve più formazione continua per gli operatori»

Dagli Opg alle Rems. Non è solo una modifica nella denominazione, ma un vero e proprio cambiamento strutturale e culturale, quello che sta avvenendo da diversi mesi a questa parte. Un lento processo che, se da un lato vede l’effettiva chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari, dall’altro non riesce ancora a trovare un pronto riscontro nelle Residenze per l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria. Lo ha denunciato di recente il Commissario unico per il superamento degli Ospedali psichiatrici giudiziari Franco Corleone, che per descrivere la situazione attuale ha usato un’efficace metafora: «Abbiamo una vasca da bagno con un buco di scolo per chiudere gli Opg molto stretto e dall’altro un rubinetto aperto che la riempie fino a farla traboccare». Sanità Informazione ha chiesto a Giuseppe Ortano, Direttore dell’Unità Operativa di Igiene Mentale di Mondragone, come funziona, quali sono i punti di forza e quali quelli di debolezza di questo tipo di struttura.

«Abbiamo dato avvio a questa esperienza immediatamente dopo l’emanazione della legge 81, quindi siamo operativi dagli inizi di aprile. Le persone hanno cominciato ad arrivare più o meno un mese dopo. L’idea di base era quella di mettere a disposizione la struttura per la chiusura degli Ospedali Psichiatrici, quindi per permettere di far entrare il più presto possibile persone già internate. Purtroppo, però, è successo che sin da subito siamo stati sommersi da assegnazioni di persone che o venivano da una condizione di libertà, o magari avevano avuto dei problemi durante le licenze finali, per cui invece di tornare agli Opg, che ormai erano chiusi, sono venuti qui».

La formazione del personale sanitario che lavora in una Rems ha un ruolo particolarmente importante. Quali sono le skills principali che deve avere un operatore per lavorare in questo settore? Quali qualità e che formazione deve avere?

«Credo che non ci dovrebbero essere grosse differenze rispetto a qualunque altra formazione che inerisce il campo della salute mentale. Senza dubbio, l’operatore deve dimenticarsi totalmente dei pregiudizi di cui erano portatori rispetto ad un’istituzione carceraria. In questo momento, inoltre, la Asl sta facendo a tappeto dei percorsi di formazione per tutti gli operatori impegnati nelle Rems e nei servizi di salute mentale. Certo, evidentemente c’è bisogno di formazione continua, ma il tentativo lo si sta facendo».

Quali sono i passi avanti che si sono fatti in questi mesi.

«Per ogni singolo paziente sono previsti progetti terapeutici individuali. La legge ci impone dei progetti terapeutici interni alla struttura, ma impone anche che le Unità Operative di riferimento non facciano più come è successo negli anni passati con gli Opg, quando non ci si interessava del futuro del paziente uscito dalla struttura. Entro 45-60 giorni, ogni Unità Operativa deve prendere contatto con noi e fare dei progetti per ogni singola persona che esce dalla struttura».

Quali sono le principali criticità che lei ravvisa in questa nuova esperienza dei Rems?

«Ci sono varie criticità. Il problema più grosso però è che non è cambiato il codice penale. È ancora vigente il codice Rocco, per cui ci confrontiamo ancora con concetti come l’imputabilità, la semimputabilità, la capacità di intendere e di volere, eccetera. Insomma, c’è ancora tutto un discorso sulla pericolosità sociale e poco è cambiato anche in seguito all’emanazione della legge 81. Accade dunque che le persone che stanno qui, in misura definitiva o provvisoria, vivono sempre con il “pericolo” di essere all’improvviso dichiarati non più socialmente pericolosi e di venire scarcerati, senza sapere dove andare. Un’altra difficoltà l’abbiamo avuta di recente con il Dap [Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, ndr]: è capitato che la sede centrale del Dap di Roma, ovvero il soggetto che fa le assegnazioni, non tenga in considerazione la reale capienza della struttura. Ma se io ho una struttura che può accogliere otto persone, otto ne posso mettere. Non posso metterne nove, perché se eseguo l’ordine e arrivano i Nas, chiudono la struttura perché ho perso le autorizzazioni sanitarie. Insomma, in generale le risorse sono limitatissime, limitatissime. L’idea che avevamo di una volta dei centri di salute mentale operativi h24 con accoglienza continua sta saltando nei fatti, oltre che, magari, per idee di restaurazione che qualcuno ha in testa».

Articoli correlati
Ospedali psichiatrici giudiziari, Carpiniello (Sip): «Le Rems non sono nate per sostituire gli Opg. Posti insufficienti e servizi inadeguati»
Il presidente della Società italiana di psichiatria: «Necessario creare una rete di strutture in grado di ospitare tutti gli ex pazienti degli Opg, cominciando dall’adeguamento di quelle esistenti. E poi lavorare in equipe per reinserire i pazienti rifiutati dalla società per il loro passato criminale»
di Isabella Faggiano
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Schizofrenia, tra le cause anche il mese di nascita, fattori ambientali e processi psicologici. E forse un virus
In occasione della Giornata mondiale della salute mentale, Cristoph Correll, professore di psichiatria presso la Hofstra Northwell School of Medicine di New York, approfondisce cause, sintomi e terapie della schizofrenia
Don Giuseppe, il cappellano dell’Opg che ha anticipato di trent’anni la legge 81: «Abbiamo “liberato” oltre mille pazienti psichiatrici criminali»
«La malattia mentale fa ancora paura. Invece si tratta di individui che, se adeguatamente curati, possono esprimere se stessi». La storia di Giuseppe Insana, il sacerdote che ha concesso una nuova vita agli internati, prima della definitiva chiusura di tutti gli Opg d’Italia
di Isabella Faggiano
Psichiatria e umanizzazione cure, Carozza (psichiatra): «Rapporto medico-paziente appiattito da aumento burocrazia»
«La persona con malattia mentale non è solo una portatrice di sintomi, ma anche di emozioni e desideri. La sua patologia non azzera la capacità di scelta, né la possibilità di crescere e di sperare». Per Paola Carozza, direttore del dipartimento di Salute Mentale di Ferrara, sono questi i quattro principi fondamentali da rispettare per umanizzare le cure in psichiatria
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...