Salute 19 Settembre 2018

“Cura di Coppia”: vademecum per rapporto medico-paziente. E contro aggressioni campagna “Prima di aggredire, pensa”

Difficoltà di accesso all’assistenza territoriale, alle prestazioni sanitarie ed alle informazioni. Tutti disservizi che minano il rapporto tra professionista sanitario e cittadino. Ma da oggi risanare questa relazione è possibile

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

“Per non mandare in crisi il rapporto tra medico e paziente, ognuno deve fare la sua parte”: è questo lo slogan scelto per “Cura di Coppia”, la campagna informativa ideata da Cittadinanzattiva e OMCeo Roma (www.curadicoppia.it).

E proprio come in ogni coppia che si rispetti, anche in quella formata dal medico e il suo paziente, ci sono diritti e doveri da rispettare, principi che per l’occasione sono stati messi nero su bianco.

«Abbiamo ideato un vero e proprio vademecum – ha detto Tonino Aceti, coordinatore Nazionale Tribunale dei diritti del malato di Cittadinanzattiva – con i principali diritti e doveri che pazienti e medici devono rispettare affinché la loro relazione torni ad essere tempo di cura qualificato e qualificante per i professionisti e per i cittadini stessi».

LEGGI ANCHE: ALZHEIMER, ROSSINI (GEMELLI): «FONDAMENTALE DIAGNOSI PRECOCE, SOLO COSÌ SI PUÒ RALLENTARE MALATTIA»  

Cinque i diritti da garantire a medici e pazienti. Al cittadino non deve essere mai sottratto il giusto tempo di ascolto, dovrà ricevere informazioni comprensibili, condividere i percorsi di cura con il suo medico. Ancora, è suo diritto ricevere cure in sicurezza e non deve soffrire inutilmente.

«Il paziente – ha detto il coordinatore Nazionale Tribunale dei diritti del malato di Cittadinanzattiva – non deve sentirsi come un bullone all’interno della catena di produzione del SSN, ma piuttosto come una persona che entra in empatia con i professionisti della salute».

D’altro canto, il medico ha il diritto di esercitare la propria professionalità, di essere rispettato, non è tenuto ad assecondare ogni richiesta, deve essere informato dal cittadino e deve poter lavorare nelle migliori condizioni.

«Lo scopo principale dell’iniziativa  infatti – ha sottolineato Aceti – è  proprio quello di rinsaldare il rapporto di fiducia tra cittadini e tutti gli specialisti del settore. L’elemento della fiducia nel rapporto medico-paziente è un elemento centrale in questo momento, l’unico che può ammortizzare gli effetti nefasti di alcune politiche sanitarie che negli ultimi anni hanno depauperato il servizio sanitario pubblico».

Accanto ai diritti ci sono ovviamente anche i doveri. «Non sostituire il web o il passaparola al parere degli esperti, collaborare con il medico, rispettare le persone, rispettare gli ambienti e gli oggetti, segnalare disfunzioni – ha aggiunto Tonino Aceti –  sono i doveri dei cittadini. Il medico, invece, è sollecitato a: rispettare e ascoltare, informare, ridurre o alleggerire la burocrazia, interagire e confrontarsi con altri professionisti, segnalare».

Per mettere a punto questo vademecum Cittadinanzattiva ha passato al setaccio tutte le segnalazioni inviate dai cittadini che usufruiscono del Sistema Sanitario Regionale del Lazio e che hanno al centro proprio la relazione tra il medico e il paziente. Dal lavoro, cominciato più di un anno fa, sono emerse le principali criticità del SSN. Si va dalle difficoltà di accesso alle prestazioni sanitarie e all’assistenza territoriale, fino agli impedimenti riscontarti per avere informazioni e documentazione. In questo contesto si inserisce inoltre il crescente fenomeno delle aggressioni al personale sanitario.

Accanto a “Cura di Coppia”, infatti, è stata lanciata anche la campagna di sensibilizzazione “Prima di aggredire , pensa”, contro la violenza agli operatori sanitari, realizzata con FNOMCeo, OMCeo Roma, Regione Lazio e Cittadinanzattiva Lazio.

«Rimettere in moto un’alleanza che prima c’era e che oggi si è un po’ guastata tra medico e paziente – ha detto Antonio Magi, presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri-OMCeo – si è reso ancor più necessario proprio alla luce delle numerose aggressioni registrate negli ultimi tempi ai danni di medici e del personale sanitario».

E i dati lo dimostrano: «Quasi nel 50% dei casi di aggressione – ha continuato Magi – il medico è vittima del proprio paziente, nel 30,6% di un suo parente. In sei casi su dieci i camici bianchi subiscono minacce, nel 20% delle situazioni segnalate percosse, nel 10%  degli episodi gli aggressori si sono presentati a mano armata e sempre con una casistica di 10 su 100 hanno commesso atti vandalici. Il luogo più a rischio è il pronto soccorso, seguito dai reparti di degenza e dagli ambulatori».

LEGGI ANCHE: BARI GIORNATA CONTRO VIOLENZA OPERATORI SANITARI. QUESTIONARIO FNOMCEO: 50% MEDICI AGGREDITO IN ULTIMO ANNO

Poco incoraggianti anche gli esiti di queste aggressioni: «La prognosi dopo l’aggressione è stata di 3 giorni nel 32% dei casi – ha commentato il presidente dell’Ordine provinciale di Roma – di  7 giorni per il 25,33%,  fino ad arrivare ad una prognosi che supera i tre mesi nel 6% delle situazioni».

Tutte cifre che poco rassicurano i medici: il 72% ha la percezione che il fenomeno delle aggressioni sia in aumento.

«Per questo – ha aggiunto Magi – stabilire dei principi è più che mai necessario. Regole comportamentali che da un lato aiutano il medico a lavorare meglio e, dall’altro, garantiscono cure di maggiore qualità al suo paziente. Meglio lavora il professionista – ha concluso il presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri-OMCeo – e più vantaggi ne trarranno i cittadini per la loro salute».

Articoli correlati
Sanità pubblica, Aceti (FNOPI): «I 450mila infermieri la vogliono in cima alle priorità del Governo»
«Sarà certamente una casualità, ma colpisce ritrovare il riferimento “alla difesa della sanità pubblica e universale” solamente al 22° posto dei 29 punti del programma di Governo. Una scelta singolare, che non passa inosservata, se si guarda invece al maggior peso che la sanità pubblica ha proprio nei singoli programmi e dichiarazioni dei partiti di governo». […]
Piano liste di attesa, quattro regioni ancora inadempienti. Aceti (FNOPI): «Governo sia garante e controlli Piani regionali»
Sono 4 le Regioni che non hanno ancora adottato un proprio Piano Regionale di Governo delle Liste di Attesa: Provincia di Bolzano, Friuli-Venezia Giulia, Basilicata, Sardegna. Altre 5 lo hanno adottato solo tra giugno e luglio. Il portavoce FNOPI: «È necessario spiegare a livello nazionale, regionale e locale i contenuti e le novità che discendono da questa innovazione»
Cittadinanzattiva e Federfarma, al via nuovo Rapporto Annuale sulla Farmacia
Dopo il primo anno dedicato ai servizi nelle aree interne del Paese, nel 2019 è stato individuato come tema portante il ruolo delle Farmacie nella implementazione del Piano Nazionale della Cronicità per ciò che attiene alla Prevenzione e al supporto all'Aderenza terapeutica
Patto per la Salute, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Servono risorse certe con risultati misurati». Sulla formazione: «Coinvolgere i pazienti»
Il Segretario dell’associazione dei pazienti ha partecipato all’ultima riunione degli Stati generali della professione medica: «Ci saranno nei prossimi anni straordinari dilemmi etici ad esempio legati al costo delle cure, forse sempre più alti, la possibilità per il medico di affrontare questi dilemmi etici attrezzato è centrale e decisiva». Poi sottolinea: «Noi non ci rassegniamo ad avere cittadini di serie A e di serie B, professionisti di serie A e di serie B»
Poca prevenzione e molte diseguaglianze, Cittadinanzattiva lancia l’allarme sulla cura delle malattie croniche
Il Piano nazionale cronicità non ha inciso sulle differenze tra territori. Sebbene questo sia stato ormai formalmente recepito da 15 Regioni, risulta, nella maggior parte dei territori, profondamente disatteso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali