Salute 25 Giugno 2021 15:40

Culle vuote e sempre più anziani, le istituzioni si interrogano per vincere la sfida della denatalità

Dal tavolo di confronto organizzato da Fondazione Roma Sapienza con La7 tanti spunti per ridare fiducia a giovani e famiglie. Necessari interventi su politiche aziendali e welfare per puntare a una ripresa nei prossimi 10 anni

di Federica Bosco

Culle sempre più vuote: per il settimo anno consecutivo in Italia si è registrata una diminuzione delle nascite che nel 2020 ha fatto registrare un record negativo di 6000 unità rispetto ai dodici mesi precedenti. Complice la pandemia da Covid che ha alimentato paure ed incertezza economica, oggi l’Italia si trova in una situazione che avrà negli anni ripercussioni negative sulla società e sull’economia.
Di questo e di molto altro si è parlato nel convegno organizzato ieri da Fondazione Roma Sapienza in collaborazione con La7 su “La sfida alla denatalità al tempo della Next Generation”. Un tavolo di confronto che ha visto la partecipazione di nomi illustri, tra cui Fabio Mosca, presidente della Società Italiana di Neonatologia, Walter Ricciardi, consigliere scientifico del Ministero della Salute e Pasquale Tridico presidente dell’Inps.

Italia in ritardo nelle politiche di welfare aziendale, si salva solo il Trentino-Alto Adige

Ad aprire i lavori è stata la rettrice dell’Università Sapienza Antonella Polimeni che ha snocciolato una serie di dati significativi mettendo a confronto la realtà italiana con altri paesi europei.

«Diversamente dalla Francia che ha adottato politiche per incentivare le nascite, l’Italia negli ultimi anni non ha fatto molto per fronteggiare il problema della denatalità che già era evidente prima della pandemia – ha sottolineato Polimeni -. Se poi si considera che i nati oggi saranno i potenziali genitori tra venti e trent’anni, si può ipotizzare che ci saranno sempre meno nascite, con una ripercussione sulla società e sull’economia. Le ragioni di questo fenomeno, che con la pandemia si è accentuato, vanno ricercate nella mancanza di politiche a favore della famiglia che mettono le mamme italiane in condizione spesso di dover rinunciare alla maternità per non perdere il lavoro. Una ricerca promossa dalla presidenza del consiglio di Regione Lombardia ha evidenziato che oggi in Italia solo il Trentino-Alto Adige è capace di mettere in atto azioni di welfare aziendale tali per cui le donne hanno flessibilità di orario di ingresso, utilizzo di part-time verticali e orizzontali, servizi di baby-sitter e nidi aziendali».

La società sta cambiando: meno bambini e più anziani

Ad un calo significativo di nascite fa da contraltare un’aspettativa di vita che è cresciuta negli ultimi decenni al punto che oggi l’Italia è tra i paesi più longevi, se pur le malattie croniche siano un tema ricorrente soprattutto tra le donne. Dal 1993 ci sono più morti che nati all’anno e la forbice è destinata ad allargarsi. «Le tavole pubblicate dall’ISTAT mostrano infatti che Italia è al primo posto in Europa per longevità soprattutto negli uomini, al pari della Svezia – ha sottolineato Eugenio Gaudio, presidente della Fondazione La Sapienza -. L’allungamento della vita rischia però di essere percepito negativamente. La crescente presenza di una popolazione anziana diventa infatti insostenibile se si intreccia con la denatalità».

Il problema si è ulteriormente aggravato negli ultimi quattordici mesi a causa del Covid, che, alla mancanza di politiche per la famiglia, si è aggiunta la paura per la pandemia e l’incertezza economica per il futuro. La pandemia ha inserito sulla denatalità una variabile importante: che ha già agito nel 2020 con 404 mila nati, in diminuzione nel 2021. Lo ha rimarcato nel suo intervento Fabio Mosca, Presidente della Società Italiana di Neonatologia: «Questo trend negativo si è accentuato con la seconda ondata della pandemia da Covid quando si è riscontrato un meno 10 percento nelle nascite tra il mese di ottobre e dicembre 2020. L’ISTAT prevede uno scenario che ci porterà negli anni ad andare rapidamente anche sotto i 300 mila nati fino ad arrivare a 200 mila nel 2050.  Eppure, se analizziamo la qualità delle strutture ospedaliere e i punti nascita possiamo osservare che in Italia il sistema di cure perinatali è ottimo, i dati sulla mortalità infantile sono tra i più bassi al mondo anche se esistono ancora delle criticità da superare, come una forbice che non si riesce a ridurre tra nord e sud per la qualità dei punti nascita».

Allarme Inps: chi pagherà le pensioni?

Una società con meno giovani e più anziani porterà ad avere sempre meno forza lavoro con il rischio di mettere in crisi il sistema pensionistico e sanitario. A lanciare il grido di allarme è stato Pasquale Tridico, presidente Inps, che ha anche rimarcato come il panorama dei lavoratori oggi in Italia stia cambiando. «La crescente denatalità è stata in parte attutita, da un punto di vista lavorativo, da una nuova popolazione di immigrati, ma quando i baby boomers nati negli anni ‘60 usciranno dal mondo del lavoro il problema del welfare sanitario e assistenziale aumenterà».

«Noi siamo il primo paese al mondo ad aver avuto questo cambio generazionale tra giovani e anziani, già nel 1999. In Francia arriverà nel 2040 e in Indonesia nel 2065 – ha aggiunto Walter Ricciardi, consulente del Ministero della Salute -. Non solo; se è vero che gli italiani vivono di più, è altrettanto vero che uno su due ha una malattia cronica come diabete, ipertensione, asma il che significa che avranno bisogno di assistenza, mentre contemporaneamente sono stati fatti tagli alla sanità, ridotti i servizi e si sono generate liste d’attesa lunghissime, ancor più dopo la pandemia da Covid».

Una sfida da vincere con il PNRR

Trovare le soluzioni è la sfida che hanno lanciato i relatori del convegno. E se lo stesso Tridico si è mostrato fiducioso nell’operato di Draghi perché ha detto «questo governo con il PNRR ha tutti gli elementi per favorire una nuova ondata di euforia che potrebbe cambiare la situazione in tempi brevi», Ricciardi ha individuato alcuni elementi su cui fare un’azione per invertire la rotta: «Occorre investire di più sulla salute dei cittadini, riorganizzare le prestazioni sanitarie e fare politiche che incentivino una ripresa delle nascite. In tal senso sarebbe necessario rilanciare i matrimoni, investire nel lavoro per le donne e nei servizi per la prima infanzia, questo secondo l’Istat accrescerebbe la fiducia nel futuro tale da far ripartire le nascite ed arrivare nei prossimi dieci anni alle 500 mila unità».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Gb: 1 donna su 2 non va a lavoro per colpa del ciclo mestruale, ma non lo dice. La ginecologa Picconeri: “Ancora troppi pregiudizi”
Nel Regno Unito 4 donne su 5 fanno un gran fatica a lavorare quando hanno il ciclo mestruale e solo poco più della metà ha affermato di non essere stata abbastanza bene per andare al lavoro. Questi sono i risultati di una ricerca britannica, che non stupiscono la ginecologa Giuseppina Picconeri: "La vita fisiologica di una donna in età fertile è spesso fonte di grandi pregiudizi"
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...