Salute 4 Aprile 2018 15:09

Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»

«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno

di Isabella Faggiano
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»

«Prima un rumore seccante, quello del russamento. Poi, un silenzio assoluto, causato da una vera e propria interruzione del respiro. Entrambi, chiari segni dell’Osas, la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (Obstructive Sleep Apnea Syndrome), sintomi capaci di mettere in crisi anche le coppie più affiatate». E di storie d’amore messe in bilico dai disturbi del sonno Enrico Brunello, Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno (A.I.P.A.S. Onlus), ne potrebbe raccontare tante.

«Chi dorme con una persona che russa e che, poi, può addirittura andare in apnea per molti secondi, non solo è infastidito – ha sottolineato Brunello – ma anche spaventato. L’apnea può prolungarsi pure per un intero minuto. Sessanta secondi che diventano infinti per chi, svegliatosi di soprassalto, attende che l’altro riprenda a respirare».

Il continuo russamento che reazioni può provocare nel partner di letto?

«Il partner di letto di un paziente affetto da Osas soffre, inevitabilmente, di un disturbo del sonno indotto. Ogni notte, vive una situazione di choc: da un lato, i rumori del russamento causano un risveglio traumatico, dall’altro il timore che il compagno non riprenda a respirare, rende difficile prendere nuovamente sonno. Il tutto si traduce in ripetuti micro risvegli. E se la notte non si riposa bene è difficile immaginare di svegliarsi sereni, sia per chi russa che per chi ascolta».

Se subentrano crisi di coppia come affrontarle?

«Nella maggior parte dei casi che ci troviamo ad affrontare sono proprio i partner di letto a rivolgersi per primi ad uno specialista o al proprio medico di famiglia. Sono loro a spingere il paziente affetto da Osas ad intraprendere un percorso di cura».

Quali sono gli esami consigliati in situazioni simili?

«Di solito, si comincia con un monitoraggio cardio-respiratorio, un esame diagnostico da eseguire a casa a propria, durante la notte. Il tracciato che ne risulta è lo specchio di ciò che accade durante tutto il sonno: è possibile identificare sia il numero di apnee, che stabilire quale posizione del corpo ne causi l’aumento».

Dalla diagnosi alla guarigione, quanto tempo passa?

«Potrebbe essere sufficiente anche un solo mese, o al massimo tre. Tempi teorici che si scontrano con una realtà ben diversa: quella della sanità pubblica italiana, fatta di lunghe attese. Ridurre queste liste è una delle principali battaglie che portiamo avanti con l’Associazione dei Pazienti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Giornata mondiale del sonno: ora le apnee si curano a casa
Attivo il servizio di polisonnografia domiciliare del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con Ve.Di.Se. Hospital Spa
OSAS e malattie cardiovascolari: il rischio aumenta. L’analisi del cardiologo
Nei pazienti con OSAS (sindrome da apnee ostruttive del sonno) l’incidenza di ipertensione arteriosa, aritmie, scompenso cardiaco, ictus e cardiopatia è maggiore, a confermarlo gli studi più recenti. Con il cardiologo Filippo Scalise (Policlinico Monza) analizziamo questa connessione tutt'altro che scontata
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un odontoiatra per riconoscerle in adulti e bambini?
Intervista al professor Luca Levrini, odontoiatra dell’Università degli Studi dell’Insubria di Como e Varese
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un Mmg per riconoscerle nei pazienti?
Quali sono i campanelli di allarme e cosa fare una volta arrivata la diagnosi? Ne abbiamo parlato con il dottor Stefano de Lillo, Mmg e Vicepresidente dell’OMCeO di Roma
OSAS: cos’è, diagnosi e cura. Ne parliamo con lo pneumologo
La sindrome da apnee ostruttive del sonno (OSAS) tormenta più persone di quante si possa pensare. Diagnosticarla non è sempre semplice, nemmeno per professionisti esperti e comporta una serie di rischi spesso sconosciuti. I chiarimenti dell'esperto, dott. Drigo (Ospedale Montebelluna)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...