Salute 4 Aprile 2018

Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»

«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Prima un rumore seccante, quello del russamento. Poi, un silenzio assoluto, causato da una vera e propria interruzione del respiro. Entrambi, chiari segni dell’Osas, la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (Obstructive Sleep Apnea Syndrome), sintomi capaci di mettere in crisi anche le coppie più affiatate». E di storie d’amore messe in bilico dai disturbi del sonno Enrico Brunello, Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno (A.I.P.A.S. Onlus), ne potrebbe raccontare tante.

«Chi dorme con una persona che russa e che, poi, può addirittura andare in apnea per molti secondi, non solo è infastidito – ha sottolineato Brunello – ma anche spaventato. L’apnea può prolungarsi pure per un intero minuto. Sessanta secondi che diventano infinti per chi, svegliatosi di soprassalto, attende che l’altro riprenda a respirare».

Il continuo russamento che reazioni può provocare nel partner di letto?

«Il partner di letto di un paziente affetto da Osas soffre, inevitabilmente, di un disturbo del sonno indotto. Ogni notte, vive una situazione di choc: da un lato, i rumori del russamento causano un risveglio traumatico, dall’altro il timore che il compagno non riprenda a respirare, rende difficile prendere nuovamente sonno. Il tutto si traduce in ripetuti micro risvegli. E se la notte non si riposa bene è difficile immaginare di svegliarsi sereni, sia per chi russa che per chi ascolta».

Se subentrano crisi di coppia come affrontarle?

«Nella maggior parte dei casi che ci troviamo ad affrontare sono proprio i partner di letto a rivolgersi per primi ad uno specialista o al proprio medico di famiglia. Sono loro a spingere il paziente affetto da Osas ad intraprendere un percorso di cura».

Quali sono gli esami consigliati in situazioni simili?

«Di solito, si comincia con un monitoraggio cardio-respiratorio, un esame diagnostico da eseguire a casa a propria, durante la notte. Il tracciato che ne risulta è lo specchio di ciò che accade durante tutto il sonno: è possibile identificare sia il numero di apnee, che stabilire quale posizione del corpo ne causi l’aumento».

Dalla diagnosi alla guarigione, quanto tempo passa?

«Potrebbe essere sufficiente anche un solo mese, o al massimo tre. Tempi teorici che si scontrano con una realtà ben diversa: quella della sanità pubblica italiana, fatta di lunghe attese. Ridurre queste liste è una delle principali battaglie che portiamo avanti con l’Associazione dei Pazienti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sindrome apnee ostruttive, Rossana Boldi (Lega): «Osas sia riconosciuta come malattia cronica invalidante»  
Presentata alla Camera una risoluzione che impegna il Governo in questa direzione, attraverso anche una serie di iniziative tra cui l'avvio di una campagna informativa di prevenzione, diagnosi e cura dei pazienti rispetto a una patologia tanto diffusa quanto subdola
Disturbi del sonno, le donne dormono meno e peggio degli uomini
Silvestri (neurologa): «Il riposo notturno femminile peggiora in post-menopausa e in gravidanza. Tra le principali conseguenze: ansia, depressione, malattie cardio-cerebrovascolari e declino cognitivo»
di Isabella Faggiano
Firenze, chirurgia del sonno: al Meyer neonato torna a respirare
Grazie ad un intervento endoscopico mini-invasivo, un neonato di due mesi, in cura all’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, è tornato a respirare in modo corretto. Il piccolo era affetto da una gravissima malformazione cranio-facciale sindromica su base genetica e, in più, non era in grado di respirare attraverso il naso ma solo con la bocca a […]
Roncopatia e apnee del sonno, ne soffre uno su due. Salamanca (otorinolaringoiatra): «Ecco le novità nella diagnosi e nei trattamenti»
Sono oltre 5 milioni le persone che in Italia soffrono di roncopatia. Studi recenti, realizzati in Svizzera, parlano addirittura di un disturbo che interessa una persona su due, con forme di apnea del sonno anche gravi. Al centro Humanitas San Pio X di Milano il dottor Salamanca con la sua équipe studia nuove tecniche per […]
di Federica Bosco
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio 2020 sono 81.005 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 30.116 mentre i morti sono 2.762. I CASI IN ITALIA Bollettino delle o...