Salute 4 aprile 2018

Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»

«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Prima un rumore seccante, quello del russamento. Poi, un silenzio assoluto, causato da una vera e propria interruzione del respiro. Entrambi, chiari segni dell’Osas, la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (Obstructive Sleep Apnea Syndrome), sintomi capaci di mettere in crisi anche le coppie più affiatate». E di storie d’amore messe in bilico dai disturbi del sonno Enrico Brunello, Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno (A.I.P.A.S. Onlus), ne potrebbe raccontare tante.

«Chi dorme con una persona che russa e che, poi, può addirittura andare in apnea per molti secondi, non solo è infastidito – ha sottolineato Brunello – ma anche spaventato. L’apnea può prolungarsi pure per un intero minuto. Sessanta secondi che diventano infinti per chi, svegliatosi di soprassalto, attende che l’altro riprenda a respirare».

Il continuo russamento che reazioni può provocare nel partner di letto?

«Il partner di letto di un paziente affetto da Osas soffre, inevitabilmente, di un disturbo del sonno indotto. Ogni notte, vive una situazione di choc: da un lato, i rumori del russamento causano un risveglio traumatico, dall’altro il timore che il compagno non riprenda a respirare, rende difficile prendere nuovamente sonno. Il tutto si traduce in ripetuti micro risvegli. E se la notte non si riposa bene è difficile immaginare di svegliarsi sereni, sia per chi russa che per chi ascolta».

Se subentrano crisi di coppia come affrontarle?

«Nella maggior parte dei casi che ci troviamo ad affrontare sono proprio i partner di letto a rivolgersi per primi ad uno specialista o al proprio medico di famiglia. Sono loro a spingere il paziente affetto da Osas ad intraprendere un percorso di cura».

Quali sono gli esami consigliati in situazioni simili?

«Di solito, si comincia con un monitoraggio cardio-respiratorio, un esame diagnostico da eseguire a casa a propria, durante la notte. Il tracciato che ne risulta è lo specchio di ciò che accade durante tutto il sonno: è possibile identificare sia il numero di apnee, che stabilire quale posizione del corpo ne causi l’aumento».

Dalla diagnosi alla guarigione, quanto tempo passa?

«Potrebbe essere sufficiente anche un solo mese, o al massimo tre. Tempi teorici che si scontrano con una realtà ben diversa: quella della sanità pubblica italiana, fatta di lunghe attese. Ridurre queste liste è una delle principali battaglie che portiamo avanti con l’Associazione dei Pazienti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Roma, i dentisti dell’AIO nelle scuole e nelle piazze italiane
Oggi, 20 marzo, si celebra la Sesta edizione della Giornata Mondiale per la promozione della Salute Orale (World Oral Health Day) in 150 paesi di tutto il mondo. Per l’occasione, i dentisti dell’Associazione AIO (Associazione Italiana Odontoiatri) incontreranno i cittadini nelle scuole, nelle ASL e nelle piazze delle principali città italiane per sensibilizzarli sulla prevenzione e sulle […]
Apnee ostruttive del sonno, come diagnosticare e prevenire i problemi di OSAS
«La sindrome delle apnee notturne ha costi sociali e sanitari molto elevati». Così il Professor Francesco Peverini, Presidente della Fondazione per la Ricerca e la Cura dei Disturbi del Sonno Onlus, che spiega: «Necessaria una diagnosi corretta e precoce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...