Salute 19 Giugno 2023 08:00

Covid: cambiano le regole dello smart working, cosa succederà dall’1 luglio?

Nonostante il miglioramento delle condizioni sanitarie legate alla pandemia di Covid-19, il Governo ha deciso di prorogare lo smart working fino al prossimo 31 dicembre ai lavoratori fragili e genitori con figli fino a 14 anni, ma solo nel settore privato

Covid: cambiano le regole dello smart working, cosa succederà dall’1 luglio?

Nonostante il miglioramento delle condizioni sanitarie legate alla pandemia di Covid-19, il Governo ha deciso di prorogare lo smart working fino al prossimo 31 dicembre ai lavoratori fragili e genitori con figli fino a 14 anni, ma solo nel settore privato. Mentre per i dipendenti della Pubblica amministrazione la proroga dello smart working è ancora in bilico. La soluzione, che era attesa dall’esame del decreto lavoro in commissione al Senato, non è infatti arrivata.

Ad oggi lo smart working termina il 30 giugno per i dipendenti pubblici

Lo scorso marzo, grazie a un emendamento al dl Milleproroghe e allo stanziamento di 16 milioni di euro, era stato possibile prorogare lo smart working per i dipendenti del settore pubblico, ma solo fino al 30 giugno 2023. La proroga valeva per i lavoratori con figli di età fino a 14 anni e «per i lavoratori fragili, tanto del settore pubblico che di quello privato», come spiegato in una nota il ministro del Lavoro, Marina Calderone, che già lo scorso 26 gennaio aveva annunciato l’impegno a mantenere la misura, in occasione del question time al Senato. Sugli scudi i sindacati della Funzione pubblica, che temono una disparità di trattamento.

La proroga dovrà passare da una contrattazione tra azienda e dipendente

Fino ad ora si poteva fare ricorso allo smart working usufruendo di un percorso semplificato. Da luglio, invece, si dovrebbe tornare al Protocollo firmato dalle parti sociali il 7 dicembre 2021. Significa che l’eventuale proroga del lavoro da remoto o il ricorso ad esso in caso di nuovi contratti dovrà passare ancora da una contrattazione individuale tra l’azienda e il dipendente. Questo requisito ad oggi viene superato solo in caso di lavoratori fragili o con figli under 14. Secondo l’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano i lavoratori da remoto erano oltre quattro milioni nel 2021, ma sono scesi a circa tre milioni e mezzo nel 2022. L’Osservatorio stima un lieve aumento nel 2023, ma il movimento complessivo sembra dunque essere quello di un ritorno in presenza, se usiamo come termine di confronto il periodo della pandemia. Secondo Istat, in due anni siamo passati dal 20% di imprese che utilizzavano lo smart working al 6% attuale.

Mascherina obbligatoria fino al 31 dicembre nei reparti critici 

Il primo maggio l’obbligo di mascherina è stato prorogato fino al 31 dicembre all’interno degli ospedali  in quei reparti che ospitano pazienti fragili, anziani o immunodepressi, specialmente se ad alta intensità di cura. L’obbligo è esteso ai lavoratori, agli utenti e ai visitatori delle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali, comprese le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistenziali, gli hospice, le strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti, e comunque le strutture residenziali. Quanto agli altri reparti ospedalieri e nelle sala di attesa, la decisione sull’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie da parte di operatori sanitari e visitatori è a discrezione delle direzioni sanitarie, che possono disporne l’uso anche per tutti coloro che presentino sintomatologia respiratoria. Per quanto riguarda gli ambulatori medici, la decisione sull’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie resta alla discrezione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Smart working, proroga fino a fine anno per fragili e genitori under 14
Il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha annunciato la proroga dello smart working fino al 31 dicembre per i fragili e per i genitori di figli con meno di 14 anni
Quali sono le nuove regole dello smart working in vigore dall’1 settembre?
Dall'1 settembre si torna a lavorare in presenza. Lo smart working è possibile sulla base di accordi individuali che andranno comunicati, in una modalità più semplice, al ministero del Lavoro
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Milleproroghe, passa il bonus psicologo: fino a 600 euro di contributo per accedere alla psicoterapia
In tutto stanziati venti milioni di euro: dieci milioni al bonus e altri dieci per il reclutamento di professionisti sanitari e di assistenti sociali per rafforzare i servizi di salute mentale. Il contributo potrà essere erogato per redditi fino a 50mila euro, circa 18mila i possibili beneficiari
Tecnostress, gli effetti collaterali legati ad una vita davanti allo schermo
Laura Parolin, Presidente dell’Ordine degli psicologi della Lombardia analizza il problema che durante la pandemia ha interessato milioni di cittadini e spiega quali strategie mettere in campo con l’auto di un professionista per sopravvivere allo stress del digitale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...