Salute 17 Giugno 2020

Covid-19, Le Foche (Umberto I): «Ecco perché oggi il virus è meno aggressivo»

L’immunoinfettivologo Francesco Le Foche: «I nuovi cluster sono inevitabili, l’importante è proteggere i più fragili». E aggiunge: «Il virus potrebbe spegnersi come la Sars»

Immagine articolo

«Ci aspettavamo dei nuovi cluster ma non dobbiamo preoccuparci. Vanno spenti piano piano. Ci ricordano che dobbiamo fare molta attenzione». Il professor Francesco Le Foche, responsabile del Day Hospital di Immunoinfettivologia del Policlinico Umberto I di Roma, commenta così a Sanità Informazione l’emergere di nuovi cluster di Covid-19 in Italia. Tra i principali quello che si è sviluppato all’ospedale San Raffaele-Pisana della Capitale con un bilancio al momento di 112 casi positivi e 5 decessi correlati.

«Questi cluster vanno spenti e isolati piano piano. È quello che ci aspettavamo. Dopo aver spento l’incendio nella foresta qualche piccolo focolaio resta. Dobbiamo stare attenti. Dobbiamo soprattutto tutelare la popolazione più fragile, gli anziani, monitorare le case di cura che sono le più esposte. Dobbiamo ridurre l’effetto week-end. Questo è abbastanza importante per la ridefinizione di alcuni contagi».

LEGGI ANCHE: IL COVID-19 FA ANCORA PAURA: PECHINO RICHIUDE, GIORNATA NERA IN BRASILE E IN USA TERAPIE INTENSIVE PIENE

Nonostante i nuovi cluster, i dati però sembrano andare nella direzione giusta. Ieri per la prima volta dal 2 marzo il numero dei malati in terapia intensiva è sceso sotto i 200. E tutti sottolineano come le manifestazioni cliniche dei nuovi malati spesso siano più leggere, con sintomi respiratori meno gravi o solo con febbre.

«Sono cambiate due cose – spiega Le Foche -. Il lockdown ha causato una riduzione netta della carica virale che circola. Ha fatto la differenza. L’altro aspetto, non meno importante, è che il virus si è adattato ad una convivenza con la cellula che lo ospita in modo meno aggressivo per cui tende a convivere con la cellula che lo ospita non uccidendola o uccidendola molto tardi. Queste due cose sono la causa delle sindromi meno gravi che vediamo oggi. Sono quasi tutti asintomatici o presintomatici. Il quadro è quello di una condizione assolutamente più tranquilla, meno preoccupante».

Secondo Le Foche il virus potrebbe essere destinato a spegnersi come successo per la Sars: «È una delle ipotesi accreditate. Io la metto al primo posto».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
Il video dell’Oms per raccontare la reazione italiana a Covid-19: «Il Paese non si è arreso»
Una raccolta di immagini che sviscera tutto quello che è accaduto in questi mesi, dai primi casi alle difficoltà del lockdown. L'Organizzazione mondiale della Sanità parla dell'esempio dell'Italia con alcuni esperti, da Locatelli a Brusaferro. Speranza: «Non vanificare i sacrifici fatti»
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 306.235 (1.912 in più rispetto a ieri). 107.269 i […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...