Salute 17 Giugno 2020 14:40

Covid-19, Le Foche (Umberto I): «Ecco perché oggi il virus è meno aggressivo»

L’immunoinfettivologo Francesco Le Foche: «I nuovi cluster sono inevitabili, l’importante è proteggere i più fragili». E aggiunge: «Il virus potrebbe spegnersi come la Sars»

Covid-19, Le Foche (Umberto I): «Ecco perché oggi il virus è meno aggressivo»

«Ci aspettavamo dei nuovi cluster ma non dobbiamo preoccuparci. Vanno spenti piano piano. Ci ricordano che dobbiamo fare molta attenzione». Il professor Francesco Le Foche, responsabile del Day Hospital di Immunoinfettivologia del Policlinico Umberto I di Roma, commenta così a Sanità Informazione l’emergere di nuovi cluster di Covid-19 in Italia. Tra i principali quello che si è sviluppato all’ospedale San Raffaele-Pisana della Capitale con un bilancio al momento di 112 casi positivi e 5 decessi correlati.

«Questi cluster vanno spenti e isolati piano piano. È quello che ci aspettavamo. Dopo aver spento l’incendio nella foresta qualche piccolo focolaio resta. Dobbiamo stare attenti. Dobbiamo soprattutto tutelare la popolazione più fragile, gli anziani, monitorare le case di cura che sono le più esposte. Dobbiamo ridurre l’effetto week-end. Questo è abbastanza importante per la ridefinizione di alcuni contagi».

LEGGI ANCHE: IL COVID-19 FA ANCORA PAURA: PECHINO RICHIUDE, GIORNATA NERA IN BRASILE E IN USA TERAPIE INTENSIVE PIENE

Nonostante i nuovi cluster, i dati però sembrano andare nella direzione giusta. Ieri per la prima volta dal 2 marzo il numero dei malati in terapia intensiva è sceso sotto i 200. E tutti sottolineano come le manifestazioni cliniche dei nuovi malati spesso siano più leggere, con sintomi respiratori meno gravi o solo con febbre.

«Sono cambiate due cose – spiega Le Foche -. Il lockdown ha causato una riduzione netta della carica virale che circola. Ha fatto la differenza. L’altro aspetto, non meno importante, è che il virus si è adattato ad una convivenza con la cellula che lo ospita in modo meno aggressivo per cui tende a convivere con la cellula che lo ospita non uccidendola o uccidendola molto tardi. Queste due cose sono la causa delle sindromi meno gravi che vediamo oggi. Sono quasi tutti asintomatici o presintomatici. Il quadro è quello di una condizione assolutamente più tranquilla, meno preoccupante».

Secondo Le Foche il virus potrebbe essere destinato a spegnersi come successo per la Sars: «È una delle ipotesi accreditate. Io la metto al primo posto».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...