Salute 15 Gennaio 2021 18:06

Covid-19, nuovo report cabina di regia. Brusaferro (ISS): «Crescita contagi lieve, frutto degli sforzi di Natale»

Rezza: «Italia al top in Europa per quanto riguarda le vaccinazioni». La novità: «Da oggi conteggiati in bollettino quotidiano anche test sierologici di ultima generazione»

Covid-19, nuovo report cabina di regia. Brusaferro (ISS): «Crescita contagi lieve, frutto degli sforzi di Natale»

All’interno di un’Europa «in piena pandemia», in Italia si registra un numero di casi «in lieve ricrescita», probabilmente anche grazie agli «sforzi fatti da tutti durante il periodo delle festività natalizie». Grazie a queste misure è stata scongiurata «una possibile impennata della curva». Lo ha affermato Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità (ISS), nel suo intervento alla conferenza stampa al ministero della Salute sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale Covid-19.

I dati principali

Dal report emergono dati che restano tutto sommato costanti, sia per quanto riguarda i posti letto che l’età mediana dei decessi. Anche le percentuali di persone infette che presentano nessuno o pochi sintomi resta più o meno la stessa, così come i casi più gravi. Per quanto riguarda l’Rt medio a 14 giorni, quasi tutte le regioni registrano un Rt superiore ad 1. Il dato nazionale è cresciuto di un po’, attestandosi ad 1,09 (in aumento per la quinta settimana consecutiva). La curva della mortalità decresce, anche se più lentamente nell’ultimo periodo. Ciò significa che «non bisogna abbassare la guardia» e continuare ad adottare misure di contenimento, altrimenti esiste una buona probabilità che «le terapie intensive e le aree mediche di molte regioni potrebbero superare le soglie di allarme già il prossimo mese».

«Circolazione virus resta alta, necessarie misure rigorose»

«Ci troviamo in una fase delicata in cui la circolazione è alta – spiega ancora Brusaferro –: è stata contenuta, ma richiede grande attenzione e il mantenimento di rigorose misure di mitigazione per evitare che in Regioni con Rt sopra 1 e rischio alto l’incremento dell’incidenza possa aumentare. Abbiamo raccolto i frutti rispetto alle misure adottate, ma vanno mantenute e modulate a livello nazionale e regionale per fare in modo che la curva si appiattisca per poi decrescere in una stagione a rischio per l’influenza».

«Italia al top in Europa per vaccinazioni»

Secondo il Direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, «le Regioni stanno facendo uno sforzo ottimale. L’Italia è al top in Europa per le vaccinazioni fatte. Sono soddisfatto per l’inizio della campagna vaccinale, abbiamo dimostrato di poter fare un gran numero di vaccini in tempi brevi. Ovviamente si può fare sempre meglio ma in Europa siamo i primi e dobbiamo continuare così». La speranza, per Rezza, è che ai vaccini di Pfitzer e Moderna se ne aggiungano presto anche altri, magari non necessariamente mRna (e quindi con elevata efficacia) ma più “maneggevoli”.

Test sierologici entrano in bollettino quotidiano

Rezza ha poi annunciato che da oggi anche i test rapidi verranno conteggiati nel bollettino quotidiano: «A livello europeo era stato già deciso di sancire la conferma dei casi non solo con i tamponi molecolari ma anche con gli antigenici. Abbiamo emanato una circolare per fare chiarezza sul loro uso. Ad oggi abbiamo a disposizione test di ultima generazione che garantiscono performance quasi equiparabili a quelli molecolari. Questi ultimi, comunque, restano lo standard, ma quelli antigenici sono un utile ausilio: diminuiscono la pressione nei laboratori e possono favorire l’adozione di misure di sanità pubblica in tempi più rapidi».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale