Salute 9 Ottobre 2020 18:02

Covid-19, il fisico Sestili: «Aumentare il numero dei tamponi, o gli argini potrebbero non tenere»

«Si è sprecata un’occasione, la tregua estiva doveva servire ad approntare sistemi robusti. Ora mi aspetto ulteriori aumenti»

di Tommaso Caldarelli
Covid-19, il fisico Sestili: «Aumentare il numero dei tamponi, o gli argini potrebbero non tenere»

La situazione epidemica italiana non è positiva. Intendiamoci, la metrica dei casi in Italia, parlando dei valori assoluti, potrebbe essere peggiore; e gli ospedali, ad oggi, anche se i casi stanno salendo, non sono sotto eccessiva pressione. La sensazione però è quella di “un’occasione perduta”: l’arrivo dell’autunno sembra averci trovati meno preparati di quel che avremmo voluto, e i dati danno l’impressione di una costante e spiacevole avanzata dell’epidemia. Un quadro che può essere meglio precisato e spiegato facendo ricorso ai numeri.

La soglia di riferimento è quella del 3%: per non destare eccessivi allarmi, il rapporto fra il numero di positivi accertati e il numero totale di tamponi effettuati dovrebbe dare come risultato 0,03; tre positivi accertati, dunque, ogni cento tamponi fatti. Le statistiche dimostrano invece che da qualche giorno l’Italia è stabile sul 4%. Un numero dunque eccessivo: ne ha parlato su Facebook Giorgio Sestili, fisico e apprezzato divulgatore di analisi statistiche diffuse dalla pagina “Coronavirus – Dati e analisi scientifiche”.

L’immagine scelta da Sestili è quella di una diga, di un argine che, si teme, potrebbe non tenere: se non possiamo avere il controllo del numero dei positivi accertati, che per sua natura è aleatorio, dobbiamo necessariamente avere il controllo del denominatore, ovvero il numero dei tamponi. E farne di più, molti di più.

«I numeri mostrano senza equivoci che i Paesi che hanno meglio contenuto la diffusione del virus sono stati quelli capaci di mantenere il rapporto tra casi positivi e persone testate al di sotto del 3%. Abbiamo di recente toccato il record dei tamponi fatti in Italia con 125mila prove», spiega Sestili a Sanità Informazione.

«Faccio presente che Paesi come Regno Unito, Germania, Spagna sono stabilmente al di sopra dei 200mila al giorno – aggiunge -. Dobbiamo testare molto, molto di più. C’è ancora troppa timidezza e ritardo riguardo all’uso dei tamponi rapidi, si pensa che diano dei falsi negativi, ma è necessario correre il rischio perché sono degli strumenti in grado di monitorare una larghissima fascia della popolazione in poco tempo. Questo migliorerà la nostra attività di screening e ci aiuterà, in caso serva, a ripetere il test sui soggetti che pensiamo essere falsi negativi».

«Non conta poi solo il numero di tamponi, qui c’è un più generale problema di organizzazione. Il numero dei casi accertati nelle scuole va tenuto sotto controllo – continua Sestili -. Serve un protocollo specifico e separato per le fasce giovanili che, giustamente, hanno una vita relazionale intensa e sono più a rischio. Serve potenziare il ricorso ai tamponi salivari, agli antigenici oltre a quelli molecolari».

Le prospettive però, ad oggi, non appaiono rosee: «Sono d’accordo con chi dice che non si è approfittato della tregua estiva per approntare dei sistemi robusti e che si sia sprecata un’occasione. Se non aggrediamo subito il problema dei tamponi effettuati mi aspetto che i contagi continuino a salire, che non ci sia una stabilizzazione. E potrebbe esserci anche un aumento molto repentino. È come una diga – chiude il fisico – Se un pezzetto viene compromesso. gli argini cedono e viene giù tutta insieme».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi