Salute 9 Ottobre 2020

Covid-19, il fisico Sestili: «Aumentare il numero dei tamponi, o gli argini potrebbero non tenere»

«Si è sprecata un’occasione, la tregua estiva doveva servire ad approntare sistemi robusti. Ora mi aspetto ulteriori aumenti»

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

La situazione epidemica italiana non è positiva. Intendiamoci, la metrica dei casi in Italia, parlando dei valori assoluti, potrebbe essere peggiore; e gli ospedali, ad oggi, anche se i casi stanno salendo, non sono sotto eccessiva pressione. La sensazione però è quella di “un’occasione perduta”: l’arrivo dell’autunno sembra averci trovati meno preparati di quel che avremmo voluto, e i dati danno l’impressione di una costante e spiacevole avanzata dell’epidemia. Un quadro che può essere meglio precisato e spiegato facendo ricorso ai numeri.

La soglia di riferimento è quella del 3%: per non destare eccessivi allarmi, il rapporto fra il numero di positivi accertati e il numero totale di tamponi effettuati dovrebbe dare come risultato 0,03; tre positivi accertati, dunque, ogni cento tamponi fatti. Le statistiche dimostrano invece che da qualche giorno l’Italia è stabile sul 4%. Un numero dunque eccessivo: ne ha parlato su Facebook Giorgio Sestili, fisico e apprezzato divulgatore di analisi statistiche diffuse dalla pagina “Coronavirus – Dati e analisi scientifiche”.

L’immagine scelta da Sestili è quella di una diga, di un argine che, si teme, potrebbe non tenere: se non possiamo avere il controllo del numero dei positivi accertati, che per sua natura è aleatorio, dobbiamo necessariamente avere il controllo del denominatore, ovvero il numero dei tamponi. E farne di più, molti di più.

«I numeri mostrano senza equivoci che i Paesi che hanno meglio contenuto la diffusione del virus sono stati quelli capaci di mantenere il rapporto tra casi positivi e persone testate al di sotto del 3%. Abbiamo di recente toccato il record dei tamponi fatti in Italia con 125mila prove», spiega Sestili a Sanità Informazione.

«Faccio presente che Paesi come Regno Unito, Germania, Spagna sono stabilmente al di sopra dei 200mila al giorno – aggiunge -. Dobbiamo testare molto, molto di più. C’è ancora troppa timidezza e ritardo riguardo all’uso dei tamponi rapidi, si pensa che diano dei falsi negativi, ma è necessario correre il rischio perché sono degli strumenti in grado di monitorare una larghissima fascia della popolazione in poco tempo. Questo migliorerà la nostra attività di screening e ci aiuterà, in caso serva, a ripetere il test sui soggetti che pensiamo essere falsi negativi».

«Non conta poi solo il numero di tamponi, qui c’è un più generale problema di organizzazione. Il numero dei casi accertati nelle scuole va tenuto sotto controllo – continua Sestili -. Serve un protocollo specifico e separato per le fasce giovanili che, giustamente, hanno una vita relazionale intensa e sono più a rischio. Serve potenziare il ricorso ai tamponi salivari, agli antigenici oltre a quelli molecolari».

Le prospettive però, ad oggi, non appaiono rosee: «Sono d’accordo con chi dice che non si è approfittato della tregua estiva per approntare dei sistemi robusti e che si sia sprecata un’occasione. Se non aggrediamo subito il problema dei tamponi effettuati mi aspetto che i contagi continuino a salire, che non ci sia una stabilizzazione. E potrebbe esserci anche un aumento molto repentino. È come una diga – chiude il fisico – Se un pezzetto viene compromesso. gli argini cedono e viene giù tutta insieme».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
In Italia indice Rt a 1,7 con oltre 31 mila nuovi casi. Brusaferro: «Valutare nuove misure»
Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità annuncia l'avvicinamento allo scenario 4, il più grave dell'epidemia. Tasso di positività dei tamponi al 10%
Tamponi da MMG e pediatri, da Conferenza Stato-Regioni arriva l’accordo
«Un passaggio fondamentale – ha affermato Bonaccini - per far partire il rafforzamento e il potenziamento delle attività di prevenzione e controllo del contagio in modo più capillare sul territorio»
Iss, in Italia l’epidemia è in scenario 3. Cosa significa e quando attendere l’ultimo livello?
Secondo un documento dell'Iss, sono quattro gli scenari possibili per l'epidemia in inverno. Il 3, in cui ci troviamo ora, significa iniziali segnali di sovraccarico per il sistema sanitario e chiusure locali da prevedere. Quando aspettarsi il 4?
Covid-19, Boldrini (Pd): «Criticità sistema sanitario dipendono anche da Regioni»
«La medicina di base potrebbe forse utilmente tornare alle dirette dipendenze del Sistema sanitario», spiega la vicepresidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama
Covid-19, Bologna (PP – Misto): «Monitorare separazione dei percorsi assistenziali a favore dei pazienti cronici»
«Il percorso differenziato diviene ancora più importante anche per le misure che sono già previste per il recupero delle liste d’attesa», spiega la deputata di Popolo Protagonista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...