Salute 8 Ottobre 2020 11:28

Aumento casi Covid, Anelli (FNOMCeO): «Siamo preoccupati. Tamponi rapidi possono essere svolta»

Intervenuto al Congresso della Fimmg, il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Mai più carenza mascherine per medici. Superato il modello del medico di medicina generale che lavora da solo»

Aumento casi Covid, Anelli (FNOMCeO): «Siamo preoccupati. Tamponi rapidi possono essere svolta»

«Siamo realmente preoccupati». E non lo nasconde Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici (FNOMCeO). «L’aumento rapido della curva non ci fa stare tranquilli – aggiunge a margine del Congresso della Fimmg in corso in Sardegna -. Significa che tutti i sanitari avranno di fronte pazienti con sintomi che possono essere confusi con il Covid-19. Ogni singolo raffreddore pone il dubbio diagnostico, quindi mettere tutti in fila nei dipartimenti di prevenzione diventa un esercizio complesso. Comporta l’allungamento dei tempi, con ripercussioni sul lavoro e sulle famiglie. Ecco perché i tamponi rapidi possono essere una reale svolta», ha aggiunto Anelli riferendosi alla possibilità che i medici di famiglia eseguano i test rapidi.

Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, durante il suo collegamento con il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2020, ha rassicurato sull’impegno nel mettere a disposizione i test rapidi. «Stiamo lavorando per i test rapidi – ha detto – e ieri abbiamo avuto un bel segnale di ulteriore collaborazione e solidarietà da parte di un importante sindacato dei medici di famiglia: hanno dato la disponibilità ad effettuare i test». «Questo significa – ha proseguito – che il commissario Arcuri, che sta completando la gara per 5 milioni di test rapidi li distribuirà anche ai medici di famiglia in modo da affrontare le prossime settimane con minore ansia».

SICUREZZA PER OPERATORI SANITARI

Ad ogni modo, «ogni visita deve essere contraddistinta dal massimo livello di sicurezza». Un tema, quello della sicurezza dei medici e di tutti i professionisti sanitari, che è stata la spina dorsale del suo intervento: «Non ci dovrà mai più essere un medico senza mascherine a disposizione – ha commentato -. Quello della sicurezza è un tema strategico, essenziale. È un diritto che deve essere sempre garantito da chi amministra perché sono stati troppi coloro che hanno perso la vita».

Anelli ha quindi rassicurato: «Adesso i dispositivi di protezione ci sono, ma talvolta c’è ancora un atteggiamento frutto della mentalità del passato, legata alla convinzione che i soldi utilizzati in sanità siano considerati una spesa e non un investimento. Credo che la distribuzione dei dpi non debba essere centellinata, ma estremamente generosa. Questo significa mettere tutti i medici nelle condizioni di poter operare in sicurezza per il bene del paziente».

VACCINI IN FARMACIA

E sui vaccini in farmacia: «Se ne può discutere, ma al momento è improponibile – ha puntualizzato Anelli -. Sono poche le farmacie che hanno gli spazi per effettuare una vaccinazione, che non si può fare in uno sgabuzzino. È un processo complesso».

Infine, l’appello ai medici presenti in sala: «Il modello del medico di medicina generale che lavora da solo è ormai superato», ribadendo la necessità di lavorare in team multiprofessionali, come condizione necessaria per raggiungere l’obiettivo di portare l’Italia ai primi posti in Europa per assistenza domiciliare.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Vaccini anti-Covid: cosa si intende per “evento avverso”?
L’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) spiega cosa sono gli eventi avversi (AEFI - Adverse Event Following Immunization) e perché è importante studiarli
Covid-19, nuovo report cabina di regia. Brusaferro (ISS): «Crescita contagi lieve, frutto degli sforzi di Natale»
Rezza: «Italia al top in Europa per quanto riguarda le vaccinazioni». La novità: «Da oggi conteggiati in bollettino quotidiano anche test sierologici di ultima generazione»
In Gran Bretagna contagi fuori controllo, cambia il piano vaccinale
Un cardiologo italiano racconta: «Variante più contagiosa, ora si predilige vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. Ci vorranno almeno due o tre mesi per vedere un vero effetto del vaccino»
di Federica Bosco
Crisi di governo, Boldi (Lega): «Serve governo legittimato per affrontare pandemia. Ora allargare la platea dei vaccinatori»
La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali Rossana Boldi spiega: «Crisi crea delle difficoltà, non è il massimo in piena pandemia». Sul piano vaccinale: «Bisogna coinvolgere le farmacie in modo che siano pronte quando arriveranno dei vaccini più gestibili e conservabili in frigorifero»
Cos’è la farmacovigilanza? Cosa si intende per “evento avverso”? AIFA risponde ai principali dubbi sui vaccini
L’Agenzia Italiana del Farmaco chiarisce dubbi e incertezze sul tema attraverso una serie di FAQ pubblicate sul suo portale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...