Salute 8 Ottobre 2020 11:28

Aumento casi Covid, Anelli (FNOMCeO): «Siamo preoccupati. Tamponi rapidi possono essere svolta»

Intervenuto al Congresso della Fimmg, il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Mai più carenza mascherine per medici. Superato il modello del medico di medicina generale che lavora da solo»

Aumento casi Covid, Anelli (FNOMCeO): «Siamo preoccupati. Tamponi rapidi possono essere svolta»

«Siamo realmente preoccupati». E non lo nasconde Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici (FNOMCeO). «L’aumento rapido della curva non ci fa stare tranquilli – aggiunge a margine del Congresso della Fimmg in corso in Sardegna -. Significa che tutti i sanitari avranno di fronte pazienti con sintomi che possono essere confusi con il Covid-19. Ogni singolo raffreddore pone il dubbio diagnostico, quindi mettere tutti in fila nei dipartimenti di prevenzione diventa un esercizio complesso. Comporta l’allungamento dei tempi, con ripercussioni sul lavoro e sulle famiglie. Ecco perché i tamponi rapidi possono essere una reale svolta», ha aggiunto Anelli riferendosi alla possibilità che i medici di famiglia eseguano i test rapidi.

Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, durante il suo collegamento con il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2020, ha rassicurato sull’impegno nel mettere a disposizione i test rapidi. «Stiamo lavorando per i test rapidi – ha detto – e ieri abbiamo avuto un bel segnale di ulteriore collaborazione e solidarietà da parte di un importante sindacato dei medici di famiglia: hanno dato la disponibilità ad effettuare i test». «Questo significa – ha proseguito – che il commissario Arcuri, che sta completando la gara per 5 milioni di test rapidi li distribuirà anche ai medici di famiglia in modo da affrontare le prossime settimane con minore ansia».

SICUREZZA PER OPERATORI SANITARI

Ad ogni modo, «ogni visita deve essere contraddistinta dal massimo livello di sicurezza». Un tema, quello della sicurezza dei medici e di tutti i professionisti sanitari, che è stata la spina dorsale del suo intervento: «Non ci dovrà mai più essere un medico senza mascherine a disposizione – ha commentato -. Quello della sicurezza è un tema strategico, essenziale. È un diritto che deve essere sempre garantito da chi amministra perché sono stati troppi coloro che hanno perso la vita».

Anelli ha quindi rassicurato: «Adesso i dispositivi di protezione ci sono, ma talvolta c’è ancora un atteggiamento frutto della mentalità del passato, legata alla convinzione che i soldi utilizzati in sanità siano considerati una spesa e non un investimento. Credo che la distribuzione dei dpi non debba essere centellinata, ma estremamente generosa. Questo significa mettere tutti i medici nelle condizioni di poter operare in sicurezza per il bene del paziente».

VACCINI IN FARMACIA

E sui vaccini in farmacia: «Se ne può discutere, ma al momento è improponibile – ha puntualizzato Anelli -. Sono poche le farmacie che hanno gli spazi per effettuare una vaccinazione, che non si può fare in uno sgabuzzino. È un processo complesso».

Infine, l’appello ai medici presenti in sala: «Il modello del medico di medicina generale che lavora da solo è ormai superato», ribadendo la necessità di lavorare in team multiprofessionali, come condizione necessaria per raggiungere l’obiettivo di portare l’Italia ai primi posti in Europa per assistenza domiciliare.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Vaccino anti-Covid fascia 5-11 anni, Pfizer: «Forte risposta immunitaria»
I dati sulla fascia di età 5-11 anni con dose di vaccino inferiore rispetto agli adulti mostra un'immunità molto alta. Secondo Pfizer si potrebbe iniziare con le somministrazioni dall'inizio della stagione invernale
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco