Salute 26 Giugno 2020

Covid-19, Ema autorizza trattamento con antivirale remdesivir

L’Agenzia europea del farmaco ha espresso il via libera per adulti e adolescenti di età pari o superiore a 12 anni con polmonite da Sars-Cov-2 che richiedono ossigeno supplementare

Il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) ha espresso parere positivo – raccomandando la concessione dell’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata – per il medicinale antivirale remdesivir, destinato al trattamento dell’infezione da Sars-CoV-2. L’utilizzo del farmaco è concesso per trattare la malattia da nuovo coronavirus in adulti e adolescenti di età pari o superiore a 12 anni con polmonite, che richiedono ossigeno supplementare.

LEGGI ANCHE: COVID-19, AIFA E GILEAD: «ITALIA TRA I PAESI CHE TESTERANNO L’ANTIVIRALE REMDESIVIR»

L’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata è ammessa per un farmaco che soddisfa un’esigenza medica quando il beneficio per la salute pubblica è immediato e supera il rischio derivante dal fatto che sono ancora necessari dati aggiuntivi. È questo il caso dell’antivirale remdesivir, già approvato con le stesse modalità negli Stati Uniti.

Il via libera si basa su precise raccomandazioni nell’uso del medicinale: al momento, sarà utilizzato solo in pazienti in stadio avanzato di malattia: tenendo conto dei dati disponibili, infatti, l’EMA ha ritenuto che «l’equilibrio tra benefici e rischi si sia dimostrato positivo nei pazienti con polmonite che richiedono ossigeno supplementare, cioè i pazienti con malattia grave».

LEGGI ANCHE: COVID-19, CRICELLI (SIMG): «A NOVEMBRE LE PRIME DOSI-TEST VACCINO. NON SI PUÒ RIMPROVERARE NULLA AL SSN PER GESTIONE EPIDEMIA»

«Un’ottima notizia per il vecchio Continente – commenta su Facebook Matteo Bassetti, direttore della clinica Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova -. Noi ci avevamo creduto fin dal principio. A Genova abbiamo trattato il primo paziente già alla fine di febbraio. Speriamo sia presto disponibile anche in Italia».

Non del tutto soddisfatto Silvio Garattini, presidente dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Irccs che spiega: «L’antivirale remdesivir riduce la degenza ospedaliera da 15 giorni a 11 giorni in media, ma non cambia la mortalità per Covid-19 in modo significativo – precisa – . Abbiamo bisogno di qualcosa di meglio, di qualcosa di più efficace per poter fare la differenza nella cura delle infezioni gravi da nuovo coronavirus». Lo scienziato chiede di potenziare gli sforzi della ricerca e puntare più in alto: «L’effetto è minimo rispetto a quello che dobbiamo cercare di ottenere».

Ora non resta che attendere il lasciapassare definitivo della Commissione europea, che, di norma, avviene circa 60 giorni dopo l’emanazione del parere tecnico del Chmp ma in questo caso seguirà rapidamente il processo decisionale per rendere il prodotto disponibile in Europa prima possibile.

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»
Il consulente del ministro Speranza: «Il coprifuoco non è stato efficace in Francia e in Spagna. Il Covid lo portano le masse di persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici»
Covid-19, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Servono misure eccezionali per far fronte alla situazione»
«Quello che sta accadendo è la prova provata che non si sta investendo nella medicina territoriale e neanche nei dipartimenti di prevenzione cioè quelli che si occupano di igiene pubblica» dichiara in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio. «Vorremmo che qualcuno ci spiegasse a cosa serve fare migliaia di tamponi se […]
Covid-19, Rostan (Iv): «Emergenza  non metta a rischio altre patologie»
«Ancora tante le strutture ospedaliere sprovviste di percorsi in sicurezza Covid con pazienti che occupano i triage dei Pronto soccorso o le corsie di reparti» segnala la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Covid, Gimbe: «Raddoppiano positivi e decessi, virus corre più veloce dei Dpcm»
Incremento esponenziale anche questa settimana secondo Fondazione Gimbe. Dal 7,8% della Provincia Autonoma di Trento al 44,9% della Campania. Raddoppia il tasso di positività
Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»
Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridurre la capienza dei mezzi pubblici. Ma dico no a un nuovo lockdown». Poi ammonisce: «Attenzione a dimenticare le altre patologie o rischiamo guai peggiori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...