Salute 12 Giugno 2020 10:00

Covid-19 e pazienti oncologici, da 24 a 30 mila diagnosi in meno nel 2020. Sileri: «Faremo un piano per recuperare»

Mantenere i percorsi differenziati, avere un personale dedicato e disporre di supporto psicologico: tre punti del decalogo della Fondazione Aiom per aiutare i pazienti. Il viceministro Sileri: «Come anti-influenzale, vaccino Covid prima a chi è più a rischio»

Covid-19 e pazienti oncologici, da 24 a 30 mila diagnosi in meno nel 2020. Sileri: «Faremo un piano per recuperare»

La ripresa di screening e visite, una ripartenza sostenuta della diagnostica e un decalogo di richieste per le istituzioni. Si è discusso di questo nel webinar intitolato “Covid-19 e paziente oncologico: le sfide assistenziali che ci attendono”, curato da Fondazione Aiom cui ha preso parte anche il vice-ministro della Salute, Pierpaolo Sileri.

Non è un segreto: i tre mesi più duri dell’emergenza Coronavirus hanno obbligato ospedali e ambulatori italiani a una profonda riorganizzazione. La trasformazione di alcune strutture in zone dedicate alla sola cura del Covid-19 ha portato al rinvio di operazioni non urgenti e di visite di screening e follow up per i pazienti oncologici. «Considerando che in Italia si fanno circa 1000 diagnosi di cancro al giorno – ha illustrato Stefania Gori, presidente di Fondazione Aiom – possiamo stimare dalle 24 alle 30 mila diagnosi in meno nei mesi di lockdown».

Numeri importanti, considerando che studi esteri e nostrani hanno dimostrato che i pazienti oncologici sono più suscettibili al virus e alle sue forme gravi. In Cina un 6% dei deceduti era affetto da tumore, in Italia la cifra arriva al 16% secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità. «In Olanda – ha proseguito Gori – un primo studio ha mostrato una riduzione del 26% nelle nuove diagnosi di cancro, escluso quello della pelle, rispetto allo scorso gennaio».

LEGGI ANCHE CANCRO E COVID-19, IL PRESIDENTE AIOM: «DEVE RIPRENDERE LO SCREENING O RISCHIAMO DI TROVARE MALATTIE DIFFICILMENTE CURABILI»

I potenziali effetti di queste stime hanno portato varie associazioni di pazienti oncologici a definire un decalogo di richieste. Dalla necessità di mantenere i percorsi separati negli ospedali che torneranno all’attività ordinaria, alla cristallizzazione di personale dedicato esclusivamente ai pazienti con cancro. Attraverso la garanzia di centri oncologici Covid-free, tramite triage per pazienti e personale sanitario, per finire con un supporto psicologico telematico dedicato.

Richieste, quelle espresse da Gori, accolte dal vice-ministro della Salute in maniera favorevole e propositiva. «Raccolgo queste proposte con molto interesse – ha detto Sileri – considerando che in questo periodo l’80% degli interventi chirurgici, molti oncologici, è stato rinviato così come 12 milioni di esami radiologici». Rimarranno i percorsi separati, ha assicurato, e il supporto psicologico che era già mancante prima, dovrà cogliere questa occasione per essere potenziato.

«Fondamentale – ha aggiunto – che i direttori generali delle strutture sanitarie comprendano che quegli spostamenti di personale in reparti diversi, che si sono rivelati indispensabili durante la fase clou dell’emergenza, ora vanno evitati. Altrimenti il rischio è che a pagare siano i pazienti più fragili». Per il futuro, e con gli aiuti dell’Ue, si prevede di spendere tra i 20 e 25 miliardi per riforme strutturali alla sanità nei prossimi anni. «Stiamo valutando le strategie per recuperare quanto rimandato – ha fatto presente il vice-ministro – si è parlato di prolungare gli orari degli ambulatori, qualcuno ha proposto di lavorare anche sabato e domenica, ma per me non è ancora sufficiente».

LEGGI ANCHE OSPEDALE SICURO, SANTINI (CAMPUS): «CON TRIAGE TELEFONICO E TELEVISITA MENO ATTESE E MAGGIORE TUTELA PER I PAZIENTI ONCOLOGICI»

«Le nuove assunzioni saranno di ausilio, ma l’obbiettivo resta aumentare gli stipendi e studiare le necessità per ogni regione», queste le basi del programma futuro. In previsione di una seconda ondata, ora si spinge sul vaccino anti-influenzale, in primis per i pazienti e gli individui più fragili, fra cui chi convive con il cancro. «Anche per il vaccino al Covid – ha assicurato Sileri – quando ci sarà, seguiremo questa strategia».

«Non esiste evidenza, però, che lo screening sia in grado di ridurre la mortalità per i tumori aggressivi». La precisazione arriva da Pierfranco Conte, professore di oncologia e direttore della rete oncologica veneta. «Lo fa per quei tumori che impiegano anni per svilupparsi – ha specificato –. Un ritardo di qualche mese non può avere conseguenze drammatiche, in termini di futuri decessi. Ma l’80% dei pazienti oncologici non avrebbe bisogno di andare in ospedale, è il territorio che può venire in aiuto».

«Anche se ci sono molte scusanti – ha proseguito Giovanni Apolone, direttore scientifico Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori – qualcosa non ha funzionato. È compito di chi è coinvolto in diagnosi e trattamento di pazienti oncologici quello di dialogare per confrontarci con un nuovo scenario da riorganizzare con nuove priorità». Che devono, secondo il professore, necessariamente introdurre nella diagnosi e cura «la tele-salute».

LEGGI ANCHE COVID-19, RIDOTTE DEL 52% LE NUOVE DIAGNOSI DI CANCRO. MEDICI, INFERMIERI E PAZIENTI: «PIU’ TELEMEDICINA E SUBITO LE RETI ONCOLOGICHE»

Non sappiamo ancora cosa succederà con il virus in autunno; su questo è stato molto chiaro il professor Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’IRCCS Istituto clinico Humanitas. «Tra le affermazioni più controproducenti per i pazienti, non solo oncologici, ci sono quelle che vorrebbero un virus “più buono” o addirittura i contagi da asintomatici “rarissimi”. Su questo non abbiamo dati, e l’umiltà e il rispetto dei dati sono i due modi con cui proteggiamo davvero i pazienti». La risoluzione è, ancora una volta, affidata al vaccino. Ma, specifica Mantovani: «Spero che i vaccini siano almeno due, come è successo per la poliomielite».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Cancro e sessualità, un progetto per rompere i tabù attraverso scienza e arte
Sex and the cancer nasce per promuovere consapevolezza intorno a un problema di cui troppo poco si parla: i disturbi della sfera sessuale a seguito delle terapie oncologiche
Scoperto meccanismo che permette alle cellule tumorali di resistere alla chemioterapia
Uno studio dell’Università Statale di Milano e dello IEO, coordinato dal professor Stefano Santaguida, ha definito come la variazione del numero dei cromosomi presenti nei tumori sia alla base del meccanismo con cui la cellula tumorale riesce a costruire una barriera che blocca l’azione dei farmaci anticancro
di Federica Bosco
Con il Bullone e Cicatrici i B. Liver combattono la malattia e diventano grandi
Sono giovani tra i 14 e i 35 anni costretti a lottare contro il cancro, l’Hiv, l’anoressia. Hanno deciso di farlo con la Fondazione B.Live Onlus e alcuni volontari. Ne è nato un giornale e una mostra d’arte per raccontare storie di chi nella vita ha lasciato un segno e chi non ha paura di far conoscere le proprie fragilità
di Federica Bosco
Vaccinati all’estero con Sputnik, con Reithera o eterologa, quando arriva il Green pass?
Il sottosegretario alla Salute Sileri assicura che sono in arrivo soluzioni certe per i "casi particolari" rimasti senza Green pass. Vaccinati con Sputnik, con la sperimentazione Reithera, oppure in due Regioni diverse o con una sola dose perché guariti
Supereroi, superpoteri e un messaggio di solidarietà: un cartone per spiegare il Covid ai bambini
Il progetto dell’Associazione Pancrazio in collaborazione con la Croce Rossa Italiana e con il supporto dell’infettivologo Andreoni: «Educhiamo al senso di responsabilità e al rispetto verso gli operatori sanitari»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco