Salute 12 Giugno 2020 10:00

Covid-19 e pazienti oncologici, da 24 a 30 mila diagnosi in meno nel 2020. Sileri: «Faremo un piano per recuperare»

Mantenere i percorsi differenziati, avere un personale dedicato e disporre di supporto psicologico: tre punti del decalogo della Fondazione Aiom per aiutare i pazienti. Il viceministro Sileri: «Come anti-influenzale, vaccino Covid prima a chi è più a rischio»

Covid-19 e pazienti oncologici, da 24 a 30 mila diagnosi in meno nel 2020. Sileri: «Faremo un piano per recuperare»

La ripresa di screening e visite, una ripartenza sostenuta della diagnostica e un decalogo di richieste per le istituzioni. Si è discusso di questo nel webinar intitolato “Covid-19 e paziente oncologico: le sfide assistenziali che ci attendono”, curato da Fondazione Aiom cui ha preso parte anche il vice-ministro della Salute, Pierpaolo Sileri.

Non è un segreto: i tre mesi più duri dell’emergenza Coronavirus hanno obbligato ospedali e ambulatori italiani a una profonda riorganizzazione. La trasformazione di alcune strutture in zone dedicate alla sola cura del Covid-19 ha portato al rinvio di operazioni non urgenti e di visite di screening e follow up per i pazienti oncologici. «Considerando che in Italia si fanno circa 1000 diagnosi di cancro al giorno – ha illustrato Stefania Gori, presidente di Fondazione Aiom – possiamo stimare dalle 24 alle 30 mila diagnosi in meno nei mesi di lockdown».

Numeri importanti, considerando che studi esteri e nostrani hanno dimostrato che i pazienti oncologici sono più suscettibili al virus e alle sue forme gravi. In Cina un 6% dei deceduti era affetto da tumore, in Italia la cifra arriva al 16% secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità. «In Olanda – ha proseguito Gori – un primo studio ha mostrato una riduzione del 26% nelle nuove diagnosi di cancro, escluso quello della pelle, rispetto allo scorso gennaio».

LEGGI ANCHE CANCRO E COVID-19, IL PRESIDENTE AIOM: «DEVE RIPRENDERE LO SCREENING O RISCHIAMO DI TROVARE MALATTIE DIFFICILMENTE CURABILI»

I potenziali effetti di queste stime hanno portato varie associazioni di pazienti oncologici a definire un decalogo di richieste. Dalla necessità di mantenere i percorsi separati negli ospedali che torneranno all’attività ordinaria, alla cristallizzazione di personale dedicato esclusivamente ai pazienti con cancro. Attraverso la garanzia di centri oncologici Covid-free, tramite triage per pazienti e personale sanitario, per finire con un supporto psicologico telematico dedicato.

Richieste, quelle espresse da Gori, accolte dal vice-ministro della Salute in maniera favorevole e propositiva. «Raccolgo queste proposte con molto interesse – ha detto Sileri – considerando che in questo periodo l’80% degli interventi chirurgici, molti oncologici, è stato rinviato così come 12 milioni di esami radiologici». Rimarranno i percorsi separati, ha assicurato, e il supporto psicologico che era già mancante prima, dovrà cogliere questa occasione per essere potenziato.

«Fondamentale – ha aggiunto – che i direttori generali delle strutture sanitarie comprendano che quegli spostamenti di personale in reparti diversi, che si sono rivelati indispensabili durante la fase clou dell’emergenza, ora vanno evitati. Altrimenti il rischio è che a pagare siano i pazienti più fragili». Per il futuro, e con gli aiuti dell’Ue, si prevede di spendere tra i 20 e 25 miliardi per riforme strutturali alla sanità nei prossimi anni. «Stiamo valutando le strategie per recuperare quanto rimandato – ha fatto presente il vice-ministro – si è parlato di prolungare gli orari degli ambulatori, qualcuno ha proposto di lavorare anche sabato e domenica, ma per me non è ancora sufficiente».

LEGGI ANCHE OSPEDALE SICURO, SANTINI (CAMPUS): «CON TRIAGE TELEFONICO E TELEVISITA MENO ATTESE E MAGGIORE TUTELA PER I PAZIENTI ONCOLOGICI»

«Le nuove assunzioni saranno di ausilio, ma l’obbiettivo resta aumentare gli stipendi e studiare le necessità per ogni regione», queste le basi del programma futuro. In previsione di una seconda ondata, ora si spinge sul vaccino anti-influenzale, in primis per i pazienti e gli individui più fragili, fra cui chi convive con il cancro. «Anche per il vaccino al Covid – ha assicurato Sileri – quando ci sarà, seguiremo questa strategia».

«Non esiste evidenza, però, che lo screening sia in grado di ridurre la mortalità per i tumori aggressivi». La precisazione arriva da Pierfranco Conte, professore di oncologia e direttore della rete oncologica veneta. «Lo fa per quei tumori che impiegano anni per svilupparsi – ha specificato –. Un ritardo di qualche mese non può avere conseguenze drammatiche, in termini di futuri decessi. Ma l’80% dei pazienti oncologici non avrebbe bisogno di andare in ospedale, è il territorio che può venire in aiuto».

«Anche se ci sono molte scusanti – ha proseguito Giovanni Apolone, direttore scientifico Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori – qualcosa non ha funzionato. È compito di chi è coinvolto in diagnosi e trattamento di pazienti oncologici quello di dialogare per confrontarci con un nuovo scenario da riorganizzare con nuove priorità». Che devono, secondo il professore, necessariamente introdurre nella diagnosi e cura «la tele-salute».

LEGGI ANCHE COVID-19, RIDOTTE DEL 52% LE NUOVE DIAGNOSI DI CANCRO. MEDICI, INFERMIERI E PAZIENTI: «PIU’ TELEMEDICINA E SUBITO LE RETI ONCOLOGICHE»

Non sappiamo ancora cosa succederà con il virus in autunno; su questo è stato molto chiaro il professor Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’IRCCS Istituto clinico Humanitas. «Tra le affermazioni più controproducenti per i pazienti, non solo oncologici, ci sono quelle che vorrebbero un virus “più buono” o addirittura i contagi da asintomatici “rarissimi”. Su questo non abbiamo dati, e l’umiltà e il rispetto dei dati sono i due modi con cui proteggiamo davvero i pazienti». La risoluzione è, ancora una volta, affidata al vaccino. Ma, specifica Mantovani: «Spero che i vaccini siano almeno due, come è successo per la poliomielite».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Rai e Airc insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
Dal 6 al 13 novembre, per otto giorni, Rai e Airc uniscono le forze nella campagna I Giorni della Ricerca. L'obiettivo è di lavorare insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
I prodotti per stirare i capelli raddoppiano il rischio di cancro all’utero
Uno studio americano ha scoperto che le donne che utilizzano i prodotti per stirare i capelli hanno l'80% del rischio in più di sviluppare il cancro all'utero
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro
Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente
Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo
Secondo lo studio italiano Chronos, grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto, rilevando le alterazioni che possono renderlo più sensibile o resistente alle terapie oncologiche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa