Salute 29 Maggio 2020

Covid-19, Aifa apre all’ossigeno-ozono terapia. Apuzzo (Airo): «Pronti a contribuire in fase acuta malattia e ripresa»

«Protocollo bocciato da comitato etico Milano 3 senza ragione: sperimentazione a costo zero per l’ospedale e non altera terapia di base»

di Federica Bosco

«Pronti a dimostrare l’efficacia della cura e a gestire la fase di ripresa dei pazienti con lesioni polmonari post-Covid». Dario Apuzzo, presidente dell’Accademia Internazionale di Ricerca in Ossigeno-Ozono Terapia (Airo), ha accolto le parole di Nicola Magrini, direttore di Aifa, ai microfoni di Rai News, sulla possibilità di sperimentare l’ozono per combattere il Covid.

LEGGI ANCHE: STORIE DI SPERANZA, CARLO GUARITO DAL COVID CON L’OSSIGENO-OZONO TERAPIA A UDINE: «MI HA SALVATO»

«Il nostro protocollo, che è stato presentato in diversi ospedali, è stato approvato dalla commissione sanitaria e dal comitato etico dell’ospedale Garbagnate milanese, ma è stato bocciato dal comitato etico di Milano 3. Se di fatto non hanno ancora inviato la motivazione ufficiale, in sintesi sostengono ci sia una scarsa letteratura in merito, un’affermazione assolutamente incomprensibile. Poi hanno detto che l’Aifa si sarebbe opposta, ma anche questo impedimento è caduto dal momento che il direttore di Aifa ha dato l’ok ad una sperimentazione randomizzata. È stato molto importante sentire queste parole – prosegue Apuzzo – perché corrispondono al riconoscimento dell’ozono come farmaco».

«A questo punto – aggiunge il presidente di Airo – è inspiegabile la non autorizzazione a procedere con gli altri studi. Ricordo che la sperimentazione con l’ozono terapia è a costo zero per l’ospedale, perché noi come Airo forniamo i macchinari, e non altera la terapia di base che resta come valore di riferimento. Occorre poi aggiungere che la scorsa settimana il congresso di Pneumologia ha evidenziato come il 30% dei malati di Covid guariti presentano o presenteranno disturbi polmonari respiratori di tipo cronico. Bisogna quindi tenere presente che ci sarà una massa di pazienti che afferiranno alle strutture cliniche di riabilitazione respiratoria con esiti legati al Covid-19».

LEGGI ANCHE: COVID-19, LO PNEUMOLOGO: «ALCUNI PAZIENTI NON GUARISCONO DEL TUTTO»

«Anche in questo caso – continua Apuzzo – potrebbe essere fondamentale l’utilizzo dell’ossigeno-ozono terapia, perché migliora la compliance a livello polmonare, migliora la vascolarizzazione, l’apporto di ossigeno al sangue e l’apporto del sangue ai polmoni. Ricapitolando, l’ossigeno-ozono terapia può agire a livello preventivo per migliorare la circolazione del sangue, rendendolo più scorrevole e quindi rendendo più difficoltosa la formazione di micro-trombi che sono alla base dell’infezione; poi durante la malattia, perché attacca il virus in maniera diretta attraverso l’ossidazione delle lipoproteine che si trovano sul capside, ovvero la parte esterna del virus, e indirettamente attraverso il sistema immunitario. Infine, ossigenare il corpo è molto importante durante l’infezione e nella fase successiva, per ridurne gli esiti, favorendo lo scambio di ossigeno», conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...