Salute 22 Dicembre 2015

«Così regaliamo un Natale di speranza ai bambini del Congo»

“Terrazza dell’Infanzia” e “Consulcesi Onlus” ancora insieme per portare un sorriso ai bambini africani. Dopo il dispensario, che verrà inaugurato il 27 dicembre, arriva la sterilizzatrice per biberon

Immagine articolo

Promessa mantenuta. La promessa di realizzare un dispensario nell’area di Kimbondo, in Africa, promesso un anno fa ai nostri microfoni dal dottor Emanuele Ausili, pediatra presso il Policlinico Gemelli di Roma e presidente della “Terrazza dell’Infanzia Onlus”, è pronto e verrà inaugurato entro fine anno.


Ma questo sarà un Natale ancora più speciale per i bambini del Congo. Grazie alla collaborazione con “Consulcesi Onlus”, infatti, il Dottor Ausili è a lavoro per munire il reparto di Neonatologia dell’ospedale di Kimbondo di una sterilizzatrice per biberon. Uno strumento essenziale per diminuire drasticamente le probabilità di infezioni dovute ad igiene non sempre sufficiente. Sanità informazione lo ha intervistato per capire a che punto è il progetto e quali sono le prossime iniziative.

Dottor Ausili, questo sarà un Natale speciale per i piccoli ospiti del reparto di pediatria dell’ospedale di Kimbondo…
«Anche in occasione di questo Natale, la “Terrazza dell’Infanzia”, in collaborazione con “Consulcesi Onlus”, sta portando avanti un progetto relativo alla fornitura di una sterilizzatrice per biberon per il reparto di Neonatologia dell’ospedale di Kimbondo, che al momento conta circa cento bambini. Ciò permetterà un netto miglioramento delle condizioni sia cliniche che sanitarie della struttura e sarà di grande aiuto ai neonati locali: una delle problematiche maggiori del Congo è proprio quella relativa alla mancata sterilizzazione dei biberon. Grazie a questo strumento migliorerà nettamente la lotta alle malattie trasmesse tramite acqua e scarsa igiene, che poi sono alla base di tante patologie che interessano proprio i neonati di Kimbondo».

Succederà qualcosa anche subito dopo Natale? Cos’altro avete in programma?
«In programma c’è il nuovo viaggio dello staff della nostra onlus proprio per Kimbondo, dove il 27 dicembre andremo ad inaugurare, nell’area di Kinta, il dispensario medico che è stato terminato proprio in questi giorni. Anche questo progetto è stato realizzato insieme alla collaborazione di “Consulcesi Onlus”. Questo dispensario è uno dei nostri fiori all’occhiello, perché prevede anche l’apertura di una nuova sala parto, un’infermeria, una farmacia e un’area visite. Insomma, permetterà a tanti pazienti dell’area di Kinta di avere una nuova struttura adatta a gestire urgenze e le più diverse patologie».

Altri progetti per l’anno nuovo?
«Personalmente, spero che la collaborazione tra la “Terrazza dell’Infanzia” e “Consulcesi Onlus” continui il più possibile così come è andata avanti negli ultimi anni: ormai insieme abbiamo portato a termine diversi progetti come, per l’appunto, lo sterilizzatore per la Neonatologia o il dispensario, ma anche la scuola costruita a Kinta. Speriamo che nel prossimo futuro ci sia ancora la possibilità di collaborare per portare a compimento progetti a Kimbondo. Già stiamo costruendo un’area chirurgica con una nuova Neonatologia. Speriamo di trovare ampio spazio da dedicare a questo progetto, condiviso appunto con “Consulcesi Onlus”».

Articoli correlati
Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi
Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte
Tumori cerebrali età pediatrica, al via il progetto dell’università di Messina
La gestione dei pazienti con conseguenze endocrino-metaboliche a medio e lungo termine causate da tumori cerebrali curati in età pediatrica. Si basa su questo il progetto che sarà presentato venerdì 4 settembre, dalle 10.30 alle 13, nell’Aula magna ‘Filippo De Luca’ del padiglione NI dell’Azienda universitaria Policlinico ‘Gaetano Martino’ di Messina. Il Responsabile scientifico del […]
Covid-19, Oms: «No alla mascherina per i bambini sotto i 5 anni»
«Tra i 6 e gli 11 anni da valutare solo in presenza di rischi, dai 12 in su stesse regole degli adulti». E sulla visiera: «È una barriera fisica incompleta e non fornisce gli strati di filtrazione di una mascherina». Ecco le indicazioni contenute nella guida dell'Organizzazione mondiale della sanità
Un programma per combattere l’obesità infantile, che colpisce un bambino su dieci
Il professor Bernardo, direttore della Casa Pediatrica del Fatebenefratelli Sacco di Milano: «I primi mille giorni di vita fondamentali per prevenire gravi problemi in età adulta e ridurre costi del Sistema Sanitario Nazionale»
di Federica Bosco
Scuola, con il Covid a rischio l’apprendimento dei più piccoli. Morsanuto (Unicusano): «Negato sviluppo sociale, linguistico e cognitivo»
Per la prima volta lo studio “Emozioni in quarantena” dell’Unicusano mostra come i bambini fra i tre e i sei anni abbiano vissuto il lockdown e l’importanza di ripensare le tradizionali tecniche di insegnamento. Ai bimbi, infatti, è stato negato lo sviluppo sociale, linguistico e cognitivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 settembre, sono 31.606.979 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 971.116 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...