Salute 21 Gennaio 2020

Coronavirus, 300 contagi e 6 morti in Cina. Convocato il comitato speciale dell’Oms

L’ultimo caso di contagio fuori i confini cinesi riguarda l’Australia. Confermata la trasmissione del coronavirus da uomo a uomo. Domani riunione degli Stati UE

Immagine articolo

È arrivato a sei il numero di vittime causate dal misterioso  coronavirus in Cina. La Commissione sanitaria nazionale cinese aveva già confermato vari casi collegati al virus considerato simile alla Sars. Al momento si contano oltre 200 persone contagiate nella città di Wuhan, epicentro dell’epidemia, e altre nel Guangdong. In totale sarebbero quasi 300 le persone colpite.

Secondo gli ultimi accertamenti, la trasmissione del coronavirus avviene da uomo a uomo. Il virus, isolato a Wuhan a inizio gennaio, ha fatto registrare casi anche in Giappone, Thailandia, Corea del Sud e l’ultimo in Australia. Un comitato speciale è stato convocato per domani dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per valutare se il nuovo coronavirus costituisca «un’emergenza pubblica»: lo ha riferito Tedros Adhanom Ghebreyesus, il direttore dell’ente con sede a Ginevra. Secondo il responsabile, al centro dell’incontro ci sarà l’esame di possibili «raccomandazioni da fare per far fronte all’epidemia». L’Oms ha classificato il nuovo coronavirus con la sigla “2019-nCoV”.

Prevista sempre per domani anche la riunione degli Stati membri dell’Unione Europea, che sta seguendo la situazione del virus cinese ed è in contatto con il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie Ecdc.

Intanto quindici membri dello staff ospedaliero di Wuhan sono stati infettati. Lo hanno comunicato le autorità sanitarie di Wuhan dal proprio account Weibo, la piattaforma di social network più utilizzata in Cina. Oltre ai quindici casi accertati, di cui uno in condizioni critiche, anche un sedicesimo membro dello staff medico è sospettato di avere contratto il virus ed è stato anch’egli ricoverato in quarantena come i suoi colleghi.

L’ultimo caso di contagio fuori i confini cinesi riguarda l’Australia. Un uomo di Brisbane, che ha famiglia in una zona vicino a Wuhan e che ha manifestato problemi respiratori di ritorno da un viaggio nella città, è stato sottoposto a test medici per accertare la presenza del coronavirus. Lo ha confermato la chief health officer dello Stato australiano del Queensland, Jeanette Young, specificando che l’uomo si trova in isolamento nella propria abitazione. «Abbiamo fatto test su di lui e stiamo aspettando i risultati», ha detto la dirigente sanitaria citata dai media australiani.

In Europa rischio di contagio basso. Il ministero della Salute sta costantemente monitorando la situazione e ha evidenziato che «la probabilità di introduzione del virus nell’Unione Europea è considerata bassa, anche se non può essere esclusa». Ad ogni modo, presso l’aeroporto di Fiumicino, collegato con Wuhan da tre voli diretti e numerosi voli non diretti, è in vigore una procedura sanitaria per verificare l’eventuale presenza a bordo degli aerei provenienti dalla città cinese di casi sospetti sintomatici ed il loro eventuale trasferimento in bio-contenimento all’Istituto Nazionale Malattie Infettive L. Spallanzani di Roma.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

La locandina affissa in aeroporto

 

Articoli correlati
Coronavirus, congiuntivite può essere sintomo precoce. SOI: «Allertati i 7mila oculisti italiani»
La Società Oftalmologica Italiana ha diramato le operatività da mettere in atto a tutela dei medici oculisti, dei pazienti e degli operatori tutti. «Gli occhi e in particolare la congiuntiva sono la diretta porta di ingresso per il coronavirus che viene poi trascinato tramite le vie di deflusso delle lacrime all’interno di naso e gola» sottolinea Matteo Piovella, presidente SOI
La diffusione del Coronavirus in tempo reale
Al 14 febbraio 2020 sono 64.447 i casi di Coronavirus confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 7.116 mentre i morti sono saliti a 1.384. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.
Coronavirus, Speranza ai ministri della Salute UE: «Insieme possiamo farcela, ma servono prudenza e coraggio»
«Il 20% dei pazienti può avere bisogno di terapia intensiva e assistenza respiratoria. Sono numeri che possono mettere in difficoltà anche i servizi sanitari europei. E se il virus arriva in Africa, le conseguenze potrebbero essere molto gravi»
Coronavirus, impennata di casi. E l’OMS scrive il piano d’azione su ricerca e risorse per affrontare l’epidemia
Il direttore generale dell'OMS Ghebreyesus: «L'epidemia è un test di solidarietà politica, finanziaria e scientifica. Dobbiamo lavorare insieme per sconfiggere un nemico comune che non rispetta i confini nazionali»
Coronavirus, in farmacia crescita a tre cifre per la vendita di mascherine e igienizzanti per mani
Le vendite di mascherine hanno iniziato a crescere nella settimana del 20 gennaio, più che quadruplicando rispetto alla settimana precedente, passando da un fatturato di 42mila euro a 180mila euro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano