Salute 17 ottobre 2018

Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»

Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

«I medici sanno benissimo che questo è un governo dalla loro parte». Mentre i camici bianchi protestano in piazza Monte Citorio per il mancato rinnovo del contratto, il ministro Grillo lancia messaggi rassicuranti alla categoria, anche se si trova alle prese con il problema della scarsità di risorse per il settore che la manovra finanziaria del Governo Conte non ha risolto.

LEGGI ANCHE: RINNOVO DEL CONTRATTO E DIFESA DELLA SANITA’ PUBBLICA, I MEDICI SCENDONO IN PIAZZA. SIT IN A MONTECITORIO: «COSI’ IL SSN MUORE»

La titolare della Salute ha incontrato i giornalisti all’Auditorium del Ministero di Lungotevere Ripa a margine della presentazione dell’operazione dei NAS dei Carabinieri “Estate tranquilla 2018” che ha visto l’Arma effettuare in tutta Italia 3.741 ispezioni presso centri estivi, gelaterie, agriturismi, villaggi turistici, campeggi, discoteche, stabilimenti balneari, posti di ristoro, strutture ricettive per anziani e di ricovero e assistenza sanitaria, ma anche in pescherie e depositi di prodotti ittici. Un’attività, quella dei Nas, che è stata lodata dal ministro Grillo, che ha sottolineato la necessità di informare i cittadini sull’importanza di questi controlli, anche in ambito sociosanitario.

CONTRATTO MEDICI

Ma l’attenzione era tutta per il Ministro e per i temi di questo autunno caldo della sanità. A partire dal rinnovo del contratto della dirigenza medica. «È un contratto che è stato stipulato sotto un precedente governo, sul quale si presume che non vi fossero delle coperture – sottolinea Grillo -. Adesso sono emersi dei problemi sulle coperture, vedremo cosa possiamo fare ma è un problema che è stato creato dai nostri predecessori. Chi ha firmato quel contratto almeno ne doveva essere consapevole. Troveremo soluzioni nei limiti delle risorse disponibili».

NUMERO CHIUSO MEDICINA

Dopo il caos di ieri, quando Palazzo Chigi ha prima annunciato l’abolizione del numero chiuso a Medicina per poi correggersi con «è un obiettivo di medio periodo», il Ministro è tornata sul tema sottolineando la necessità di un percorso graduale che possa poi arrivare all’abolizione, ma sempre consultando la CRUI e le università che poi dovranno gestire l’afflusso di studenti. «Avevo detto – spiega Grillo – che era mia intenzione rivedere la modalità di selezione che non sia più basata solo sul quiz che a mio avviso non è un modello meritocratico e che contestualmente andava rivisto il numero chiuso anche perché noi dobbiamo programmare un numero di medici che poi dev’essere anche allineato con gli specialisti, non bisogna disallineare troppo. Capite bene che se io non faccio un tavolo con il Miur e un tavolo con le università non vi posso anticipare queste soluzioni, ma i tempi mi sembrano maturi».

LEGGI ANCHE: CAOS NUMERO CHIUSO: TRA ANNUNCI DI ABOLIZIONE E ONDATE DI RICORSI

FONDO SANITARIO

Altro tema spinoso, quello del finanziamento del fondo sanitario: sindacati e regioni spingono affinché sia incrementato di almeno 2,5 miliardi, ma per il momento l’aumento è quello già fissato dal precedente governo, 1 miliardo per il 2019, che arriveranno a 2 miliardi nel 2020. «Ci vuole una programmazione più lunga, né è pensabile esaurire un intero programma elettorale in tre mesi e in una sola legge di Bilancio. Cercherò di trovare comunque altre coperture al di fuori del fondo sanitario nazionale per realizzare alcune cose a me care, soprattutto l’abolizione del superticket. Se non arriveremo a fare l’abolizione totale sicuramente riusciremo a recuperare più risorse dei famosi 60 milioni della vecchia legge di Bilancio».

CARENZA DI MEDICI

Le notizie più importanti arrivano sul fronte della carenza di medici, un tema che sta diventando sempre più di attualità con numerosi concorsi che vanno deserti in tutta Italia. Il Ministro sposa la proposta delle regioni, cioè quella di utilizzare già dal quinto anno del corso di specialità specialisti anestesisti, cardiologi, radiologi che sono le specializzazioni più in sofferenza. E ha confessato che ad ostacolare questa prospettiva è il Miur: «Ci sono obiezioni che arrivano dal Miur che rispetto ma non è con le obiezioni che io assicuro le 24 ore in un reparto di anestesia. Questa è una delle tante soluzioni percorribili. Bisogna rispondere all’esigenza di tenere in piedi i servizi pubblici se vogliamo che esista ancora una sanità pubblica». Un problema, quello della carenza, che vale anche per la Medicina generale, e anche qui sono in arrivo soluzioni nuove: «Abbiamo un problema – aggiunge il Ministro – anche di bandi di medicina convenzionata che vanno deserti, quindi si deve attuare l’attivazione del part time che è prevista dalla direttiva europea sulla medicina generale. Abbiamo cittadini senza medici di base. Per la programmazione futura dobbiamo cercare di aumentare nell’immediato il numero delle borse di studio e di riformare il percorso post laurea».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, L’ASSESSORE ARRU (SARDEGNA): «CON QUOTA CENTO RISCHIO BOOM DI PENSIONAMENTI. AUMENTARE BORSE DI STUDIO PER MMG»

Articoli correlati
I sindacati della dirigenza medica e sanitaria sospendono lo sciopero ma mantengono lo stato di agitazione
Nel corso dell'incontro con l'intersindacale, il ministro della Salute Giulia Grillo ha mostrato l'emendamento che annulla la retroattività del comma 687 della Legge di Bilancio e si è impegnata a far convocare i sindacati dall'Aran. Sul tavolo, anche confronto per lo sblocco della RIA
Quasi 6 miliardi la spesa delle strutture sanitarie pubbliche nel 2017 per i dispositivi medici
L’aumento rispetto all’anno precedente è del 2,6%. Oltre un milione gli apparecchi censiti
Spot risarcimenti, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Azione sistematica contro i medici allontana i migliori professionisti e danneggia SSN»
L’assessore lombardo parla anche del grande tema dell’autonomia: «Serve a responsabilizzare i territori e a dare una premialità a coloro che sanno gestire al meglio le risorse e fare efficienza». Sulle risorse: «SSN in questi anni ha avuto finanziamenti non adeguati rispetto alle attività che si svolgono. 114 miliardi corrispondono al 6,6 percento del Pil, mentre la media europea è del 8,5%»
di Federica Bosco
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Contratto medici, sindacati soddisfatti da incontro Funzione Pubblica, ma per ora scioperi confermati
Un emendamento al decreto Semplificazione, in discussione al Senato martedì 22, posticiperà gli effetti del comma 687 della legge di Bilancio al contratto 2019-2021. Ma rimane il nodo della RIA, su cui c'è il blocco del ministero dell'Economia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano