Politica 15 Ottobre 2018

Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»

Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità

Immagine articolo

Invecchiamento della popolazione, aumento delle malattie croniche e delle polipatologie. È una delle sfide della sanità italiana e una delle priorità dell’Assessore alla Sanità della Regione Sardegna Luigi Benedetto Arru, alle prese in questi mesi con un piano di riordino della rete ospedaliera sarda fortemente contestato dalle opposizioni ma che lui difende con passione. «O noi affrontiamo i problemi anticipandoli o altrimenti il sistema sanitario italiano si troverà in grosse difficoltà», afferma Arru a Sanità Informazione a margine del 75esimo Congresso Fimmg a Chia. L’assessore poi mette in guardia sul tema della carenza di medici, una problematica che per ora non tocca la sanità isolana (la Sardegna è la regione italiana con il più alto numero di medici per 10mila abitanti), ma che rischia di esplodere con la prossima riforma delle pensioni: «Dobbiamo monitorare perché se sono veri gli allarmi sul cambiamento della formula di pensionamento rischieremmo di trovarci una crisi per il numero di soggetti che andrebbero via con la quota cento».

Assessore, anche quest’anno il Congresso FIMMG si è svolto in Sardegna, che impressione ha avuto?

«Una sensazione di vitalità estremamente positiva. Lo stimolo è l’effetto trainante del segretario Scotti per cercare di risolvere uno dei problemi che si sta trascinando da anni: il ruolo fondamentale della medicina generale in un contesto che vede il rapido invecchiamento della popolazione e una policronicità delle patologie. O noi, come è stato detto molto chiaramente da terze parti come la CGIA di Mestre o dall’Inps, affrontiamo i problemi anticipandoli o altrimenti il sistema sanitario italiano si troverà in grosse difficoltà. Ho trovato un sistema molto disponibile a ragionare, speriamo che si arrivi rapidamente a un contratto nazionale. Noi come regioni siamo pronti a modificare l’accordo integrativo regionale con nuove risorse per cercare di arrivare a forme di medicina in gruppo, multiprofessionale perché questo tipo di squadre sono necessarie per affrontare questo cambiamento importante dell’età media della popolazione e delle polipatologie».

LEGGI ANCHE: PENSIONAMENTI E POCHE ASSUNZIONI, I NUMERI DELLA CARENZA DEI MEDICI DI FAMIGLIA REGIONE PER REGIONE

Un tema che riguarda anche i medici di medicina generale è quello della carenza di camici bianchi. Nella vostra regione si sente questo problema?

«La Regione sarda ha una particolarità: ha un numero di medici, secondo il dato del ministero, più alto delle regioni italiane per diecimila abitanti. Li abbiamo mal distribuiti, c’è anche in Sardegna il fenomeno della curva demografica per cui c’è un’età media avanzata, stiamo cercando di ragionare e di mettere risorse aggiuntive per avere più medici di medicina generale, più medici dell’emergenza urgenza. È fondamentale. Penso che una delle azioni che dovrebbe fare più rapidamente possibile il governo è trovare una corrispondenza superiore tra numero di laureati e numero di posti nelle scuole di specializzazione così come forse è da aumentare, è già stato fatto un passaggio importante anche grazie all’accordo con il collega Saitta in rappresentanza degli assessorati, il numero di borse disponibili per il corso di formazione in medicina generale. Ma sicuramente dobbiamo monitorare perché se sono veri gli allarmi sul cambiamento della formula di pensionamento rischieremmo di trovarci una crisi per il numero di soggetti che andrebbero via con la quota cento».

Lei sta portando avanti un piano di riordino della rete ospedaliera che ha suscitato diverse reazioni e anche delle osservazioni del ministero. Sono rientrate queste osservazioni?

«Le osservazioni del Ministero sono paradossalmente per un eccesso di assistenza, per un eccesso di frammentarietà. Il vero problema in Sardegna non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti. Quindi la percezione dei cittadini è quella di avere un sistema di questo tipo qui. Noi cerchiamo di informarli che non è un corretto modo di fare sanità e di offrire salute ai cittadini. È difficile ma stiamo cercando di farlo capire».

Articoli correlati
«I dati di Borrelli sono drogati, e non chiamateci eroi dopo aver reso miserabile la sanità». Lo sfogo (virale) di un medico sul web
L’intervista a Fabrizio Lucherini: «A troppe persone sintomatiche è stato rifiutato il tampone, il tasso di mortalità non può essere calcolato se il denominatore è sbagliato». Poi aggiunge: «Questa è una guerra che lascerà dietro di sé macerie 2.0. Servirà una Costituente per cambiare tante cose di questa Italia»
«E io dico che non siamo eroi»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
Cisl Medici Lazio, lettera all’assessore D’Amato: «Riaprire Forlanini, nominare Commissario e garantire DPI a tutti gli operatori sanitari»
In relazione all’emergenza sanitaria da coronavirus, di seguito la lettera aperta all’Assessore alla Sanità del Lazio da parte del Segretario generale della Cisl Medici Lazio Dottor Cifaldi e del Segretario generale della Cisl Roma Capitale/Rieti Dott Magliozzi. «Lungi da noi la pretesa, in momenti così densi di impegni, di ricevere dai soggetti istituzionali del Lazio […]
Coronavirus, arrivano i rinforzi: 20mila assunzioni in sanità. Il decreto-legge adottato dal CdM
Previsti l’assunzione di medici specializzandi ed il conferimento straordinario di incarichi di lavoro autonomo a personale sanitario in pensione. In arrivo 5mila impianti per la ventilazione assistita per potenziare i reparti di terapia intensiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...