Salute 11 Giugno 2018

Congresso SMI, Onotri riconfermata Segretario: «Declino sanità per privatizzazioni, tagli e decentramento»

A Napoli l’assise del Sindacato Medici Italiani aperto dal saluto del Ministro della Salute Giulia Grillo. Affondo contro la corruzione: «Ogni singolo atto corruttivo è un attacco al nostro SSN. Tutti i medici devono essere chiamati a sostenere il merito nella Sanità e a denunciare eventuali episodi che squalificano la categoria»

In 10 anni di tagli alla sanità pubblica, sono stati persi 70mila posti letto. Con un rapporto di 3,7 per mille per abitante, contro il 6 della Francia e l’8 della Germania. La denuncia arriva dal Sindacato dei medici italiani, SMI, che si è riunito a Napoli per il Congresso nazionale. Un Congresso arrivato in un momento delicato per il sindacato che nei giorni scorsi ha subito una drammatica spaccatura tra il gruppo del Segretario Generale Pina Onotri e i seguaci del presidente Lino Puzzonia che ha convocato un contro-congresso a Tivoli negli stessi giorni.

A Napoli è stata approvata per acclamazione la mozione del Segretario e, fanno notare, tutte le fasi del Congresso sono state seguite e verbalizzate dalla presenza di un notaio del Collegio di Napoli. La Onotri è stata riconfermata Segretario Generale.

LEGGI ANCHE: CAOS SMI, PARLA LA VICESEGRETARIA TRIOZZI: «ONOTRI SFIDUCIATA, NON SIAMO NOI FRONDA»

Oltre 190 i delegati nazionali, quasi il 60% del totale, che, secondo i vertici SMI, legittimano la linea di fermezza del Segretario Nazionale. Ma al centro del Congresso, aperto dai saluti del Ministro della Salute Giulia Grillo, il delicato momento che vive la sanità italiana. «Il declino della sanità – spiega Onotri – è dovuto, tra le altre cose, ai tagli selvaggi, all’aziendalizzazione, al decentramento, alle privatizzazioni». I numeri parlano da soli, indica lo Smi: «La riduzione dei posti letto con la crisi dei Pronto soccorso e le scene da trincea sono solo la punta dell’iceberg. La realtà è che il lavoro in sanità è sempre più incerto. Nel Ssn il ricorso al precariato è cresciuto tra il 2014 e il 2015 di circa 3.500 unità per complessivi 43.763 lavoratori, tra cui 9.500 medici, 1500 solo in Sicilia». Nel corso del convegno inoltre è stato ricordato che in un futuro molto vicino, il pensionamento del personale sanitario, e il mancato rimpiazzo, (19.000 medici generalisti e 55.000 specialisti), porterà «alla scomparsa dei servizi sanitari per i cittadini».

LEGGI ANCHE: SMI NEL CAOS, CONVOCATI DUE CONGRESSI CONTRAPPOSTI. IL SEGRETARIO PINA ONOTRI: «MALDESTRO TENTATIVO DI DELEGITTIMAZIONE»

In apertura dei lavori, la Onotri ha manifestato il suo apprezzato per la scelta di un medico come ministro: «Apprezziamo la nomina di Giulia Grillo a Ministro della Sanità: finalmente un medico dopo anni di oscurantismo!».

«Dobbiamo essere attenti – ha affermato Onotri –  e prestare il massimo impegno per portare lo SMI in ogni settore della Sanità: da quello dei medici di assistenza primaria, della medicina in continuità assistenziale, medici del 118, dirigenti sanitari, pediatri e specialisti ambulatoriali, fino a tutto il sistema pubblico e privato sostenendo le nuove importanti responsabilità che il Sistema Paese chiede a tutta la professione medica». Nella relazione, anche un passaggio sul tema della corruzione: «Il sindacato SMI è in prima fila contro il ‘cancro’ della corruzione nel settore della sanità. Ogni singolo atto corruttivo è un attacco al nostro SSN. Tutti i medici devono essere chiamati a sostenere il merito nella Sanità e a denunciare eventuali episodi che squalificano la categoria».

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo, Sileri (M5S): «Un peccato bloccare le tante cose da fare per la sanità»
Il presidente della Commissione Sanità di Palazzo madama commenta la crisi di governo e i suoi riflessi sulla sanità: «Molto del lavoro di questi 14 mesi rischia di essere buttato: penso ai nuovi provvedimenti sui vaccini, a quello che bisognava ancora fare per i contratti dei medici, all’intramoenia per gli infermieri, penso a tutti i temi legati alla formazione dei camici bianchi, penso alle borse di specializzazione per il prossimo anno. Tantissime cose che ora trovano uno stop che il comparto sanitario non meritava»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone