Salute 4 giugno 2018

SMI nel caos, convocati due congressi contrapposti. Il Segretario Pina Onotri: «Maldestro tentativo di delegittimazione»

Fronda convoca assise generale a Tivoli e chiede sfiducia del segretario generale. Che però ribatte: «Tribunale di Roma ci dà ragione, convocazione priva di valenza giuridica»

È caos all’interno dello SMI, il Sindacato Medici Italiani guidato dal medico di famiglia Pina Onotri. Accanto al Congresso ufficiale, convocato a Napoli l’8 e il 9 giugno prossimi, un gruppo dirigente ha convocato un congresso alternativo all’Hotel Duca d’Este Tivoli quasi negli stessi giorni, il 9 e 10 giugno. Il gruppo chiede la sfiducia della Onotri sottolineando di avere dalla propria parte la maggioranza dei consiglieri nazionali Smi con 164 firme su 300.

LEGGI ANCHE: MMG E SPECIALIZZANDI, PINA ONOTRI (SMI): «NECESSARIA PARI DIGNITA’. SE NON SI INTERVIENE CI PENSERANNO I GIUDICI»

Dunque due appuntamenti, promossi con comunicazioni alla stampa che si accreditano, in ambedue i casi, come ufficiali. La Onotri però non ci sta: «L’unico congresso dello Smi, come stabilisce anche il giudice, è quello che si terrà a Napoli, non ci sono altri appuntamenti ufficiali»,  spiega la Onotri che ammette: «C’è stato un tentativo maldestro di delegittimazione del Segretario generale, in un frangente molto delicato della vita politica del nostro Paese, momento che vede la nascita del governo del cambiamento, dove il ministro della Salute è finalmente un medico e dove si stigmatizza, in maniera incontrovertibile, che è ora che la politica esca fuori dalla sanità».

La Onotri ha sottolineato di avere dalla propria parte anche la decisione del Tribunale di Roma: «Questa mattina – ha precisato Onotri – è stato notificato al Sindacato medici italiani un decreto emesso dal Tribunale di Roma in base al quale è stata sospesa la delibera adottata durante la riunione del 21 e 22 aprile a Tivoli Terme Hotel Duca D’Este e quindi privata di qualsiasi valenza giuridica. Pertanto ogni atto compiuto in virtù di tale decisione, come ho comunicato questa mattina ai consiglieri nazionali, è privo di qualsivoglia effetto giuridico, così come il Congresso nazionale straordinario indetto a Tivoli il 9-10 giugno».

Secondo la Onotri il caos interno deriverebbe da una decisione adottata dal Collegio dei probiviri che ha deciso la sospensione di alcuni alti dirigenti sindacali e l’espulsione di altri. All’origine della fronda, secondo Onotri, ci sarebbe «il percorso di trasparenza e condivisione nella gestione amministrativa e patrimoniale della nostra organizzazione». In particolare con la costituzione del sindacato come parte civile, in un procedimento penale, per sospetta appropriazione indebita dei fondi. «Per questo – aggiunge la Onotri – è stato messo in atto il tentativo di paralizzare le comunicazioni dello Smi verso i propri iscritti e verso le istituzioni. L’attuale querelle ha portato, a fini di tutela, al blocco dei conti del sindacato. Sono in corso, una serie di manovre in alcune regioni (Veneto, Lombardia, Campania, Lazio, Umbria, Marche, Basilicata, Puglia, Piemonte, Liguria,Toscana, Val d’Aosta) ree di chiedere maggiore trasparenza sui conti del sindacato e una diversa modalità di gestione organizzativa. Queste manovre puntano a bloccare i Congressi regionali regolarmente convocati a norma di statuto, dai presidenti regionali in carica, con l’obiettivo di impedire l’elezione dei delegati congresso nazionale», conclude Onotri.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sunshine Act, approvate soglie minime per le donazioni: per il singolo medico sarà di 50 euro. Provenza (M5S): «Trasparenza per correggere corruzione»
La cifra sale a 500 euro per le organizzazioni sanitarie. Il relatore: «Evitato il pericolo che il testo venisse svuotato della sua enorme portata innovativa»
Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”
Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]
Comma 687, Onotri (SMI): «Bisogna abrogarlo e riattivare delega a governo per trattative con personale SSN»
Il segretario generale del sindacato ha incontrato la presidente della Commissione Lavoro del Senato Catalfo: «Abbiamo chiesto di superare con urgenza lo stallo attuale e la convocazione in tempi brevi del tavolo Aran-sindacati. Medici e dirigenti amministrativi non possono stare nello stesso calderone di contrattazione». A margine dell’incontro anche il tema dei medici Inps: «C’è forte volontà politica di arrivare ad un accordo collettivo nazionale in convenzione»
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Regione Lazio, Walter Ricciardi consigliere per ricerca e innovazione. Zingaretti: «Onorato che un grande scienziato come lui abbia dato disponibilità»
L’ex presidente dell’Iss collaborerà a titolo gratuito. Il governatore del Lazio: «Sono onorato che un grande medico e protagonista della scienza italiana metta a disposizione a titolo gratuito la propria esperienza e competenza per la nostra comunità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano