Salute 4 Giugno 2018 17:49

SMI nel caos, convocati due congressi contrapposti. Il Segretario Pina Onotri: «Maldestro tentativo di delegittimazione»

Fronda convoca assise generale a Tivoli e chiede sfiducia del segretario generale. Che però ribatte: «Tribunale di Roma ci dà ragione, convocazione priva di valenza giuridica»

È caos all’interno dello SMI, il Sindacato Medici Italiani guidato dal medico di famiglia Pina Onotri. Accanto al Congresso ufficiale, convocato a Napoli l’8 e il 9 giugno prossimi, un gruppo dirigente ha convocato un congresso alternativo all’Hotel Duca d’Este Tivoli quasi negli stessi giorni, il 9 e 10 giugno. Il gruppo chiede la sfiducia della Onotri sottolineando di avere dalla propria parte la maggioranza dei consiglieri nazionali Smi con 164 firme su 300.

LEGGI ANCHE: MMG E SPECIALIZZANDI, PINA ONOTRI (SMI): «NECESSARIA PARI DIGNITA’. SE NON SI INTERVIENE CI PENSERANNO I GIUDICI»

Dunque due appuntamenti, promossi con comunicazioni alla stampa che si accreditano, in ambedue i casi, come ufficiali. La Onotri però non ci sta: «L’unico congresso dello Smi, come stabilisce anche il giudice, è quello che si terrà a Napoli, non ci sono altri appuntamenti ufficiali»,  spiega la Onotri che ammette: «C’è stato un tentativo maldestro di delegittimazione del Segretario generale, in un frangente molto delicato della vita politica del nostro Paese, momento che vede la nascita del governo del cambiamento, dove il ministro della Salute è finalmente un medico e dove si stigmatizza, in maniera incontrovertibile, che è ora che la politica esca fuori dalla sanità».

La Onotri ha sottolineato di avere dalla propria parte anche la decisione del Tribunale di Roma: «Questa mattina – ha precisato Onotri – è stato notificato al Sindacato medici italiani un decreto emesso dal Tribunale di Roma in base al quale è stata sospesa la delibera adottata durante la riunione del 21 e 22 aprile a Tivoli Terme Hotel Duca D’Este e quindi privata di qualsiasi valenza giuridica. Pertanto ogni atto compiuto in virtù di tale decisione, come ho comunicato questa mattina ai consiglieri nazionali, è privo di qualsivoglia effetto giuridico, così come il Congresso nazionale straordinario indetto a Tivoli il 9-10 giugno».

Secondo la Onotri il caos interno deriverebbe da una decisione adottata dal Collegio dei probiviri che ha deciso la sospensione di alcuni alti dirigenti sindacali e l’espulsione di altri. All’origine della fronda, secondo Onotri, ci sarebbe «il percorso di trasparenza e condivisione nella gestione amministrativa e patrimoniale della nostra organizzazione». In particolare con la costituzione del sindacato come parte civile, in un procedimento penale, per sospetta appropriazione indebita dei fondi. «Per questo – aggiunge la Onotri – è stato messo in atto il tentativo di paralizzare le comunicazioni dello Smi verso i propri iscritti e verso le istituzioni. L’attuale querelle ha portato, a fini di tutela, al blocco dei conti del sindacato. Sono in corso, una serie di manovre in alcune regioni (Veneto, Lombardia, Campania, Lazio, Umbria, Marche, Basilicata, Puglia, Piemonte, Liguria,Toscana, Val d’Aosta) ree di chiedere maggiore trasparenza sui conti del sindacato e una diversa modalità di gestione organizzativa. Queste manovre puntano a bloccare i Congressi regionali regolarmente convocati a norma di statuto, dai presidenti regionali in carica, con l’obiettivo di impedire l’elezione dei delegati congresso nazionale», conclude Onotri.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Quanto guadagnano i medici di medicina generale?
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 582.020.558 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.412.807 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale