Salute 26 Maggio 2022 17:32

Congresso Sio, Paludetti e Cuda: «Gli otorini non sono più solo medici di otiti e tonsille»

5 milioni e 900mila italiani – 1 su 10 – in ambulatorio ORL nel 2021. 230.000 interventi chirurgici, 136.000 nuovi ricoveri e 9900 nuove diagnosi di tumori testa collo con prevalenza maschile 2.5 : 1. I dati dal Congresso Sio 2022

Congresso Sio, Paludetti e Cuda: «Gli otorini non sono più solo medici di otiti e tonsille»

Alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e di numerose altre cariche istituzionali tra le quali il presidente ISS Silvio Brusaferro, si è aperto al Centro La Nuvola di Roma il 108° Congresso nazionale della Società italiana di OtorinoLaringoiatria e Chirurgia Cervico Facciale (SIOeCHCF) che durerà fino a sabato 28 maggio, presieduto dal prof. Gaetano Paludetti, Presidente del Congresso.

Il Congresso, che celebra anche il 130° compleanno della Società scientifica, affronta tutte le specialità medico chirurgiche di una disciplina complessa che abbraccia le competenze audiofoniatriche, dalla laringe alla sordità fino alle apnee notturne OSAS e alle vertigini ma, anche e soprattutto, la chirurgia e i tumori del distretto testa collo, dal melanoma del volto al neurinoma dell’acustico.

Gli otorini oggi coprono l’intera Area Testa Collo

«Per molti lo specialista ORL è ancora colui che deve essere valutato per quante tonsille opera o per quante otiti diagnostica – spiega il presidente del Congresso, professor Gaetano Paludetti, Direttore Dipartimento Universitario Testa collo Organi di Senso e Direttore Sezione di Otorinolaringoiatria Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma -. In realtà, oggi, copriamo l’intera Area Testa Collo: da un’oncologia complessa e difficile specie dal punto di vista chirurgico, all’applicazione di protesi impiantabili come gli impianti cocleari, dispositivi medico elettronici sviluppati per persone con perdita dell’udito da grave a profonda. L’impianto, in particolare, trasforma i suoni in segnali elettrici inviati direttamente al nervo acustico così da aggirare le aree danneggiate dell’orecchio. Ma ci occupiamo anche delle patologie mediche e, soprattutto, chirurgiche dell’orecchio medio, interno e della base cranica laterale, di tutte le patologie del naso dei seni paranasali e della base del cranio anteriore, dei disturbi ostruttivi del sonno, delle patologie delle ghiandole salivari ed infine anche di problematiche estetiche del volto. Rientrano nella specialità anche i trattamenti riabilitativi e, quindi, non chirurgici dei disturbi della voce, dell’udito e del linguaggio. Come si vede, si tratta di un ventaglio molto ampio di problematiche che rende la nostra specialità spesso difficile da inquadrare anche da parte dei legislatori che talvolta non sembrano ben comprenderne i confini».

Gli otorini eseguono ogni anno 230.000 interventi chirurgici

«L’otorinolaringoiatria è, essenzialmente, una disciplina chirurgica della testa e del collo – ribadisce il presidente SIOeCHCF, dottor Domenico Cuda, Direttore UOC di Otorinolaringoiatria Ospedale “Guglielmo da Saliceto” di Piacenza – I nostri specialisti eseguono ogni anno circa 230.000 interventi chirurgici. Quotidianamente nei nostri reparti sono eseguiti interventi sulle ghiandole salivari maggiori come la parotidectomia, sulla tiroide, interventi di asportazione di cisti del collo, linfoadenoctomie, tracheotomie. Dagli otorinolaringoiatri è eseguita poi la maggior parte delle procedure di chirurgia oncologica di questi distretti come laringectomia, svuotamenti linfatici, resezioni del cavo orale e della faringe. In molti centri sono praticate complesse procedure chirurgiche per le patologie della base cranica laterale e anteriore, territori di confine con la disciplina neurochirurgica. Sono, inoltre, diffusamente eseguiti interventi sull’orecchio che spaziano dalla cosiddetta bionica uditiva a interventi sul naso e sulle cavità paranasale oltre, infine, ad alcune procedure ‘minori’ come la tonsillectomia e l’adenoidectomia. Tale attività chirurgica richiede molto spesso il supporto di tecnologia dedicata come microscopi, esoscopi, endoscopi ad alta definizione, robot, navigatori, laser di differente natura per risultati più accurati e sicuri».

«Il futuro dell’otorinolaringoiatria è già qui»

L’attività dell’otorinolaringoiatra, però, non si esaurisce nel campo chirurgico. Essa contempla anche raffinate diagnosi strumentali, endoscopiche, funzionali e la pianificazione di programmi riabilitativi attuati da altri professionisti sanitari come audioprotesisti e logopedisti ed è fortemente orientata ai temi della prevenzione e dell’educazione sanitaria. Coerentemente a questa vocazione nel 2021 abbiamo organizzato iniziative di prevenzione oncologica sulle tumefazioni del collo e sui tumori del cavo orale. Recependo, poi, le raccomandazioni dell’OMS il 1° aprile di quest’anno siamo inoltre andati nelle scuole per allertare i nostri giovani sui rischi per l’udito derivanti dall’ascolto di musica ad alto volume e abbiamo messo a disposizione le nostre strutture per uno screening gratuito. In sostanza ci prepariamo al futuro, alla sanità che viene ridisegnata con i DM70 e 71 del Ministero della Salute. Siamo pronti alla medicina di precisione sia nelle terapie mediche con i nuovi farmaci biologici per la poliposi o per l’oncologia, sia nelle terapie chirurgiche con dispositivi impiantabili personalizzabili e robot sempre più performanti. Siamo pronti a forme più mature di telemedicina. Ecco, il futuro dell’otorinolaringoiatria è già qui».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giorni della ricerca, Mattarella e Speranza: «Priorità è sconfiggere il cancro»
Il presidente Mattarella e il ministro Speranza ai "Giorni della Ricerca" di AIRC. Lotta contro il cancro priorità per recuperare diagnosi e cure perse in pandemia: nei primi 5 mesi dell'anno 55% di screening in meno per carcinoma mammario
Giorni della Ricerca, Mattarella: «Cancro non è andato in lockdown»
Il ministro Speranza ha aggiunto: «Previsto un ulteriore finanziamento di 50 milioni l'anno per gli Irccs e la ricerca contro il cancro»
Emergenza Covid-19, Mattarella consegna onorificenze al merito ai cittadini che si sono distinti
«Tutti siamo chiamati a contribuire a sconfiggere la pandemia e la diffusione del contagio e del virus». Così il Presidente Mattarella in occasione della consegna al Quirinale delle onorificenze di Cavaliere dell'OMRI ai cittadini che si sono distinti durante la pandemia
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
70° anniversario della Giornata mondiale della Salute: «Grazie agli operatori sanitari per quel che fanno contro Coronavirus»
In occasione della ricorrenza del 70° anniversario della Giornata mondiale della Salute, dedicata agli infermieri e alle ostetriche, il Capo dello stato Sergio Mattarella e il ministro della Salute Roberto Speranza hanno rilasciato dichiarazioni con parole di ringraziamento per gli operatori sanitari. In particolare il Capo dello Stato nella dichiarazione pubblicata sul sito del Quirinale, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali