Salute 10 Aprile 2020

Conferenza Iss, il presidente Brusaferro: «Effetto trascinamento sul numero dei morti, tra contagio e decesso da 2 a 5 settimane»

Il presidente del Css Locatelli: «In un giorno 850mila tamponi, presto pronti test sierologici». Oltre 14mila i lavoratori della sanità contagiati: 1022 i medici ospedalieri, 2.027 gli infermieri e 1.466 gli Oss

di Gloria Frezza
Immagine articolo

«Il quadro di decrescita della curva epidemica rimane costante ed è positivo, a dimostrazione che le azioni sono efficaci nel rallentare la diffusione dell’epidemia di Covid-19 nei contesti dove la circolazione è diversa». Comincia la conferenza romana con una bella notizia, il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) Silvio Brusaferro. Tutte le regioni italiane, a partire dalle più colpite, confermano il trend decrescente, mentre la letalità complessiva si conferma al 12,2%.

L’età media dei pazienti deceduti è 80 anni, di cui il 63% aveva più di tre patologie pregresse e solo il 32% era di sesso femminile. Le Rsa pagano il prezzo maggiore, con 3.859 morti, di cui il 40% nelle ultime tre settimane. Rispetto ai numeri ancora alti di morti, solo ieri 610, Brusaferro ha parlato di “effetto trascinamento”: «L’intervallo tra contagio e decesso è molto lungo – ha ribadito –, va dalle due alle cinque settimane». Essenziale ora è che la curva non riparta e, anche per questo, ha invitato a una Pasqua di distanziamento e rispetto delle regole.

LEGGI ANCHE: COVID-19, CLAVENNA (MARIO NEGRI): «RIPARTENZA DIFFERENZIATA TRA REGIONI PUO ESSERE UTILE. SU IDROSSICLOROCHINA DATI CONTRASTANTI»

Nella giornata di ieri era stata rilevata una lieve risalita dei contagi, e sul numero è intervenuto il presidente del Consiglio superiore di Sanità (Css), Franco Locatelli. «Non bisogna dimenticare – ha chiarito in conferenza – che con più tamponi i soggetti positivi aumentano. Ieri ne sono stati fatti più di 850mila. Oltre 126 laboratori li stanno eseguendo con l’obbiettivo di accorciare ulteriormente i tempi».

I tamponi non sono gli unici test di cui si discute: anche gli studi di sieroprevalenza sono al centro del dibattito verso la “Fase 2”. Il dottor Locatelli ha chiarito che prima di poter avviare i lavori «la raccolta dei campioni in riferimento ai laboratori dovrà essere presente in ogni regione», e sarà prima possibile anche se una data non c’è ancora.

Sul test già implementato al Policlinico S. Matteo di Pavia Locatelli ha aggiunto: «Si tratta di uno degli strumenti, che siamo felici sia stato validato in un laboratorio importante. Ma le caratteristiche dei test e dello studio saranno forniti dal Comitato Tecnico-Scientifico». I test sierologici dovranno presentare elevata specificità e sensibilità, capacità di applicazione su larga scala e di processare rapidamente un alto numero di campioni.

Misure al passo con ogni nuova ricerca che provi a trovare un modo per arginare il Coronavirus. In questi giorni due studi, uno dall’università di Catania e l’altro dal Nord America, hanno sottolineato una correlazione tra polveri sottili e infezioni da Covid-19. «Non li sottovalutiamo, ma non possiamo trarre conclusioni» ha evidenziato Locatelli. «Avevamo anche da prima delle evidenze che mostravano un legame tra polveri sottili e infezioni respiratorie – ha aggiunto Brusaferro – ma il dato si riferiva anche ai bambini, tra i più colpiti, che invece sembrano i più “al sicuro” con il Covid-19».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, COSA SUCCEDERÀ NEI PROSSIMI 150 GIORNI? LE PROIEZIONI DI IQVIA

Quel che invece è apparso chiaro, secondo il direttore dell’Iss, studiando i focolai nelle zone rosse, è che a soffrire una più rapida diffusione del virus sono le zone con una maggiore densità abitativa e interconnessione tra i territori, il che spiegherebbe anche le differenze regionali.

In conferenza anche il direttore del dipartimento epidemiologia e lavoro dell’Inail e membro del Cts, Sergio Iavicoli, che riporta il focus sul sacrificio dei lavoratori della sanità. Sono 109 i morti e oltre 14mila i casi di contagiati ad oggi, con un’età media di 48 anni: 1022 i medici ospedalieri, 2.027 gli infermieri e 1.466 gli Oss.

«I rischi psicosociali sul lavoro – ha ribadito Iavicoli – sono un punto importante da affrontare. Per questo lanciamo un’iniziata con Cnop (Consiglio nazionale dell’Ordine degli psicologi) per il rispetto della gestione dello stress e la prevenzione del burnout degli operatori».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 304.323 (1.786 in più rispetto a ieri). 108.019 i […]
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi
Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...