Salute 9 Aprile 2020 14:00

Coronavirus, cosa succederà nei prossimi 150 giorni? Le proiezioni di IQVIA

Secondo la società leader nel campo dell’analisi dei dati in ambito medico, in Italia nei prossimi cinque mesi ci saranno tra i 184mila ed i 246mila casi di Covid-19

Secondo gli studi condotti da IQVIA, leader globale nel campo dell’analisi dei dati in ambito medico, l’Italia dovrebbe aver raggiunto il picco dell’epidemia. E se non lo ha fatto, lo raggiungerà il 16 aprile. La società, infatti, ha esaminato i numeri relativi all’epidemia dei principali Paesi colpiti (Stati Uniti, Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Spagna, Giappone e Canada) e fatto delle proiezioni su cosa accadrà nei prossimi 150 giorni secondo tre scenari: ottimista, normale e pessimista.

LEGGI IL RAPPORTO COMPLETO

Ebbene, secondo gli analisti, in Italia potremmo avere tra i 184mila ed i 246mila casi di Covid-19 nei prossimi 5 mesi. Ad ogni modo, la curva è destinata a scendere in modo verticale fino ad annullarsi presumibilmente nel mese di settembre. Dovrebbe essere ancora la Lombardia ad avere i numeri più alti, con una forbice di casi che oscilla tra i 60mila e gli 86mila.

Più alti i numeri della Spagna, dove la forbice tra “scenario ottimista” e “scenario pessimista” è più ampia: nei prossimi 150 giorni infatti potrebbero esserci tra i 168mila e i 345mila casi.

Ben diversa la proiezione fatta per gli Stati Uniti, dove il picco dovrebbe arrivare nella seconda metà di aprile. Negli States sono attesi nei prossimi 150 giorni tra i due e i tre milioni di casi, molti dei quali (tra i 670mila e il milione) concentrati nello stato di New York.

Anche la Germania dovrebbe raggiungere il picco nel mese di aprile e dovrà aspettarsi, nei prossimi 5 mesi, tra i 147mila ed i 200mila casi di Covid-19. Ancora in crescita per qualche giorno la curva dei casi in Francia, dove, infine, secondo le proiezioni potrebbero verificarsi tra i 117mila ed i 200mila casi.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.