Salute 17 Giugno 2022 13:43

Con Omicron il rischio Long Covid è più basso

Uno studio del King’s College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron

Con Omicron il rischio Long Covid è più basso

Sarà pure più contagiosa delle varianti del virus Sars-CoV-2 che l’hanno preceduta, ma Omicron sembrerebbe meno propensa a causare il Long Covid. Ad avanzare questa ipotesi è stato un gruppo di ricercatori del King’s College London, nell’ambito dello studio ZOE COVID Symptom. I risultati, pubblicati sulla rivista The Lancet, suggeriscono che sul lungo periodo la variante Omicron sia più «clemente» della variante Delta. Lo studio è il primo di questo genere ad aver superato il processo di revisione paritaria.

Con Omicron il rischio di Long Covid è tra il 20% e il 50%

Il Long Covid è una sindrome post-infezione caratterizzata dalla presenza di sintomi nuovi o in corso da più quattro settimane dopo l’inizio della malattia. Questi ultimi includono affaticamento, mancanza di respiro, perdita di concentrazione e dolore articolare. I sintomi possono influenzare negativamente le attività quotidiane e in alcuni casi possono essere gravemente limitanti. I ricercatori hanno scoperto che le probabilità di sperimentare il Long Covid con la variante Omicron sono tra il 20% e il 50% in meno rispetto alla variante Delta, a seconda dell’età e del tempo trascorso dalla vaccinazione.

La variante Delta ha il doppio delle probabilità di causare la sindrome post-infezione

Per arrivare a questo risultati i ricercatori hanno analizzato 56.003 casi di adulti nel Regno Unito risultati positivi per la prima volta tra il 20 dicembre 2021 e il 9 marzo 2022, quando Omicron era il ceppo dominante. I ricercatori hanno confrontato questi casi con 41.361 casi risultati positivi per la prima volta tra il 1 giugno 2021 e il 27 novembre 2021, quando la variante Delta era dominante. Ebbene, l’analisi mostra che solo il 4,4% dei casi di Omicron hanno portato al Long Covid, rispetto al 10,8% dei casi Delta.

Tra gennaio e maggio si è passati da 1,2 milioni a 2 milioni di casi Long Covid

Tuttavia, il numero assoluto di persone che hanno sperimentato il Long Covid è risultato più alto nel periodo Omicron. Questo perché da dicembre 2021 a febbraio 2022 un gran numero di persone sono state infettate da questa variante. L’Office of National Statistics del Regno Unito ha stimato che il numero di persone con Long Covid è effettivamente aumentato da 1,3 milioni nel gennaio 2022 a 2 milioni a partire dal 1 maggio 2022. «La variante Omicron sembra sostanzialmente meno avvezza a causare il Long Covid rispetto alle varianti precedenti, ma ancora 1 persona su 23 che contrae il Covid-19 continua ad avere sintomi per più di quattro settimane», dice Claire Steves del King’s College di Londra e tra le autrici principali dello studio. «Dato il numero di persone colpite, è importante continuare a offrire loro sostegno a lavoro, a casa e all’interno del SSN», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’antivirale Paxlovid riduce il rischio di Long Covid
L'antivirale Paxlovid sviluppato contro Covid-19, non solo riduce le probabilità di ospedalizzazione e morte, ma diminuisce anche il rischio di sviluppare il Long Covid. Almeno questo è quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento Veterans Affairs degli Stati Uniti
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
Long Covid, dopo 12 mesi crescono solo i sintomi psichiatrici
Uno studio tutto italiano condotto per 12 mesi denuncia un aumento dei sintomi psichiatrici. La Sinpf denuncia «una situazione difficilissima per la psichiatria italiana alle prese con un drammatico calo di risorse, strutture, personale e completamente dimenticata dal PNRR»
Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?
I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...