Salute 22 Marzo 2017

Chirurgia estetica: SICPRE pronta ad ospitare i “maestri” brasiliani

Il 66° Congresso Nazionale a Modena sarà l’occasione per un confronto formativo con i migliori al mondo in questo campo. Intervista al professor Giorgio De Santis, Presidente del Congresso: a tutto campo su protezione legale, giovani medici e aggiornamento ECM. E sui danni del filler…

Sono ormai gli ultimi “artigiani del bisturi” ma proprio per questo tra i maggiori ad essere esposti al rischio di finire coinvolti in un contenzioso con i pazienti. «Con l’avvento delle tecnologie endoscopiche e degli interventi mini-invasivi – conferma il Professore Giorgio De Santis, il Presidente del 66° Congresso SICPRE (Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica) – noi chirurghi estetici siamo ormai gli ultimi a praticare incisioni con il bisturi che vanno dai 15 ai 30 centimetri. Se da una parte possiamo fregiarci di essere parte integrante della storia della medicina, dall’altra dobbiamo fare i conti con cicatrizzazioni e problemi medico-legali che impongono un lavoro multidisciplinare e di costante affinamento della tecnica attraverso un costante aggiornamento professionale ECM e non solo».

E come fa notare ancora il Professor De Santis, nonostante i passi avanti fatti con la recente Legge sulla Responsabilità professionale dei professionisti della sanità, restano ancora dei punti nevralgici nel contenzioso medico-paziente. «È fondamentale – afferma il Professor De Santis – poter contare su una protezione legale completa anche perché siamo sempre scoperti dalla colpa grave. In particolare penso ai giovani medici, in particolare la fascia under 35, che trova notevoli difficoltà ad assicurarsi ed i costi delle polizze sono molto elevati. C’è, dunque, l’esigenza di intervenire su questo mondo tutto da esplorare ed approfondire».

Formazione, tutela legale ma anche una ferma volontà di continuare a migliorarsi attraverso il confronto con realtà internazionali di primo piano come accadrà dal 21 al 23 settembre a Modena (presso il Forum Monzani) in occasione del “66° Congresso Nazionale SICPRE 2017” in cui è previsto il primo incontro congiunto con la Società brasiliana di chirurgia plastica. I brasiliani sono dei veri e propri maestri in questo campo. «Per questo sarà un congresso prestigioso – commenta De Santis – per stimolare il confronto di idee e innovazioni a favore di un miglioramento dei nostri specialisti».

Significativo che questo particolare incontro-confronto avvenga a Modena, vero e proprio centro di eccellenza per la microchirurgia, le tecniche di ricostruzione della mano e della ricostruzione mammaria post oncologica. Va aggiunto che l’ospedale di Modena è divenuto anche un centro di riferimento regionale per lesioni da filler. «Abbiamo brevettato – conclude De Santis – un sistema mini-invasivo che ci permette di intervenire sui rilevanti danni causati dall’utilizzo dell’olio di silicone, come si ricorderà messo al bando dal Ministero della Salute. Su questo fronte abbiamo un’attività molto intensa».

Articoli correlati
Chirurgia estetica, boom di interventi: dopo il Covid +30%
Lo specialista: «Mastoplastica additiva, blefaroplastica e liposuzione le operazioni più richieste. Prese tutte le precauzioni per andare in sala operatoria in sicurezza»
di Federica Bosco
Covid, D’Andrea: «Un buco nella formazione dei futuri medici a causa dell’emergenza sanitaria»
La denuncia del Presidente del Collegio universitario dei Chirurghi Plastici, che scrive al Governo
Covid-19, D’Andrea (SICPRE): «Vi racconto la mia battaglia (vinta) contro il virus e le falle del sistema sanitario campano»
«Ormai è chiaro: nessuno è immune. Il Covid-19 può colpire chiunque in qualsiasi momento. Pur rispettando tutti i protocolli di sicurezza, basta un solo attimo per essere contagiati»
Il 21 ottobre si celebra il Bra Day, D’Andrea (SICPRE): «Ogni anno 50mila nuovi casi di tumore al seno»
Il presidente della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica: «Invito alle donne a rivolgersi ai centri specializzati breast unit»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli