Salute 22 Marzo 2017

Chirurgia estetica: SICPRE pronta ad ospitare i “maestri” brasiliani

Il 66° Congresso Nazionale a Modena sarà l’occasione per un confronto formativo con i migliori al mondo in questo campo. Intervista al professor Giorgio De Santis, Presidente del Congresso: a tutto campo su protezione legale, giovani medici e aggiornamento ECM. E sui danni del filler…

Sono ormai gli ultimi “artigiani del bisturi” ma proprio per questo tra i maggiori ad essere esposti al rischio di finire coinvolti in un contenzioso con i pazienti. «Con l’avvento delle tecnologie endoscopiche e degli interventi mini-invasivi – conferma il Professore Giorgio De Santis, il Presidente del 66° Congresso SICPRE (Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica) – noi chirurghi estetici siamo ormai gli ultimi a praticare incisioni con il bisturi che vanno dai 15 ai 30 centimetri. Se da una parte possiamo fregiarci di essere parte integrante della storia della medicina, dall’altra dobbiamo fare i conti con cicatrizzazioni e problemi medico-legali che impongono un lavoro multidisciplinare e di costante affinamento della tecnica attraverso un costante aggiornamento professionale ECM e non solo».

E come fa notare ancora il Professor De Santis, nonostante i passi avanti fatti con la recente Legge sulla Responsabilità professionale dei professionisti della sanità, restano ancora dei punti nevralgici nel contenzioso medico-paziente. «È fondamentale – afferma il Professor De Santis – poter contare su una protezione legale completa anche perché siamo sempre scoperti dalla colpa grave. In particolare penso ai giovani medici, in particolare la fascia under 35, che trova notevoli difficoltà ad assicurarsi ed i costi delle polizze sono molto elevati. C’è, dunque, l’esigenza di intervenire su questo mondo tutto da esplorare ed approfondire».

Formazione, tutela legale ma anche una ferma volontà di continuare a migliorarsi attraverso il confronto con realtà internazionali di primo piano come accadrà dal 21 al 23 settembre a Modena (presso il Forum Monzani) in occasione del “66° Congresso Nazionale SICPRE 2017” in cui è previsto il primo incontro congiunto con la Società brasiliana di chirurgia plastica. I brasiliani sono dei veri e propri maestri in questo campo. «Per questo sarà un congresso prestigioso – commenta De Santis – per stimolare il confronto di idee e innovazioni a favore di un miglioramento dei nostri specialisti».

Significativo che questo particolare incontro-confronto avvenga a Modena, vero e proprio centro di eccellenza per la microchirurgia, le tecniche di ricostruzione della mano e della ricostruzione mammaria post oncologica. Va aggiunto che l’ospedale di Modena è divenuto anche un centro di riferimento regionale per lesioni da filler. «Abbiamo brevettato – conclude De Santis – un sistema mini-invasivo che ci permette di intervenire sui rilevanti danni causati dall’utilizzo dell’olio di silicone, come si ricorderà messo al bando dal Ministero della Salute. Su questo fronte abbiamo un’attività molto intensa».

Articoli correlati
Chirurgia post-bariatrica, è boom. De Santis (Sicpre): «Dopo perdita peso, bisogna affrontare il rilassamento cutaneo»
«Nuove metodiche prevengono le complicanze e riducono i costi». L’intervista al professore ordinario di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica presso l’Università di Modena
Ricerca e formazione, parlano i vincitori del Premio “SICPRE Giovani”
Il Premio, organizzato dalla Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, è andato a 10 giovani promesse della chirurgia italiana. I lavori verranno pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale PRS GO
Chirurgia plastica, il neo presidente Sicpre Fasano: «Farò sentire i soci a casa loro, puntando su confronto e aggiornamento»
Adriana Cordova tira le somme della sua presidenza, appena terminata: «Ho cercato di rafforzare il ruolo di guida scientifica della società e organizzato percorsi diagnostico-terapeutici per i pazienti transessuali»
Chirurgia plastica, il presidente del congresso Sicpre Palombo: «Non è più la specialità della vanità, ma serve per guarire»
Trasformata per tre giorni in capitale della chirurgia plastica, da Roma il messaggio degli specialisti: «Lavoriamo sempre più a braccetto con altre discipline, migliorando la qualità delle cure e l’aspettativa di vita dei pazienti»
Legge Gelli-Bianco, Magi (OMCeO Roma): «Capitolo assicurazioni? Cambia tutto da medico a medico»
«Per i medici i risvolti assicurativi conseguenti alla legge sono nettamente influenzati dalla tipologia di attività del professionista, facciamo chiarezza» così il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone