Salute 3 ottobre 2018

Carovana della Prevenzione. Maria Grazia Cucinotta parla alle donne: «Offriamo la possibilità ai medici di poterci curare»

Il nuovo tour della Campagna, promossa dalla Komen Italia e dalla Fondazione Policlinico Gemelli, attraverserà 30 città in 8 diverse Regioni italiane. La madrina Maria Grazia Cucinotta: «Dal nord al sud per portare la prevenzione fin sotto casa»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«La prevenzione ti salva la vita, devi solo dare la possibilità ai medici di poterti curare». È così che Maria Grazia Cucinotta, madrina della Komen Italia invita tutte le donne a partecipare al nuovo tour della Carovana della Prevenzione, il programma nazionale itinerante di promozione della salute  in rosa.

L’evento, realizzato dalla Susan G. Komen Italia con la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS,  percorrerà in un mese 30 diverse tappe. Un itinerario che completerà quello inaugurato nel mese di ottobre del 2017.  Durante il viaggio dello scorso anno sono state coinvolte 7 mila donne, incontrare in 109 diverse città di 12 Regioni italiane.

GUARDA L’INTERVISTA A ROSANNA BANFI, TESTIMONIAL KOMEN ITALIA

In occasione del nuovo tour, la “Carovana”, composta da tre unità mobili ad alta tecnologia, attraverserà 8 Regioni Italiane (Lombardia, Liguria, Campania, Sicilia, Sardegna, Abruzzo, Marche e Lazio), offrendo esami diagnostici e consulenze specialistiche per la prevenzione dei tumori del seno e del collo dell’utero. E per promuovere gli stili di vita sani, a disposizione di tutte le donne ci saranno anche dei laboratori pratici di attività fisica e di corretta alimentazione.

Individuare il passaggio della Carovana della Prevenzione non sarà difficile: molte città, piazze edifici, monumenti, fontane si coloreranno di rosa. Per Maria Grazia Cucinotta si tratta di un’occasione unica, che nessuna donna dovrebbe perdere: «Sfuggiamo ai controlli per paura o perché abbiamo mille cose da fare. Però la nostra vita – ha sottolineato la madrina di Komen Italia – è al primo posto nella lista delle cose da fare».

I tumori del seno sono le neoplasie maligne più frequenti nelle donne:  ogni anno, in Italia, ci sono 50 mila nuove diagnosi,  cifra che nel mondo supera il milione e mezzo. Grazie alla diagnosi precoce la possibilità di guarigione supera il 90%  e le terapie necessarie sono molto meno invasive.

La Carovana della Prevenzione ha ricevuto la medaglia del presidente della Repubblica, il patrocinio del ministero della Salute, concesso per l’inaugurazione del progetto e quello del consiglio Regionale del Lazio e dei numerosi Comuni coinvolti.

Per questa nuova edizione è già tutto pronto, non resta che attendere il contribuito di tutte le signore d’Italia che decideranno di partecipare: «Sta a noi donne dare la possibilità ai medici di poterci curare – ha detto Maria Grazia Cucinotta -. La Komen ha lanciato questa campagna meravigliosa: una Carovana che andrà in giro dal nord al sud per portare la prevenzione proprio vicino alle case delle italiane. Ora sta solo a noi decidere, scegliere di scendere in piazza – ha concluso la madrina Komen – e fare prevenzione».

Articoli correlati
Race for the cure, inaugurato il villaggio della salute
È stato inaugurato questa mattina il Villaggio della Salute – Race for the Cure, che darà il via alla quattro giorni dedicata alla salute, allo sport e al benessere per la lotta ai tumori del seno in programma al Circo Massimo fino al 20 maggio. Insieme a Riccardo Masetti, Presidente di Komen Italia, presenti al […]
Race for the cure, Rosanna Banfi: «La ‘sorellanza’ ti salva la vita. Donne, dedicate del tempo a voi stesse: fate i controlli annuali»
Arrivata alla sua 19° edizione la manifestazione promossa dall’Associazione Komen Italia torna al Circo Massimo dal 17 al 20 maggio con sport, musica e cucina. A disposizione medici e operatori sanitari per controlli e consulti gratuiti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila