Salute 24 Febbraio 2021 13:41

Cardiologia riabilitativa in affanno: dal Niguarda raccomandazioni su prevenzione e home-rehabilitation

«Una terapia cardio preventiva e post evento acuto permette di migliorare la qualità della vita ed avere una ricaduta positiva sull’economia sanitaria» così Salvatore Riccobono del Cardio Center Fondazione De Gasperis

di Federica Bosco

«Dobbiamo puntare sulla terapia cardio preventiva per migliorare la qualità di vita dei pazienti, ridurre l’incidenza di eventi e quindi, in prospettiva, avere una ricaduta positiva sull’economia sanitaria».

È questo il messaggio che Salvatore Riccobono, referente fino al mese scorso per il percorso riabilitativo cardiovascolare ambulatoriale del Cardio Center Fondazione De Gasperis, cerca di trasmettere ai suoi pazienti e all’opinione pubblica. Da qualche mese la struttura, situata all’interno del grande ospedale metropolitano Niguarda, è chiusa causa Covid e il suo timore è che l’onda lunga della pandemia si faccia sentire su coloro che hanno problemi cardiaci. «Una prolungata inattività per chi ha avuto un evento ischemico acuto o soffre di insufficienza cardiaca, può avere gravi conseguenze – spiega –. Senza contare che riuscire a sviluppare una prevenzione primaria con un’alimentazione corretta, un programma di regolare attività fisica (due o tre volte la settimana), il controllo dei fattori di rischio o addirittura l’abolizione di alcuni di essi quali fumo, alcol, sovrappeso e sedentarietà, potrebbe ridurre in maniera drastica l’incidenza di eventi cardiocircolatori vascolari gravi».

Causa Covid più morti per ictus e infarto

La pandemia da SarsCov-2 ha condizionato in maniera significativa questo ambito, perché in molti casi si è attuata la totale sospensione dell’intervento cardio riabilitativo e la conversione di risorse per assistenza Covid o post Covid. «Questa situazione ha generato un aumento di mortalità per ictus o infarto – precisa il dottor Riccobono – ed un drastico calo del ricorso alla riabilitazione cardiaca. In particolare, per quanto riguarda la nostra realtà, a tutt’oggi l’attività è sospesa».

Vademecum di AICPR per non abbandonare l’attività cardio riabilitativa

Per fronteggiare questa situazione, anche la società nazionale di cardiologia riabilitativa AICPR è scesa in campo con indicazioni precise alle strutture di cardiologia riabilitativa per la prevenzione e il trattamento del Covid. «Sono semplici regole che al Cardio Center Fondazione De Gasperis abbiamo recepito sin dalle prime ore e che vanno adattate ovviamente alle singole realtà cardio riabilitative», ammette Riccobono. Le strategie gestionali specifiche, a cui fa riferimento il referente del Cardio Center Fondazione De Gasperis sono: ingresso selezionato e accessibile solo a pazienti a maggior rischio cardiovascolare residuo, maggiore turnover nei ricoveri riabilitativi per aumentare il numero complessivo di interventi, potenziare la home-rehabilitation con web session e recall telefonici per valutare l’aderenza alla terapia e il raggiungimento di obiettivi terapeutici, adozione di un registro dei pazienti da arruolare per programmarne l’attività e la ripresa appena possibile.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Liste d’attesa: SSN investe sugli ambulatori specialistici accreditati per snellirle
Marino (Unindustria Lazio): «L’accordo tra Ministero della Salute e Regioni è quasi concluso. Presto i cittadini avranno un accesso più rapido alle prestazioni. Ora, il Governo offra un ruolo attivo agli ambulatori specialistici privati-accreditati nella realizzazione del PNRR»
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Aprile mese della prevenzione dell’ictus, SIN e ISA: «Come riconoscere precocemente i fattori di rischio»
Ci sono fattori di rischio modificabili - legati allo stile di vita - e non modificabili per condizioni patologiche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...