Salute 24 Febbraio 2021 13:41

Cardiologia riabilitativa in affanno: dal Niguarda raccomandazioni su prevenzione e home-rehabilitation

«Una terapia cardio preventiva e post evento acuto permette di migliorare la qualità della vita ed avere una ricaduta positiva sull’economia sanitaria» così Salvatore Riccobono del Cardio Center Fondazione De Gasperis

di Federica Bosco

«Dobbiamo puntare sulla terapia cardio preventiva per migliorare la qualità di vita dei pazienti, ridurre l’incidenza di eventi e quindi, in prospettiva, avere una ricaduta positiva sull’economia sanitaria».

È questo il messaggio che Salvatore Riccobono, referente fino al mese scorso per il percorso riabilitativo cardiovascolare ambulatoriale del Cardio Center Fondazione De Gasperis, cerca di trasmettere ai suoi pazienti e all’opinione pubblica. Da qualche mese la struttura, situata all’interno del grande ospedale metropolitano Niguarda, è chiusa causa Covid e il suo timore è che l’onda lunga della pandemia si faccia sentire su coloro che hanno problemi cardiaci. «Una prolungata inattività per chi ha avuto un evento ischemico acuto o soffre di insufficienza cardiaca, può avere gravi conseguenze – spiega –. Senza contare che riuscire a sviluppare una prevenzione primaria con un’alimentazione corretta, un programma di regolare attività fisica (due o tre volte la settimana), il controllo dei fattori di rischio o addirittura l’abolizione di alcuni di essi quali fumo, alcol, sovrappeso e sedentarietà, potrebbe ridurre in maniera drastica l’incidenza di eventi cardiocircolatori vascolari gravi».

Causa Covid più morti per ictus e infarto

La pandemia da SarsCov-2 ha condizionato in maniera significativa questo ambito, perché in molti casi si è attuata la totale sospensione dell’intervento cardio riabilitativo e la conversione di risorse per assistenza Covid o post Covid. «Questa situazione ha generato un aumento di mortalità per ictus o infarto – precisa il dottor Riccobono – ed un drastico calo del ricorso alla riabilitazione cardiaca. In particolare, per quanto riguarda la nostra realtà, a tutt’oggi l’attività è sospesa».

Vademecum di AICPR per non abbandonare l’attività cardio riabilitativa

Per fronteggiare questa situazione, anche la società nazionale di cardiologia riabilitativa AICPR è scesa in campo con indicazioni precise alle strutture di cardiologia riabilitativa per la prevenzione e il trattamento del Covid. «Sono semplici regole che al Cardio Center Fondazione De Gasperis abbiamo recepito sin dalle prime ore e che vanno adattate ovviamente alle singole realtà cardio riabilitative», ammette Riccobono. Le strategie gestionali specifiche, a cui fa riferimento il referente del Cardio Center Fondazione De Gasperis sono: ingresso selezionato e accessibile solo a pazienti a maggior rischio cardiovascolare residuo, maggiore turnover nei ricoveri riabilitativi per aumentare il numero complessivo di interventi, potenziare la home-rehabilitation con web session e recall telefonici per valutare l’aderenza alla terapia e il raggiungimento di obiettivi terapeutici, adozione di un registro dei pazienti da arruolare per programmarne l’attività e la ripresa appena possibile.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...