Salute 31 Agosto 2020

Cancro, scoperte le barriere anti-metastasi. La ricercatrice: «Ora lavoriamo per renderle meno aggressive»

Caterina La Porta (Statale): «La molecola E-caderina ha un ruolo fondamentale nell’adesione delle cellule tumorali. Ora si cerca un farmaco per renderle meno aggressive»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Una barriera anti-metastasi capace di separare le cellule tumorali che migrano nell’organismo per colonizzare altri organi. La sfida lanciata da un gruppo di ricercatori europei, tra cui un team dell’Università Statale di Milano, è riuscire ad individuare il farmaco in grado di spegnere il fattore meccanico che induce le cellule tumorali ad aggregarsi e spostarsi nell’organismo, come ci spiega la dottoressa Caterina La Porta, docente di Patologia generale presso il dipartimento di scienze e politiche ambientali dell’Università Statale.

«Il punto fondamentale su cui abbiamo incentrato la nostra attenzione con i colleghi olandesi e tedeschi è capire il meccanismo attraverso cui le cellule si mettono insieme per cooperare in modo collettivo, o viceversa agire in modo singolo. Siamo partiti da metastasi generate da un tumore primario alla mammella, ma presupponiamo che il principio sia lo stesso per altri organi, anche se sappiamo che il cancro al seno ha tessuti specifici su cui va ad innescare metastasi», racconta la dottoressa La Porta  del Center for Complexity and Biosystems (Cc&b) dell’ateneo milanese che ha realizzato lo studio pubblicato su Nature Cell Biology.

LA MOLECOLA E-CADERINA RESPONSABILE DEL PROCESSO DI AGGREGAZIONE

«La svolta è stata la scoperta di una molecola E-caderina che svolge un ruolo fondamentale come molecola di adesione – analizza la ricercatrice impegnata con i colleghi dell’Università di Radboud di Nijmagen in Olanda e dell’università di Lipsia e Dresda in Germania -, e aiuta le cellule a muoversi tutte insieme. Allora ecco che se riuscissimo a modificare l’espressione di questa molecola e di tutta una serie di altri elementi correlati, le cellule tenderebbero a disgregarsi, diventando singole e quindi meno efficienti nel dare metastasi. Il passaggio successivo sarà trovare delle molecole in grado di alterare il livello di espressione di queste molecole di adesione e quindi di tutto ciò che può modificare questa caratteristica delle cellule di stare insieme e di aggregarsi».

ALLO STUDIO UN FARMACO PER BLOCCARE LE METASTASI

«Una squadra multidisciplinare con biologi, fisici, matematici – tiene a sottolineare la ricercatrice della Statale – rappresenta un valore aggiunto in studi più corposi, perché ognuno porta con sé un bagaglio di esperienze da trasferire al gruppo in grado di aiutare la ricerca».

Il lavoro ha combinato esperimenti in vitro, in 3D e sui topi con l’ausilio di immagini e modelli computerizzati. Il risultato ottenuto grazie a fondi europei è stato individuare la molecola di adesione, ma anche riuscire, modificando il microambiente che circonda le cellule, ad indurre un cambiamento nella modalità di migrazione delle stesse.

«Il nostro obiettivo è cercare una strategia farmacologica per andare in fondo al problema delle metastasi. Abbiamo in atto una serie di collaborazioni italiane e internazionali che ci porteranno nei prossimi mesi a comprendere più a fondo quali sono i meccanismi da colpire per cercare in qualche modo di renderle meno aggressive e quindi quasi quiescenti, stazionarie, identificandole più precocemente possibile, per poterci convivere, perché è difficile eradicarle», conclude la dottoressa.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Un naso elettronico sarà in grado di riconoscere il tumore ovarico dal respiro
Lo studio, realizzato dell’Istituto dei Tumori e dell’Università Statale di Milano e condotto dal professor Raspagliesi, rivela: «Nell’espirato sono presenti dei composti organici volatili che sono legati alla presenza della malattia»
di Federica Bosco
Tumore del polmone, scoperte le mutazioni che causano resistenza all’immunoterapia
Nuovo studio su Annals of Oncology dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena in collaborazione con il Polo Oncologico Sapienza
Cancro alla mammella e parrucche: per guarire ci vuole anche testa
L'80% dei pazienti che si sottopongono a chemioterapia perde i capelli. Intervista alla dottoressa Lucia Mentuccia, oncologa presso l'Ospedale di Colleferro, su rimedi e soluzioni
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Crioablazione, e il tumore muore… di freddo. Come funziona l’innovativa tecnica mini-invasiva
Il professor Enrico Ragone dell'ospedale Monaldi di Napoli: «Scelta preferibile per quei pazienti che è sconsigliabile sottoporre ad anestesia generale o su cui è impossibile intervenire con la chirurgia tradizionale»
Tumore al seno: EMA concede valutazione accelerata per Trastuzumab Deruxtecan
Il Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha concesso la valutazione accelerata per Trastuzumab deruxtecan, l’anticorpo monoclonale coniugato (ADC) anti-HER2 per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma mammario HER2 positivo non resecabile o metastatico che hanno ricevuto due o più precedenti regimi terapeutici anti-HER2. Lo riferisce l’azienda […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...