Salute 3 Agosto 2021 14:28

Cancro gastrico, intervento innovativo grazie alla fluorescenza

Arriva dalla Corea la tecnica che permette di colorare ed esportare solo le cellule tumorali, preservando la parte sana dell’organo colpito. Ideata nel 2016 e riconosciuta a livello internazionale nel 2020 è oggi praticata in Italia dal Professor Gian Luca Baiocchi dell’ASST di Cremona dove ha sede anche la scuola di chirurgia guidata da fluorescenza

di Federica Bosco
Cancro gastrico, intervento innovativo grazie alla fluorescenza

Individuare le cellule cancerogene con l’ausilio della fluorescenza, è quanto accaduto nei giorni scorsi all’Ospedale di Cremona in un intervento conservativo di chirurgia gastrica per l’asportazione di un tumore allo stomaco, su un uomo di 60 anni. La tecnica mininvasiva, ideata in Corea nel 2016 e riconosciuta a livello internazionale nel 2020 con lo studio Senorita, consente di colorare mediante un mezzo di contrasto iniettato per via endoscopica, solo le cellule malate che, a differenza di quelle sane, si colorano di verde. Ad eseguire l’intervento, tra i primi in Italia, è stato il professor Gian Luca Baiocchi direttore della chirurgia dell’ospedale di Cremona che ha scelto di affidarsi a questa metodologia orientale per colpire in maniera precisa il tumore e accorciare i tempi di ripresa del paziente.

«È stata utilizzata una tecnica innovativa che ha consentito di curare un cancro gastrico senza togliere lo stomaco – ha spiegato Baiocchi -. Questo è molto importante perché, nei tumori piccoli, è noto che la recidiva non sia nello stomaco, ma nei linfonodi. Con la chirurgia guidata dalla fluorescenza, perciò, è possibile individuare e riconoscere i linfonodi che drenano la sede del tumore e asportarli».

Referto immediato sullo stato dei linfonodi

L’intervento è stato eseguito con un grande lavoro di squadra che ha visto la partecipazione dei chirurghi Andrea Celotti e Giovanni Emiliani, del gastroenterologo Stefano Mazza, dell’anestesista Tommaso La Susa e di Marco Ungari e Giulia Tanzi, direttore e medico dell’Anatomia Patologica che hanno analizzato e refertato immediatamente l’esame ai linfonodi. «Durante l’intervento, infatti, è stato eseguito l’esame per verificare lo stato dei linfonodi, se negativi si evita di togliere tutto lo stomaco e si agisce solo sulla parte malata. La parte sana viene così preservata». Un esito fondamentale per l’intervento e la ripresa del paziente che vista la negatività dell’esame ha potuto affrontare il decorso post-operatorio senza sondino e drenaggio, riprendere a mangiare dal giorno successivo ed essere dimesso in terza giornata.

Un intervento in diretta sul web che fa scuola

L’unicità della tecnica utilizzata per l’asportazione del tumore gastrico ha fatto scuola. Infatti, durante l’intervento molti chirurghi italiani hanno avuto modo di seguire in diretta web il lavoro del professor Baiocchi che ha voluto sottolineare l’importanza di aver mostrato ai colleghi una procedura ancora poco conosciuta in Italia e che può invece aprire importanti frontiere nella chirurgia oncologica.

«Un aspetto a cui tengo molto è quello formativo – ha sottolineato -. L’intervento è stato seguito in diretta da 150 professionisti connessi in rete, grazie alla “Scuola permanente sulla chirurgia guidata dalla fluorescenza” che ha sede proprio presso l’ASST Cremona. Questo è il terzo intervento in diretta seguito da tutta Italia, un fatto importante per la chirurgia, per i colleghi delle altre specialità e per l’intero ospedale. Per questo è stato fondamentale il supporto di Marco Cavecchi e Marco Cavalli, che si occupano di ingegneria clinica e di sistemi informatici, per la diretta dell’intervento».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dal trucco al volontariato, la politica si unisce nell’intergruppo “la forza e il sorriso” per il benessere psicologico dei malati oncologici
Promotrice dell’iniziativa la deputata della Lega Benedetta Fiorini: «Vogliamo promuovere al più presto misure di incentivazione fiscale in favore delle aziende che sviluppano e sostengono attività nel volontariato e nel sociale». L’idea nasce dal lavoro dell’omonima onlus che organizza laboratori di bellezza per donne in trattamento oncologico
Più tutele per i lavoratori con malattie oncologiche e croniche, alla Camera parte l’iter della legge. Le proposte
In commissione Lavoro cinque i Ddl depositati: tutti puntano ad aumentare il “periodo di comporto”, il tempo in cui il lavoratore ha diritto alla corresponsione di una retribuzione o un'indennità. Plaude la FAVO da anni impegnata sul tema. Si punta anche ad estendere le tutele per lavoratori autonomi e liberi professionisti
Piano europeo contro il cancro, Costa: «Paesi siano coordinati e usino budget comune»
Il co-fondatore di Onda e già segretario della scuola europea di Oncologia di Veronesi sarà special adviser della commissaria alla salute per l’attuazione del piano Beating Cancer a cui sono stati destinati 4 miliardi di euro di finanziamento
di Federica Bosco
Tumori radioresistenti e inoperabili, cos’è l’adroterapia disponibile in soli 5 Paesi al mondo (tra cui l’Italia)
A Pavia festeggia 20 anni di attività il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica con una nuova piattaforma per mettere in rete i professionisti e favorire l’accesso dei pazienti oncologici. Orlandi: «Un acceleratore di particelle scompone gli atomi e dirige i fasci sui tessuti tumorali risparmiando le strutture sane»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco