Salute 16 Giugno 2020 10:15

Cancro e coronavirus, le paure di oncologi e pazienti finiti “fra Scilla e Cariddi”

Il racconto di un oncologo sul New England Journal of Medicine: «Mi aspetto un picco bimodale, le morti dei pazienti oncologici con Covid e quelle dei tanti che hanno visto le cure indebolite o rimandate»

di Tommaso Caldarelli
Cancro e coronavirus, le paure di oncologi e pazienti finiti “fra Scilla e Cariddi”

La vita degli oncologi e dei pazienti oncologici era già abbastanza dura prima del coronavirus; ma dopo l’epidemia da Covid-19 è diventata una vera e propria fatica mitologica, tanto che ci si sente come se ci si trovasse “fra Scilla e Cariddi”: è proprio questo il titolo che Mark A. Lewis, oncologo americano in servizio nello stato dello Utah, ha scelto per il suo articolo pubblicato dal New England Journal of Medicine: «Con una frequenza dolorosa io dico alla gente che ha il cancro, e a volte devo aggiungere una coda brutale, sottolineando che la condizione è incurabile. Nella mia storia professionale mi sono progressivamente abituato alla paura primordiale, ma non ho mai visto un panico così generalizzato fra le persone da me in cura come durante la pandemia da SARS-CoV-2».

Come è noto, infatti, la presenza di una patologia oncologica era ed è un fattore di rischio per la malattia da coronavirus per cui sono disponibili delle specifiche linee guida pubblicate anche dal ministero della Salute italiano; e «nonostante questa pandemia abbia dei rischi nel senso più ampio – spiega il dottor Lewis – alcuni sottogruppi appaiono particolarmente vulnerabili a stadi critici e al rischio di morte. I ricercatori cinesi hanno registrato che i pazienti con il cancro ed il Covid-19 corrono un rischio di ventilazione invasiva, trasferimento in terapia intensiva o morte fino a cinque volte superiore rispetto ai pazienti senza cancro. Persino una remota storia oncologica sembra moltiplicare il rischio di esiti problematici, dovuti probabilmente ad una protratta immunodeficienza» e, in generale, «la maggior parte dei pazienti oncologici, paragonandosi ai loro pari in salute, si percepiscono come aventi un rischio maggiore di contrarre il Covid-19, specie se sono in terapia».

LEGGI ANCHE: COVID-19 E PAZIENTI ONCOLOGICI, DA 24 A 30 MILA DIAGNOSI IN MENO NEL 2020. SILERI: «FAREMO UN PIANO PER RECUPERARE»

La malattia da coronavirus, continua il dottor Lewis, sembra un buon momento per diffondere alcune basi di oncologia prima di tutto fra la comunità medica, se è vero che, a suo dire, «le persone, inclusi i medici, non si fermano spesso a considerare come è che il cancro uccide. Abbastanza raro, ad esempio, è il caso in cui il tumore primario cresca così tanto da rivelarsi fatale di per se stesso, anche se un tale esito è certamente possibile nei casi, ad esempio, di un cancro al colon ostruente. Ma molto più spesso, la causa della morte è il decadimento complessivo della fisiologia del paziente, le specifiche vulnerabilità dell’immunodepressione, che sia intrinseca o iatrogena». Il che ci porta alla «coscienza preoccupata» dell’oncologo in servizio nell’America profonda che fa notare come «è possibile oggi un picco bimodale di pazienti oncologici che moriranno: da un lato l’imminente picco di coloro che, a causa di un sistema immunitario decimato, periranno a causa del Covid-19; dall’altro, il conto latente di coloro che hanno visto i propri trattamenti diminuiti, ritardati o persino cancellati. Sopravvivere al SARS-CoV-2 per morire di un cancro curato non al meglio sarebbe una vittoria di Pirro: e l’acutezza dell’infezione da un lato e la cronicità del male dall’altro sono le Scilla e Cariddi fra le quali gli oncologi e i loro pazienti devono oggi disegnare un sentiero assai pericoloso»; fra l’altro, «dover prendere in considerazione le infezioni non è una nuova preoccupazione per un oncologo medico quando deve porre quel delicato equilibrio fra diversi mali».

L’oncologia, come e più di altre branche della medicina, tende ad avere una struttura di rischi che lo specialista sa tenere sempre presente: «Provo spesso a dimostrare ai miei pazienti che vale la pena sopportare i ben noti effetti collaterali della chemio, visto che presentano un tasso rischi-benefici che spero non sarà eccessivamente inaccettabile. E quando prescrivo farmaci citotossici mi porto in testa un database di percentuali – una probabilità del 37% di neutropenia con un certo regime combinatorio contro una percentuale solo del 13% se viene rilasciato un solo agente». Probabilità, calcoli, assistenza medica ed etica che rischiano però di essere significativamente compromessi dal perdurante stato epidemico: «Il ciclo di un paziente sotto chemio potrebbe essere visto come un brutto ottovolante; si cade negli effetti tossici, si risale pian piano fino alla linea di base, e poi un’altra caduta precipitosa. Osservo il pattern di ogni paziente man mano che procede e cerco di dare i consigli giusti. Ma il Covid-19 peggiorerà la situazione portandola a livelli davvero incommensurabili? Solo il tempo ce lo dirà».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto
La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marziale (specialista in diritto del lavoro e sanitario)
Vaccino Covid, Manai (Pd): «Specializzandi disponibili per campagna ma serve volontarietà e contrattualizzazione»
«Tutto deve essere fatto nel rispetto del loro ruolo e della professione che essi ricoprono» afferma Stefano Manai, Responsabile della nazionale della Formazione sanitaria del Partito democratico
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...