Salute 9 Giugno 2020 11:55

Calcio post-Covid: fischio d’inizio della serie A il 20 giugno. Così cambiano le regole negli spogliatoi

Vanin (fisioterapista della Sampdoria): «Allenamenti personalizzati per atleti reduci dal Covid e sali minerali, zuccheri e proteine per affrontare partite ogni tre giorni»

di Federica Bosco

Tamponi, test e distanziamento sociale tra gli atleti. Queste le prime regole adottate dal mondo del calcio a pochi giorni da sabato 20 giugno, quando ci sarà il fischio di inizio della seconda parte del campionato, post Covid. Le squadre si stanno preparando per il ritorno in campo con nuove disposizioni di vestizione pre e post allenamento, spogliatoi divisi e più postazioni di infermeria. Un cambiamento disciplinato dal protocollo della FIGC e redatto dalla commissione medico scientifica della Federazione che ha introdotto nuovi concetti, come spiega Alessio Vanin, fisioterapista della Sampdoria ed esponente di AIFI, l’Associazione Italiana Fisioterapisti che in questo periodo segue da vicino il ritorno all’attività dei calciatori italiani.

«Ogni 14 giorni facciamo i test sierologici e ogni 4 i tamponi naso faringei – ricorda Vanin, che dal 18 maggio ha ripreso per mano gli atleti blucerchiati per condurli verso una seconda parte del campionato in condizioni ottimali, cercando di recuperare posizioni e di rimanere agganciati alla massima serie -. Andiamo avanti con questa nuova routine che ci garantisce di analizzare tutto in tempi rapidi e in maniera cadenzata, abbastanza frequentemente, in modo da permetterci di isolare, nel caso dovesse accadere, nuovi positivi, prima che si possa verificare un nuovo contagio».

Per quanto riguarda le procedure da rispettare, secondo le linee guida dettate dalla Federazione, la Sampdoria ha adottato dispositivi di protezione individuale per proteggere lo staff e gli atleti: durante le sedute di fisioterapia, ad esempio, professionista sanitario e calciatore sono muniti di mascherina. «Evitiamo code ed assembramenti – racconta – e diamo orari scaglionati per gli arrivi e le uscite dallo spogliatoio. In questo modo i tempi tendono a dilatarsi, ma è il prezzo che dobbiamo “pagare” per questa nuova realtà».

LEGGI ANCHE: FASE 2 E PALESTRE: COME E QUANDO TORNEREMO AD ALLENARCI?

Importanti aspetti  del ritorno in campo riguardano i calciatori che hanno avuto il Covid, per i quali è stato necessario garantire una maggiore attenzione per scongiurare eventuali effetti collaterali di natura fisica e psicologica, in un momento in cui i ritmi saranno ancora più incalzanti, le temperature roventi e un ciclo di incontri serrato metterà le squadre in campo ogni tre giorni.

«Alla ripresa degli allenamenti  i ragazzi che hanno avuto il Covid sono stati analizzati in maniera molto precisa e approfondita proprio per escludere qualunque tipo di complicanza. Solo durante i primi allenamenti e le prime attività si sono verificate situazioni di affaticamento. Ma è stata una parentesi temporale breve – ammette Vanin -, durata poco più di una settimana, in cui qualcuno ha avuto maggiori difficoltà nella ripresa della condizione. Ora le situazioni sono tutte rientrate e non ci sono criticità o ragazzi che presentano particolari problemi. Quindi non è stato necessario prendere delle precauzioni particolari se non valutare nei giusti modi il carico di allenamento e percezione dello sforzo in maniera tale da gestire bene ogni situazione».

Definiti i ritmi degli allenamenti e le distanze negli spogliatoi e nelle aree comuni, resta l’enigma del campo, dove il contatto tra i calciatori è pressoché inevitabile: «Stiamo seguendo il protocollo ministeriale e siamo convinti che tutto andrà per il meglio. Certo, in campo non è possibile garantire il distanziamento, ma con il supporto dei tamponi e dei test sierologici siamo convinti di poter giocare in sicurezza. La paura che si percepisce tra i ragazzi non è tanto di prendere il Covid, ma piuttosto di farsi male per il carico di lavoro dopo due mesi di inattività e tante partite ravvicinate che li attendono. Per questo siamo molto attenti nell’integrare a fine allenamento sali minerali, zuccheri e proteine con bevande che variano a seconda delle attività che gli atleti fanno in campo. È fondamentale per garantire un’adeguata ripresa con i minori rischi possibili».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Scoperta la causa dell’amnesia dopo un trauma cranico, ora i ricercatori sanno come curarla
L'amnesia che si verifica nelle persone che subiscono ripetuti traumi alla testa, come ad esempio gli atleti, è una condizione che potrebbe potenzialmente essere invertita. Almeno questo è quanto ha dimostrato un gruppo di ricercatori del Georgetown University Medical Center, in collaborazione con il Trinity College di Dublino, Irlanda, in uno studio sui topi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Neuroscience
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...