Salute 9 Giugno 2020 11:55

Calcio post-Covid: fischio d’inizio della serie A il 20 giugno. Così cambiano le regole negli spogliatoi

Vanin (fisioterapista della Sampdoria): «Allenamenti personalizzati per atleti reduci dal Covid e sali minerali, zuccheri e proteine per affrontare partite ogni tre giorni»

di Federica Bosco

Tamponi, test e distanziamento sociale tra gli atleti. Queste le prime regole adottate dal mondo del calcio a pochi giorni da sabato 20 giugno, quando ci sarà il fischio di inizio della seconda parte del campionato, post Covid. Le squadre si stanno preparando per il ritorno in campo con nuove disposizioni di vestizione pre e post allenamento, spogliatoi divisi e più postazioni di infermeria. Un cambiamento disciplinato dal protocollo della FIGC e redatto dalla commissione medico scientifica della Federazione che ha introdotto nuovi concetti, come spiega Alessio Vanin, fisioterapista della Sampdoria ed esponente di AIFI, l’Associazione Italiana Fisioterapisti che in questo periodo segue da vicino il ritorno all’attività dei calciatori italiani.

«Ogni 14 giorni facciamo i test sierologici e ogni 4 i tamponi naso faringei – ricorda Vanin, che dal 18 maggio ha ripreso per mano gli atleti blucerchiati per condurli verso una seconda parte del campionato in condizioni ottimali, cercando di recuperare posizioni e di rimanere agganciati alla massima serie -. Andiamo avanti con questa nuova routine che ci garantisce di analizzare tutto in tempi rapidi e in maniera cadenzata, abbastanza frequentemente, in modo da permetterci di isolare, nel caso dovesse accadere, nuovi positivi, prima che si possa verificare un nuovo contagio».

Per quanto riguarda le procedure da rispettare, secondo le linee guida dettate dalla Federazione, la Sampdoria ha adottato dispositivi di protezione individuale per proteggere lo staff e gli atleti: durante le sedute di fisioterapia, ad esempio, professionista sanitario e calciatore sono muniti di mascherina. «Evitiamo code ed assembramenti – racconta – e diamo orari scaglionati per gli arrivi e le uscite dallo spogliatoio. In questo modo i tempi tendono a dilatarsi, ma è il prezzo che dobbiamo “pagare” per questa nuova realtà».

LEGGI ANCHE: FASE 2 E PALESTRE: COME E QUANDO TORNEREMO AD ALLENARCI?

Importanti aspetti  del ritorno in campo riguardano i calciatori che hanno avuto il Covid, per i quali è stato necessario garantire una maggiore attenzione per scongiurare eventuali effetti collaterali di natura fisica e psicologica, in un momento in cui i ritmi saranno ancora più incalzanti, le temperature roventi e un ciclo di incontri serrato metterà le squadre in campo ogni tre giorni.

«Alla ripresa degli allenamenti  i ragazzi che hanno avuto il Covid sono stati analizzati in maniera molto precisa e approfondita proprio per escludere qualunque tipo di complicanza. Solo durante i primi allenamenti e le prime attività si sono verificate situazioni di affaticamento. Ma è stata una parentesi temporale breve – ammette Vanin -, durata poco più di una settimana, in cui qualcuno ha avuto maggiori difficoltà nella ripresa della condizione. Ora le situazioni sono tutte rientrate e non ci sono criticità o ragazzi che presentano particolari problemi. Quindi non è stato necessario prendere delle precauzioni particolari se non valutare nei giusti modi il carico di allenamento e percezione dello sforzo in maniera tale da gestire bene ogni situazione».

Definiti i ritmi degli allenamenti e le distanze negli spogliatoi e nelle aree comuni, resta l’enigma del campo, dove il contatto tra i calciatori è pressoché inevitabile: «Stiamo seguendo il protocollo ministeriale e siamo convinti che tutto andrà per il meglio. Certo, in campo non è possibile garantire il distanziamento, ma con il supporto dei tamponi e dei test sierologici siamo convinti di poter giocare in sicurezza. La paura che si percepisce tra i ragazzi non è tanto di prendere il Covid, ma piuttosto di farsi male per il carico di lavoro dopo due mesi di inattività e tante partite ravvicinate che li attendono. Per questo siamo molto attenti nell’integrare a fine allenamento sali minerali, zuccheri e proteine con bevande che variano a seconda delle attività che gli atleti fanno in campo. È fondamentale per garantire un’adeguata ripresa con i minori rischi possibili».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto
La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marziale (specialista in diritto del lavoro e sanitario)
Vaccino Covid, Manai (Pd): «Specializzandi disponibili per campagna ma serve volontarietà e contrattualizzazione»
«Tutto deve essere fatto nel rispetto del loro ruolo e della professione che essi ricoprono» afferma Stefano Manai, Responsabile della nazionale della Formazione sanitaria del Partito democratico
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...