Salute 11 Maggio 2020 15:49

Fase 2 e palestre: come e quando torneremo ad allenarci?

In attesa che il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, definisca le linee guida per la riapertura in sicurezza delle palestre, a Sanità Informazione il parere tecnico di Marco Neri, vice presidente della Federazione Italiana Fitness (FIF) e quello scientifico di Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG)

di Isabella Faggiano
Fase 2 e palestre: come e quando torneremo ad allenarci?

La fase 2 dell’emergenza Coronavirus continua. E mentre alcune attività affrontano la seconda settimana di riapertura, altre si preparano alla ripartenza. Il 18 maggio, secondo quanto affermato, nei giorni scorsi, dal ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, sarà possibile tornare ad allenarsi in palestra.

Ingressi scaglionati, rilevazione della temperatura corporea all’accesso, sanificazione degli ambienti, mantenimento del distanziamento sociale, fornitura dei dispositivi di sicurezza: sono solo alcune delle indicazioni che i gestori delle strutture sportive dovranno seguire. Ma per avere delle regole più precise sarà necessario attendere ancora qualche giorno.

Intanto, sul tavolo del Ministero sono già pervenute diverse proposte di federazioni e associazioni di categoria. «Nella nostra – spiega Marco Neri, vice presidente della Federazione Italiana Fitness (FIF), a Sanità Informazione – abbiamo innanzitutto chiarito quante persone possono essere presenti per ogni metro quadro disponile. Nella sala attrezzi consigliamo l’accesso ad un individuo ogni 10 mq. Più difficile, invece, stabilire la presenza negli ambienti dove si pratica un’attività di gruppo dinamica, come ad esempio l’aerobica, che presuppone movimenti da una parte all’altra della sala. È probabile, come risulta da una nostra indagine interna, che molti proprietari di palestra decideranno, almeno in una prima fase, di non riattivare corsi di gruppo dinamici, ma solo quelli dove è più facile garantire la distanza di sicurezza, come il pilates, lezione durante la quale i vari partecipanti restano fermi sul medesimo posto. Gli sport con contatto tra gli individui – aggiunge il vice presidente della FIF – dalla pallanuoto alle arti marziali, almeno in questa prima fase, potrebbero essere più complessi da gestire».

LEGGI ANCHE: #IOMIALLENOACASA, VIRALE LA CAMPAGNA CHE PROMUOVE LO SPORT IN QUARANTENA. IL KARATEKA MANISCALCO: «BASTANO 15-20 MINUTI PER TENERSI IN FORMA»

Al di là della tipologia di allenamento, statica o dinamica che sia, se è di gruppo dovrà essere necessariamente ridimensionata: «Per i corsi collettivi – dice Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) – si dovrà procedere ad una riduzione del numero dei partecipanti. Non è più pensabile assembrare un folto gruppo di persone sudate, accaldate e prive di mascherina, dispositivo sconsigliato durante l’attività fisica in quanto riduce notevolmente la capacità respiratoria».

Alla reception sarà necessario evitare gli affollamenti: «Eventuali poltroncine – dice Marco Neri – dovranno essere poste ad una distanza minima di un metro l’una dall’altra. Prima di entrare verrà misurata la temperatura corporea e si accederà solo su appuntamento e per una durata prestabilita, fissando dunque sia l’ora d’entrata e che quella di uscita, attraverso una app, una e-mail o una semplice telefonata. In questo modo potrà essere sempre garantito il rispetto del numero massimo di persone per metro quadro. Abbiamo anche proposto, oltre al consueto certificato medico di idoneità alla pratica sportiva, la presentazione di un’autocertificazione per assicurare di non essere in quarantena».

Più difficile potrebbe essere, invece, la gestione delle persone in movimento, una volta superata la zona di accesso: «Ci saranno enormi differenze tra le strutture di grandi dimensioni e quelle più ridotte – sottolinea Cricelli -. In queste ultime sarà sicuramente più impegnativo tenere il distanziamento che dovrà essere non inferiore ai 2,5 metri».

LEGGI ANCHE: FASE 2, PANGEA LANCIA PIATTAFORMA WEB PER MONITORARE I CONTAGI

Anche le strutture dovranno essere adeguate alle nuove misure di sicurezza: «È probabile che si richieda l’installazione di plexiglass per dividere il personale alla reception dai clienti – dice Neri -, l’impiego di DPI per i lavoratori, di un registro per la sanificazione degli ambienti, la fornitura di gel igienizzanti per chi si allena, e di prodotti per la pulizia degli attrezzi. Adeguamenti che potrebbero costringere i gestori delle palestre a posticipare al 25 maggio l’apertura delle strutture».

Igienizzare resterà, dunque, la parola d’ordine anche in palestra: «L’uso dei guanti non sembrerebbe necessario – continua il vice presidente della Federazione Italiana Fitness -. L’importante è igienizzarsi le mani prima e dopo l’utilizzo di ogni attrezzo. Poi, l’attività sportiva dovrà essere praticata indossando indumenti ad hoc, che si utilizzano solo all’interno della palestra. Gli spogliatoi potranno essere aperti, sempre con accessi scaglionati ed è probabile che, con lo stesso criterio, si possa consentire l’utilizzo delle docce. Negli ambienti dovrà essere garantito il ricircolo d’aria, aprendo le finestre o attraverso impianti di condizionamento rigorosamente controllati e sottoposti a regolare manutenzione».

E se tutto questo non dovesse farci sentire al sicuro? «Anche la diffidenza sarà un problema da affrontare – commenta il presidente SIMG, – poiché non potremmo mai conoscere lo stato di salute di chi ci passa accanto. Per questo, in caso di dubbio, consiglio sempre di ripetere quello che definisco il “mantra” del momento, le quattro misure fondamentali di sicurezza: lavarsi le mani, igienizzarsi in entrata e in uscita, indossare la mascherina e – conclude Cricelli – mantenere il distanziamento sociale».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Lotta all’HIV, arriva il supporto dei medici di famiglia per scovare il sommerso
«Si stima che in Italia ci siano circa 10mila persone inconsapevoli di essere infette dal virus dell’HIV. Il Medico di famiglia è impegnato nell’emersione del sommerso e nel seguire i pazienti in trattamento, visto che l’aspettativa di vita si è notevolmente allungata» sottolinea Alessandro Rossi, Responsabile SIMG Patologie Acute
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Luce verde per gli screening HCV nel 2023. Fondamentale il ruolo dei medici di famiglia anche per diagnosi e trattamenti
«Quello che stiamo per affrontare è un momento chiave: il medico di famiglia resta la figura principale per raggiungere la popolazione generale dove si può nascondere il virus e colui che può indirizzare le persone a rischio verso screening e linkage-to-care», sottolinea Alessandro Rossi, Responsabile SIMG Malattie Infettive
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...