Salute 1 Ottobre 2020 09:45

Bonus tiroide, Toscano (Ame): «Consultare endocrinologi, patologie troppo diverse»

Per ottenere il bonus tiroide bisognerà passare una visita della commissione sanitaria Inps. Per il professore ci sono troppe differenze tra le patologie e dare a tutti l’indennizzo non avrebbe senso

Bonus tiroide, Toscano (Ame): «Consultare endocrinologi, patologie troppo diverse»

Da 286 a 550 euro. In questi giorni si discute molto del cosiddetto “bonus tiroide” riconosciuto dall’Inps. Il nome non è esattamente appropriato. Si tratta in effetti di un assegno di invalidità civile, riservato a chi soffre di uno dei quattro disturbi della tiroide: carcinomi tiroidei, gozzo, ipotiroidismo e ipertiroidismo.

Per farne richiesta sarà necessario presentare domanda all’Inps e superare la visita di accertamento della Commissione sanitaria dell’Asl locale. Sono ancora molto poche, tuttavia, le notizie chiare sul bonus tiroide e sulle possibili distinzioni necessarie per richiederlo. Sanità Informazione ha raggiunto il prof. Vincenzo Toscano, endocrinologo e past president di Ame (Associazione medici endocrinologi) per qualche delucidazione.

TOSCANO: «UTILE PARERE ENDOCRINOLOGI»

«Noi di Ame non siamo stati interpellati né dai politici né dall’Inps – spiega alla richiesta di maggiori dettagli –. Coinvolgere gli endocrinologi, che siano associazioni o società scientifiche, è importante per poter porre anche un discrimine su quali pazienti abbiano diritto a un’invalidità civile».

Tra le informazioni per ottenere il bonus tiroide si parla di ipotiroidismo e ipertiroidismo senza ulteriori specifiche. Toscano invita anche a valutare le richieste in un’ottica di giustizia sociale rispetto ai problemi causati dalle disfunzioni della tiroide. «Esiste la tiroidite cronica che si cura con un semplice farmaco, concedere a tutti un indennizzo non avrebbe senso», fa presente.

TOSCANO: «PATOLOGIE VANNO SELEZIONATE»

«La consulenza medica da questo punto di vista è imprescindibile – aggiunge Toscano –, le patologie vanno selezionate. Il paziente colpito da tumore tiroideo, recidivante, che ha problematiche che possono andare avanti tutta la vita come un ipoparatiroidismo o una lesione del laringeo, ha completo diritto a un aiuto. In quanto anche lavorare può risultare difficile».

Ma una popolazione troppo vasta che dovesse avere accesso al bonus sarebbe controproducente, secondo il professore. «L’iniziativa può avere un valore se viene circostanziata – conclude Toscano – e dedicata a un numero ristretto di pazienti con lesioni importati che ne condizionano la vita. Ai pazienti consiglio di consultare il proprio endocrinologo prima di fare richiesta e procedere quindi a una valutazione con il professionista».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colesterolo, gli esperti AME: «Meno fai da te anche con integratori e prodotti naturali»
Nuova direttiva ministeriale sui prodotti a base di monacolina. De Geronimo: «La facile reperibilità senza prescrizione medica e spesso anche nei supermercati degli integratori a base di questa sostanza hanno favorito un uso improprio e sovradosaggi da cure fai-da-te»
Carenza di Vitamina D e altri nutrienti, gli esperti AME: «Attenzione a non imbottirsi di integratori»
Carenza di Vitamina D e altri nutrienti. Gli esperti AME avvertono: «Attenzione a non imbottirsi di integratori»
di Fabiola Zaccardelli
Noduli alla tiroide, AME: «La diagnosi provoca ansia e preoccupazione, fondamentale corretta informazione»
Settimana della Tiroide, parte il progetto “Tiroide e salute: io mi informo bene”. Le nuove Linee Guida redatte da AME in collaborazione con tutte le principali Società Scientifiche italiane
Endocrinologi a congresso, tutte le novità più recenti della ricerca clinica e di base
Franco Grimaldi, presidente dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS): "Il Congresso Europeo di Endocrinologia, che si terrà da sabato 21 maggio a Milano, sarà un'occasione importante di confronto tra gli endocrinologi italiani ed europei"
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...