Salute 1 Ottobre 2020

Bonus tiroide, Toscano (Ame): «Consultare endocrinologi, patologie troppo diverse»

Per ottenere il bonus tiroide bisognerà passare una visita della commissione sanitaria Inps. Per il professore ci sono troppe differenze tra le patologie e dare a tutti l’indennizzo non avrebbe senso

Immagine articolo

Da 286 a 550 euro. In questi giorni si discute molto del cosiddetto “bonus tiroide” riconosciuto dall’Inps. Il nome non è esattamente appropriato. Si tratta in effetti di un assegno di invalidità civile, riservato a chi soffre di uno dei quattro disturbi della tiroide: carcinomi tiroidei, gozzo, ipotiroidismo e ipertiroidismo.

Per farne richiesta sarà necessario presentare domanda all’Inps e superare la visita di accertamento della Commissione sanitaria dell’Asl locale. Sono ancora molto poche, tuttavia, le notizie chiare sul bonus tiroide e sulle possibili distinzioni necessarie per richiederlo. Sanità Informazione ha raggiunto il prof. Vincenzo Toscano, endocrinologo e past president di Ame (Associazione medici endocrinologi) per qualche delucidazione.

TOSCANO: «UTILE PARERE ENDOCRINOLOGI»

«Noi di Ame non siamo stati interpellati né dai politici né dall’Inps – spiega alla richiesta di maggiori dettagli –. Coinvolgere gli endocrinologi, che siano associazioni o società scientifiche, è importante per poter porre anche un discrimine su quali pazienti abbiano diritto a un’invalidità civile».

Tra le informazioni per ottenere il bonus tiroide si parla di ipotiroidismo e ipertiroidismo senza ulteriori specifiche. Toscano invita anche a valutare le richieste in un’ottica di giustizia sociale rispetto ai problemi causati dalle disfunzioni della tiroide. «Esiste la tiroidite cronica che si cura con un semplice farmaco, concedere a tutti un indennizzo non avrebbe senso», fa presente.

TOSCANO: «PATOLOGIE VANNO SELEZIONATE»

«La consulenza medica da questo punto di vista è imprescindibile – aggiunge Toscano –, le patologie vanno selezionate. Il paziente colpito da tumore tiroideo, recidivante, che ha problematiche che possono andare avanti tutta la vita come un ipoparatiroidismo o una lesione del laringeo, ha completo diritto a un aiuto. In quanto anche lavorare può risultare difficile».

Ma una popolazione troppo vasta che dovesse avere accesso al bonus sarebbe controproducente, secondo il professore. «L’iniziativa può avere un valore se viene circostanziata – conclude Toscano – e dedicata a un numero ristretto di pazienti con lesioni importati che ne condizionano la vita. Ai pazienti consiglio di consultare il proprio endocrinologo prima di fare richiesta e procedere quindi a una valutazione con il professionista».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Stop ai convegni tradizionali: da oggi gli endocrinologi dell’AME si formano online
Il Convegno G·AME del 10 ottobre diventa virtuale. Ipofisi, tiroide e metabolismo osseo al centro di ‘This year in’, il primo incontro interattivo, digitale e peer to peer
Menopausa: sì a terapia ormonale sostitutiva, ma non per tutte
Da AME una guida in 7 punti per una gestione "personalizzata" della menopausa con particolare riferimento alla terapia ormonale sostitutiva
Coronavirus, rivelata la “doppia faccia” del testosterone che aumenta i rischi negli uomini
Edoardo Guastamacchia, presidente di AME: «A livelli normali l'ormone aumenta rischio infezione, a livelli bassi incrementa il rischio complicanze e morte»
In estate boom di integratori “dopanti”, giovani a rischio
L'Associazione medici endocrinologi (AME): «No a facili scorciatoie, con il 'fai da te’ possibili conseguenze sulla salute»
Calvizie femminile, AME: «Gli androgeni non sono sempre una “spia”»
In Italia ne soffrono 4 milioni di donne. Gli esperti di AME: «È meglio intervenire tempestivamente, quando il danno è ancora limitato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...