Salute 28 Febbraio 2019 11:10

Blockchain in sanità, la frontiera delle staminali per la ricerca. Totta (Futura Stem Cells): «La catena dei blocchi certifica la conservazione dei campioni»

«La ricerca sta facendo grandi passi avanti, sarebbe opportuno riaprire il dibattito in Italia sulla conservazione autologa solidale con un modello che sta emergendo in Europa e nel resto del mondo» così la dottoressa Pierangela Totta, Direttore Scientifico di Futura Stem Cells, a Sanità Informazione

Le potenzialità e i benefici della blockchain in sanità sono molteplici: dalla gestione dei dati sanitari a partire dalle cartelle cliniche alla lotta ai farmaci contraffatti passando per la formazione ECM certificata fino ad arrivare alla tracciabilità della crioconservazione delle cellule staminali prelevate dal cordone ombelicale.

Delle moltissime applicazioni per la sanità di questa nuova ed innovativa tecnologia si è discusso nel recente evento in Senato Blockchain in Sanità: opportunità e prospettive” organizzato dal senatore Pierpaolo Sileri, Presidente della Commissione Sanità del Senato. In questa occasione, Consulcesi Tech ha presentato progetti digitali blockchain per l’healthcare già attivi, come Futura Stem Chain che permette di definire, tracciare e controllare con la “catena dei blocchi” tutto l’iter del processo di crioconservazione delle cellule staminali del sangue cordonale.

Il sangue del cordone ombelicale è una preziosa fonte di cellule staminali con potenziale terapeutico per il trattamento di alcune patologie. Il Ministero della Salute ne ha identificate più di 80: l’elenco di tali malattie è presente nel DM del 18 novembre del 2009.

Approfondiamo il tema con Pierangela Totta, Direttore Scientifico di Futura Stem Cells, azienda in forte espansione e alla ricerca di consulenti qualificati (per informazioni scrivere a info@futurasc.it), – che pensa sia opportuno riaprire un tavolo di confronto sull’argomento alla luce dei passi avanti fatti nella ricerca.

Le potenzialità della blockchain in sanità sono arrivate anche al centro del dibattito politico-istituzionale. In che modo “la catena dei blocchi” può rappresentare un vantaggio nella conservazione delle staminali?

«Attraverso la trasparenza, la riservatezza e la tracciabilità di tutto l’iter. Futura Stem Chain nasce proprio per questo, per definire il processo di conservazione di un campione di cellule staminali autologo, in tutte le sue fasi e certificarlo. Questo per far sì che un utente – in questo caso un genitore – possa dialogare con un medico specialista, conoscere la banca di appartenenza e aver dimostrazione della qualità delle cellule e, di conseguenza, anche di tutto il processo».

Dalle cartelle cliniche alle survey sanitarie, passando per la contraffazione dei farmaci fino ad arrivare alla crioconservazione delle cellule staminali e quindi anche alla loro tracciabilità. Alla luce di quello che è emerso dal convegno ed anche delle innovazioni in sanità, è il caso di riaprire il dibattito su questo in Italia?

 «Si certo, il nostro Paese permette alle famiglie di scegliere di “conservare pubblicamente” donando il campione in maniera solidale, ma anche di conservarlo per la propria famiglia nelle banche pubbliche nel momento in cui quella famiglia ha una reale necessità. Inoltre, è anche possibile conservarlo per uso autologo, ma in quest’ultimo caso, portando il campione all’estero. Questo significa che una famiglia che fa una scelta del genere non può conservare, ad oggi, i proprio campioni in Italia. Per questo, sarebbe il caso di riaprire il dibattito sia per quanto riguarda la banca privata in Italia che per quanto riguarda il modello nuovo che sta emergendo in Europa e nel resto del mondo che sono le banche ibride. Si tratta di banche che permettono ad una famiglia di trasformare un campione sia per uso personale che per uso solidale, inserendolo in un registro internazionale. In questo modo, il campione avrebbe la potenzialità di una donazione: verificata la compatibilità, sarebbe accessibile da una persona malata che e ha bisogno».

Articoli correlati
Chemioterapia ‘ad alta temperatura’ in sala operatoria e radioterapia in sole tre sedute. Le nuove sperimentazioni dell’oncologia
Al Gemelli è stato eseguito con successo, su un uomo di 63 anni affetto da mesotelioma pleurico, un intervento di resezione chirurgica della pleura con successiva infusione locale di chemioterapico a 41°C. All’Istituto Tumori Regina Elena, oltre 140 pazienti con neoplasia della prostata sono stati trattati in sole 3 sedute di radioterapia
di Isabella Faggiano
Come si viene inseriti nella Lista degli Enti di Formazione Esteri?
Per l’inserimento nella Lista degli Enti di Formazione Esteri (LEEF) non è necessario che gli Enti medesimi facciano direttamente domanda alla CNFC. L’inserimento può avvenire anche su segnalazione o indicazione, motivata, di chiunque, ad esempio il professionista sanitario interessato o dall’Ente stesso, previa valutazione della CNFC che si avvale della valutazione della Sezione V. La […]
DEF e scostamento di Bilancio all’esame del Parlamento. Audizione di Sileri sul Digital Green Pass
Settimana cruciale per i provvedimenti economici prima del varo del PNRR. Camera e Senato impegnate sul Documento di Economia e Finanza. In Commissione Sanità audizione del Garante per l’infanzia sull’impatto della didattica digitale a distanza
Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni
La Conferenza Stato-Regioni ritarda l’approvazione del decreto che regola le polizze assicurative dei professionisti sanitari. Tra gli elementi ostacolati, la proposta di legare la formazione continua alla prevenzione del rischio clinico
Piano oncologico nazionale, medicina territoriale e vaccini nella settimana parlamentare. Informativa di Speranza alla Camera
È ancora la campagna vaccinale a tenere banco nella politica italiana. Il Ministro della Salute ne parlerà a Montecitorio giovedì 15 aprile. In Commissione Sanità audizioni su impatto della DAD e potenziamento medicina territoriale. Risoluzione sulla salute dei bambini in Commissione Affari Sociali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 aprile, sono 142.964.759 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.044.492 i decessi. Ad oggi, oltre 919,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...